Terapia ortopedico funzionale con dispositivi elastodontici

Presentazione di un case report di un bambino di 7.8 anni, dentizione mista precoce, ipodivergente, II classe scheletrica
by Prof. Vincenzo Quinzi 29-07-2010
L’impiego di dispositivi elastodontici consente di correggere le problematiche ortopedico-funzionali legate all’aumento dell’overjet e/o overbite, alla presenza di affollamenti e di rotazioni e alla alterazione della dimensione verticale nei normo e negli ipodivergenti. Lo scopo di un nostro recente lavoro presentato al congresso delle scuole ortodontiche 2010 tenuosi a Siena, è stato quello di valutare la correzione delle problematiche ortopedico-funzionali a mezzo dell’utilizzo di dispositivi elastodontici (tipo Occlus-o-Guide, Myobrace, Multi-P), in caso di aumentato o ridotto overjet e/o overbite, affollamenti e rotazioni e nel caso di alterazione della dimensione verticale. Per convenienza in questo studio abbiamo distinto i nostri pazienti in due categorie sulla base della situazione clinica presente: casi clinici con una riduzione di overjet e overbite (senza inversione del combaciamento anteriore) e casi clinici con aumento dell’overbite e dell’overjet. In questo studio sono stati trattati 12 pazienti con diversi dispositivi elastodontici e per ogni paziente sono stati rilevati i records diagnostici. I pazienti sono stati invitati a collaborare e ad indossare le apparecchiature preformate durante la notte e per almeno 2 ore al giorno, alternando 10 minuti di contrazione dentale a momenti di rilassamento. In particolare, solo il Multi-P High è stato usato nei casi di ridotto overjet e overbite. Clinicamente, in tutti i casi trattati si è ottenuta una normalizzazione delle alterazioni registrate ad inizio trattamento. La risoluzione delle problematiche rilevate in sede diagnostica, è stata ottenuta anche grazie alla importante collaborazione dei pazienti che deriva dal confort nell’indossare codeste apparecchiature. Al momento, alcuni di questi pazienti sono ancora in trattamento. Lo studio condotto ha permesso di dimostrare che le apparecchiature elastodontiche hanno risolto le problematiche ortopedico-funzionali nei casi trattati. Il successo dell’utilizzo delle apparecchiature elastodontiche risiede nella conoscenza da parte dell’operatore delle tecniche di fabbricazione dei dispositivi stessi, da una corretta diagnosi da parte del clinico che ne fa dunque un utilizzo oculato e dalla sua abilità nel motivare il paziente a cooperare alla terapia. Bibliografia Rememsnyder 1925 – dispositivo di massaggio gengivale Kesling 1945 – apparecchio elastodontico per le fasi di rifinitura Bergersen 1967 – ricerche sul posizionatore preformato (Ortho-Tain positioner) Bergersen 1975 – dispositivo per l’eruzione guidata Occlus-O-Guide Yoshii 1980 – concetto di posizionatore dinamico costruito con silicone ad alta temperatura di vulcanizzazione (HTV) Warunek e Coll 1989 – posizionatore dinamico con silicone a bassa temperatura di vulcanizzazione (LTV) con eccellenti proprieta’ elastiche.


Scritto da Prof. Vincenzo Quinzi
Fiamignano (RI)

foto extraorali -frontale con e senza sorriso-
foto extraorali -laterale dx e sx con e senza sorriso-
foto extraorali -sorriso in primo piano-
foto intraorali -visione d'insieme-
foto intraorali -in corso di trattamento dopo slicing sequenziale-
foto intraorali -visione d'insieme con apparecchiatura Multi-P-
foto extraorali -frontale con e senza sorriso-
foto extraorali -laterale dx e sx con e senza sorriso-
foto extraorali -sorriso in primo piano-
foto intraorali -visione d'insieme- fine terapia

TAG: Terapia ortopedico funzionale con dispositivi elas