Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 9

Posso fare la risonanza vista la presenza della protesi metallica?

Scritto da franco / Pubblicato il
Mi è stata applicata nel dicembre scorso una protesi Maryland bridge (che il mio dentista afferma essere costituita da una lega di oro, argento e palladio). Ora io devo fare una risonanza magnetica della regione sellare-ipofisaria per verificare gli esiti di una ipofisectomia subita anni orsono) Domanda: posso fare la risonanza oppure no, vista la presenza della protesi metallica? Grazie Franco
Gentile Franco, ritengo che la sua domanda più giustamente debba essere rivolta al Radiologo che dovrà effettuare la R.M. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile paziente, dipende sostanzialmente dal tipo di lega impiegato. Con le leghe in oro come la sua, non ci sono problemi. Vista la sua età le ricordo che sono una controindicazione alla RMN la presenza di un Pacemaker e di alcune tipologie di cristallino artificiale, soprattutto se impiantato più di 10 anni fà, (che viene impiegato nella chirurgia della cataratta), che , nel caso, andrà verificato. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Caro Signor Franco, può fare la RM tranquillamente, non ci sono controindicazioni per portatori di protesi fisse ma ci sono per portatori di protesi rimovibili (mobili) che devono infatti toglierle. Il Maryland è fisso ma è incollato, quindi, in ogni caso dica al Radiologo che le farà la RM che è portatore di un Maryland bridge per il semplice fatto che, essendo un ponte "incollato" potrebbe per azione magnetica staccarsi, almeno in teoria perchè pur non essendo i materiali citati da lei influenzabili da magnetismo (provi per esempio avvicinando al ponte una calamita), tuttavia essi sono sempre mischiati ad altri materiali che invece ne subiscono l'effetto, ma sono in bassa percentuale!Ne parli col suo Dentista che potrebbe temporaneamente ed eventualmente, prima di fare la RM, proteggere il Maryland con semplice Silicone da portare solo per il tempo della RM! Questo per essere precisi. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gent. Sig. Franco Credo che non ci siano assolutamente controindicazioni all'esecuzione di una RM con il Maryland in situ, visto che la RM riguarda la regione ipofisaria e non il massiccio facciale, non c'è quindi nessun tipo di interferenza e di interpretazione. Cordialmente Dr. Paolo Formenti

Scritto da Dott. Paolo Formenti
Senago (MI)

Gentile Sig. Franco, non vi sono sostanziali controindicazioni ai portatori di Maryland bridge a eseguire una risonanza magnetica della regione sellare-ipofisaria. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora la presenza di una protesi metallica potrebbe alterare le immagini della RMN e dare delle informazioni non corrette, sarebbe meglio far rimuovere il manufatto e farlo ricementare in seguito. non dovrebbero esserci problemi per lei e il suo dentista. Auguri

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Rocchi
Roma (RM)

Non ci sono problemi, ma è giusto mettere a conoscenza il radiologo che effettuerà l'RMN della presenza della protesi.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Non possiamo certo evitare di fare l'esame diagnostico perchè ha una protesi non rimovibile metallica in bocca. Porti a conoscenza del radiologo la sua situazione e vedrà che tutto andrà per il meglio. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Franco porti a conoscienza il radiologo del manufatto, prima di sottoporsi alla RMN.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)