Domanda di Implantologia

Risposte pubblicate: 6

Che cosa mi consigliate: la sella o l'impianto?

Scritto da Annarosa / Pubblicato il
Ho 58 anni, a ottobre 2008 ho terminato il rifacimento della bocca. Ad aprile 2009 mi si è mosso un ponte inferiore destro.  E' stato necessario rimuoverlo e dopo circa 15 giorni ho dovuto subire  l'estrazione del 7° e del 4° che, da monconi, sorreggevano il ponte.  Ora sul lato destro ho solo 3 monconi ricoperti in ceramica/oro e il  dentista mi prospetta o una sella da agganciare a questi monconi o un  impianto. Nel 1987 ho già subito in questa parte un intervento per  denti incluso e l'osso è già stato martoriato. Avendo tolto il 4° il  29 giugno, quanto devo aspettare per fare una radiografia che metta in  luce la situazione dell'osso? Che cosa mi consiglia: la sella o l'impianto?  Grazie per un eventuale risposta. Distinti saluti Annarosa 
Signora Annarosa è più auspicabile, se possibile, inserire impianti che evitano di fatto il sovraccarico di altri denti. Comunque, quando possibile è giusto pensare ad una riabilitazione fissa. A tre mesi dall'estrazione, può effettuare la radiografia (rx - tac). se rivelerà una quantità ossea necessaria, potrà inserire l'impianto. Cordialità.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Cara Sig.ra, oggi l'implantologia ha raggiunto mete altissime. Gli impianti sono molto più performanti di prima ed altrettanto i colleghi che li eseguono. Aspetti un'attimo che madrenatura rimaneggi e metta a posto l'osso e dopo si sottoponga ad una TAC Dentalscan. Proprio a Como, l'ospedale Valduce ha un software veramente interessante. Quindi valuti attentamente il da farsi. Cordialità.

Scritto da Dott. Walter Renda
Como (CO)

Gentile signora non avrei dubbi a consigliare un ponte combinati pilasri naturali (devitalizzandoli) ed impianti, per l'osso non ci sono problemi

Scritto da Dott. Edoardo Agrillo
Roma (RM)

Cara Signora Annarosa...la situazione sembra seria e in basa ad un semplice "racconto" non è possibile dare un consiglio professionalmente valido. E' ovvio che sono auspicabili tutte quelle soluzioni che tendono a riabilitare in modo totale e fisso le sue arcate dentarie...sia con denti naturali...che con oprotesi che con impianti...Cprdialmente Gustavo Petti Parodontologo in Cagliari e Riabilitazione Orale Completa In casi Clinici Complessi

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora, ove possibile consiglierei senza dubbio di procedere non con un impianto, ma con almeno tre impianti che possano sostituire il 4°-5°-6°: bisogna infatti considerare che il carico in queste zone è notevole e spesso la disponibilità di osso mandibolare non è eccessiva per la presenza del nervo alveolare inferiore: esistono tecniche molto sicure e semplificate che permettono di inserire in tali zone problematiche piccoli impianti ad alto ''grip'', cioè ad alta stabilità primaria, soprattutto se queste sedi sono state trattate chirurgicamente per altri motivi, con minimo o nullo stress sia per il paziente, sia per il dentista che le può eseguire in tutta tranquillità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Cirulli
Bologna (BO)

Sig. Annarosa, la giusta risposta, di quanto attendere prima di eseguire accertamenti radiografici, la può dare il suo dentista, perché conosce il suo cavo orale, poi visionerà la Rx e le consiglierà la soluzione più valida.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento