Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 7

Lunedì scorso ho tolto il dente del giudizio inferiore destro

Scritto da Carlotta / Pubblicato il
Buongiorno, lunedì scorso ho tolto il dente del giudizio inferiore destro. Era stata fatta la lastra e l'operazione di estrazione è durata cinque minuti dopodiché mi sono stati messi alcuni punti di sutura. Data la semplicità dell'intervento, il mio dentista ha preferito non prescrivermi nessuna cura antibiotica in quanto sarei dovuta guarire facilmente e il dolore sarebbe durato meno di 48 ore. Nelle 36 ore successive non ho riscontrato problemi, il dolore sembrava pian piano scemare ma lo coprivo comunque con due Synflex al giorno. Nella notte tra martedì e mercoledì sono iniziati dolori molto intensi, pulsanti, che si irradiano fino alla tempia e soprattutto all'orecchio e che ancora oggi non sono diminuiti. Sono passata dal Synflex ad almeno tre bustine di Oki al giorno, il cui effetto antidolorifico dura però solo 4/5 ore. Mercoledi mi ero comunque recata dal dentista per un controllo, ma lo stesso non ha rilevato complicazioni nè infezioni. Mi ha però prescritto l'Augmentin da prendere ogni 12 ore. (Sottolineo che tale antibiotico lo prendo sempre quando ho le placche in gola, ma in tal caso ne prendo una compressa ogni 8 ore e l'effetto lo sento sempre già al secondo giorno.) Per la prima volta ho provato a comprare l'antibiotico equivalente all'Augmentin, rassicurata per la sua efficacia anche dal farmacista. Oggi sono al quinto giorno di cura e ancora non vedo grossi risultati, se non che per la prima volta dopo giorni, l'antidolorifico ha fatto effetto per quasi 7 ore e non le 4/5 degli scorsi giorni. Inoltre, questa mattina mi sono recata dal dentista per un'altra visita. Mi sono stati tolti i punti di sutura, che a parer suo, non erano nemmeno molto "sporchi", a vista non ha trovato niente di strano, infine ha fatto una radiografia e ancora non ha trovato motivo al mio dolore. Il dentista ha detto che ho avuto una guarigione veloce, tant'è che l'osso nella cavità alveolare si stava già riformando e che non ho nessuna infezione. Pertanto l'unica spiegazione che mi ha saputo dare riguarda l'antibiotico, che essendo un generico, non ha sortito lo stesso effetto dell'Augmentin vero e proprio quindi mi ha consigliato di passare oggi a 3 compresse di Augmentin al giorno per altri 3 giorni almeno. Non avendomi dato grande sicurezza, in quanto mi ha detto che non ha mai visto un post-intervento cosi, chiedo a voi: può essere una spiegazione plausibile oppure dovrei farmi vedere da un altro dentista? Secondo il dentista l'unico sbaglio che è stato fatto è stato quello di non prendere l' antibiotico per tempo. Inoltre il mio terrore era che fosse un'alveolite, ma il dentista ha escluso il tutto, dicendo che le alveoliti si sviluppano quando non vengono dati punti di sutura. Inoltre, aggiungo che ieri pomeriggio mi ero accorta che una piccola porzione di gengiva che ricopre il molare a fianco al dente del giudizio estratto, proprio sul "bordo" era bianca, per diventare un puntino stanotte e scomparire questa mattina. La gengiva comunque rimane leggermente infiammata. Il dentista ha minimizzato, dicendo che è normale e non è indice di niente. Cosa dovrei fare ora? Ho paura di portarmi questo mal di denti per molti altri giorni e non riesco più a sopportarlo in quanto dormo 4 ore a notte e passo le giornate stesa a letto. Grazie.
Gentile Paziente, le ipotesi che possiamo fare via web sono sostanzialmente due: - ha sviluppato una resistenza all'antibiotico che lei, sembra di capire, prende al "bisogno" (Sottolineo che tale antibiotico lo prendo sempre quando ho le placche in gola, ma in tal caso ne prendo una compressa ogni 8 ore) e forse senza specifica prescrizione del medico. Comunque dubito che la causa sia nella minore efficacia terapeutica del farmaco generico che ha assunto. - si è verificata un'alveolite post-estrattiva che, mi dispiace contraddire il collega, può avvenire indipendentemente dai punti di sutura. Se attualmente la situazione sta migliorando un po' alla volta è probabile che entro qualche giorni il quadro clinico dovrebbe risolversi. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Gentile Sig.ra Carlotta, per prima cosa l’alveolite viene a prescindere se sono stati dati i punti o no. Molto più importante è il sanguinamento post intervento e il coagulo. Soprattutto in caso di alveolite l’antibiotico ha scarso e faticoso effetto. Se non si provoca un nuovo sanguinamento dell’alveolo l’antibiotico come arriva? Il bordo bianco della gengiva può essere una fase della guarigione. Infine che dopo una settimana l’osso si stia riformando è assurdo, assolutamente non può essere vero, anche in un decorso normalissimo. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Carlotta, "Secondo il dentista l'unico sbaglio che è stato fatto è stato quello di non prendere l' antibiotico per tempo." Può essere vero e personalmente prescrivo sempre un antibiotico di copertura prima di una avulsione dentaria specie se di radici infette, da iniziare almeno 48 ore prima dell'intervento e proseguire per almeno 5-7 giorni dopo ed anche di più a seconda dei casi e a dosi alte. Un'aforisma recita" Gli antibiotici e sempre meglio non prenderli ma se si dovessero assumere, bisogna farlo a dosi piene e per molti giorni, se no ci si "sensibilizza" all'antibiotico, ossia, in parole povere e comprensibili, i microbi non verrebbero "uccisi" ma solo tramortiti e figlierebberto generazioni resistenti all'antibiotico che non farebbe più effetto se ne avesse un domani bisogno per situazioni cliniche serie! Per i punti, non centrano niente col formarsi o no di una alveolite secca o umida che sia!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Carlotta, la sua è sicuramente una alveolite post estrattiva, molto dolorosa e molto lunga da curare, a volte anche un mese, l'antibiotico ha pochissimo effetto, ci sono altre pratiche terapeutiche da seguire, che sicuramente il collega conoscerà.

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Gentile signora verosimilmente ha un'alveolite post estrattiva. Dica al Collega di contattarmi che gli darò delle indicazioni con le quali potrà toglierle tutti i disturbi in pochi minuti. Cordialmente

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Sig. Carlotta, "l'osso nella cavità alveolare si stava già riformando e che non ho nessuna infezione""ha escluso il tutto, dicendo che le alveoliti si sviluppano quando non vengono dati punti di sutura" Spero che queste due frasi derivano da una sua incomprensione, controlli se chi ha operato su di lei è iscritto all'ordine dei medici.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Si tratta di un alveolite post estrattiva. Ti consiglio di iniettare all interno della ferita acqua ossigenata 3 volte al giorno con una normale siringa e inoltre potresti utilizzare in loco gel a base di acido ialuronico.qc giorno e tutti i sintomi andranno via, un saluto...dott. Antonio Ferrara parete (caserta)

Scritto da Dott. Antonio Ferrara
Parete (CE)