ricerca nel sito Cerca il Dentista nella tua città Cerca in

Flash Player non trovato: lo puoi scaricare qui.

(area promo)

Articoli in odontoiatria

Ricerca fra gli Articoli di Odontoiatria

   
Ricerca per categoria:  Ricerca parole chiave:
Dentista: Domande e Risposte

Domande al Dentista

STUDIO DENTISTICO DEODATO
Dr. Enrico Deodato

Impianti dentali di QUALITA'.
Terapie MINI-INVASIVE.
Interventi e recuperi in TEMPI RAPIDI
vai al sito


studio dentistico a comoClinica Dentistica a COMO
Dr. Walter Renda


TERAPIE D'ELITE A PREZZI CONTENUTI. FINANZIAMENTI A TASSI AGEVOLATI.
vai al sito
(area promo)
 Odontoiatria

Scopri quanti denti hai in bocca e come si chiaman



Scopri quanti denti hai in bocca e come si chiamano

Un essere umano, durante la sua vita, conosce due dentizioni: una decidua o da latte e una permanente, normalmente tutti i denti decidui sono sostituiti dai denti permanenti.

Da zero a tre anni ai bambini crescono venti denti decidui, che sono distinti in dieci superiori e dieci inferiori, a loro volta suddivisi in cinque di destra e cinque di sinistra.

 

Riassumendo: suddividiamo la bocca dei nostri bimbi in quattro settori speculari.

 

 

 

Ad ogni dente deciduo corrisponde un numero e un nome; il dente n. ”I°” è detto incisivo centrale deciduo, ma per meglio localizzarlo gli va sempre attribuito uno dei quattro settori; all’interno del settore sarà poi individuato da un numero ordinale o romano. È necessario quindi specificare se il dente è situato nell’emiarcata destra o sinistra, inferiore o superiore. Partendo così dal dente n. “I°” seguirà l’incisivo laterale deciduo, che si trova in posizione n. ”II°” del nostro schema, seguito a sua volta dal dente n. “III°” detto canino deciduo. Nella dentizione decidua non ci sono premolari, per cui il dente n. “IV°” è detto primo molare deciduo. Per ultimo troviamo il dente n. ”V°” detto secondo molare deciduo. Troveremo quindi nella bocca sempre quattro denti, classificati con lo stesso nome e uguale numero, ma occupanti settori diversi.

 

La dentizione tuttavia non segue una regola fissa di tempi di crescita e varia da bambino a bambino.

 

 

 

Intorno al sesto anno di vita, si ha la comparsa del 1°molare permanente, che nasce adiacente al n. “V°” deciduo. Lo possiamo localizzare facilmente perché è l’unico che si trova in posizione n. “6°” del nostro schema. Di questi primi molari ne nascono quattro, uno per ogni settore, a volte confusi con denti decidui, perché nascono senza dente da latte. Nello stesso periodo, gli incisivi centrali decidui diventano mobili e cadono; vengono sostituiti dagli omonimi denti permanenti, che sono quattro in posizione n. “1°” dello schema. Seguono i quattro incisivi laterali che troviamo in posizione “2°” dello schema.

 

Dal settimo al decimo anno circa, cadono i molari decidui e nascono i premolari permanenti (posizione n. ”4°” e n. ”5 °”) che distinguiamo in quattro primi premolari e quattro secondi premolari, cioè un 1° premolare e un 2°premolare per emiarcata. Dal decimo al sedicesimo anno circa, cadono i canini decidui che vengono sostituiti dagli omologhi canini permanenti. Sono quattro e si trovano in posizione n. ”3°” del nostro schema.

 

In fondo alla fila delle emiarcate, nasceranno i secondi molari permanenti; sono quattro che nello schema ritroviamo in posizione n. ”7°”. Dal sedicesimo anno di vita in poi, nasceranno i terzi molari permanenti (detti anche denti del giudizio) che sono ancora quattro, li troviamo nello schema in posizione n. ”8°”, uno per emiarcata.

 

Con essi termina la crescita fisiologica dei denti permanenti che, salvo anomalie, risultano essere trentadue.



Scritto da Dott. D. Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia