Domanda di Chirurgia

Risposte pubblicate: 14

Molare cresciuto in orizzontale all'interno della gengiva

Scritto da Germana / Pubblicato il
Carissimi Dottori buongiorno, ho un problema da risolvere riguarda la mia bambina di quasi 13 anni. Avendo fatto la panoramica abbiamo notato un molare con precisione il 37 cresciuto in orizzontale all'interno della gengiva, in tal caso va a premere sulle radici degli altri denti vicini, per cui ci è stato detto di dover fare un'intervento chirurgico per asportare il molare in questione, solo che secondo la dentista forse il chirurgo farà sottoporre la bimba ad una tac, per la vicinanza al molare del nervo che sale su nel viso. La mia domanda riguarda proprio l'intervento, vorrei sapere quanto questo possa essere preoccupante e se va fatto in anestesia totale e quindi in ospedale o se possa essere fatto in ambulatorio. Grazie per la vostra attenzione saluto cordialmente . Germana
Gentile Germana, alleghi una radiografia delle arcate dentarie per avere un quadro chiaro della posizione reale del 3.7 e solo successivamente sarà possibile poterle dare una risposta. Buona giornata

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Germana, sono interventi che si fanno ambulatorialmente e con anestesia locale. Possibile che il molare non si possa recuperare, è cosi storto? Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sconsiglio l'anestesia generale: è come sparare ad un cardellino con un cannone.. Pericolosa ed inopportuna. Questa estrazione può essere fatta in locale in ambulatorio. Meglio se in sedazione cosciente con protossido per evitare stress alla bambina. Quanto alla opportunità, mi unisco ai colleghi nella sorpresa che un 37 sia talmente messo male da non poter essere raddrizzato con un apparecchio ortodontico e quindi recuperato. Si tratta di un dente molto importante (come tutti) per masticazione e tutto il resto. Ci può mandare una OPT scannerizzata o fotografata così possiamo essere più esaustivi?
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Germana, pur comprendendo la sua preoccupazione di mamma purtroppo risulta impossibile poterla confortare senza alcun elemento di diagnosi. Mi unisco comunque alla perplessità ed ai dubbi dei colleghi nel dover togliere un dente importante come quello in oggetto di discussione. Forse un consulto con un buon ortodontista potrebbe sciogliere i dubbi. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Germana, posso rispondere a poco, non vedendo clinicamente e radiologicamente la reale situazione. Le posso dire che l'avulsione chirurgica può essere tranquillamente fatta in anestesia locale in uno studio odontoiatrico privato, da un Dentista Libero Professionista. Le posso dire che bisognerebbe valutare bene la necessità dell'avulsione in favore del recupero ortodontico del dente. Le posso dire che l'anestesia Generale totale, è semplicemente assurda e pericolosa! C'è sempre un sia pur infinitesimale rischio di morte in una anestesia totale! Non la si fa per estrarre denti o per le cure Odontoiatriche Normali. Non le posso dire altro senza visitarla! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Credo che la sua dottoressa si stia comportando in maniera coscienziosa. La dose di raggi x necessari per la tac non è nulla in confronto al rischio di ledere un nervo alveolare. Una volta appurata la situazione per bene, ed escluso che si possa recuperare il dente ortodonticamente allora, purtroppo, si estragga il dente. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentma Germana, è indispensabile una radiografia per poterle dare un consiglio. Però come già detto dal Collega Dr Tabasso, considerata l'età di sua figlia: è veramente impossibile fare qualcosa per salvare il dente? Ripeto alleghi una radiografia. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cosimo Coscia
Collegno (TO)

Gentile Germana, il caso da Lei presentato è alquanto anomalo, vista la disposizione di un secondo molare in una bambina di 13 anni, ideale sarebbe allegare una OPT per poter valutare bene il caso. Distinti saluti

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)

Purtroppo dobbiamo rispondere senza documentazione e valutazione clinica solitamente per pazienti collaboranti l'anestesia generale non è indicata e si può comunque utilizzare la sedazione con protossido, farmacologica per via orale o endovenosa sono diverse quindi le alternative la tac-dentanscan è sicuramente d'aiuto per conoscere al meglio l'anatomia del distretto chirurgico. Si affidi ad un bravo chirurgo che collabori con un'ortodonzista per valutare se il molare può venire riportato in arcata e non estratto. cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Germana, il 37 è il secondo molare inferiore sinistro ed è un dente permanente necessario alla bocca di sua figlia, per cui si dovrebbe evitare di perderlo perciò le consiglio di mandarci la panoramica prima di procedere all'intervento.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)