Domanda di Ricostruzioni

Risposte pubblicate: 16

Mi potete consigliare una procedura per la ricostruzione?

Scritto da Mario / Pubblicato il
Buongiorno a Tutti!! Vi spiego la mia situazione, all'età di 11/12 anni mi si è rotto l'incisivo quasi a metà. Da allora non ci ho mai fatto nessun trattamento. Ora all'eta di 20 anni, avere un dente rotto a metà mi procura disaggio. Mi potete consigliare una procedura per la ricostruzione? Grazie in Anticipo
Caro Signor Mario, nessuno meglio del suo Dentista può consigliarla! Tra l'altro bisogna fare una Visitadal Dentista! E' una pessima abitudine credere che da una foto si possa fare una Diagnosi e un corretto piano di terapia! In questo caso bisogna valutare la vitalità del dente, la presenza eventuale di tasche parodontali, la presenza, con una Rx oltre che clinicamente, di una osteolisi periapicale, i rapporti gnatologici con gli antagonisti, in relazione centrica, in protrusiva, in lateralità, eventuali estrusioni dell'incisivo, visto che sono trascorsi diversi anni dal trauma e tanto altro. Posso solo fare uno sterile elenco che trova il tempo che trova su varie metodiche citando solo le principali: Ricostruzione conservativa in materiale estetico, ricostruzione e faccetta estetica, gusto estetico con contemporanea ricostruzione, perno-moncone previa terapia endodontica e corona in ceramica o oro platino porcellana o Zirconio porcellana o ceramica integrale a giacca e tanto altro. Senza dimenticare di valutare i rapporti esistenti del dente con la gengiva aderente, la mucosa alveolare ed il fornice e la linea di giunzione mucogengivale! C'è una strettissima relazione di forma ed armonia tra Denti, Gengive, Linea di Giunzione Mucogengivale ed osso sottostante, tesa a ritrovare quello che gli "Statunitensi" chiamano "Natural smile", "Sorriso naturale", che è dovuto ad una proporzione tra "pink aesthetics" and "white aesthetics", ossia tra l’estetica rosa (dovuta alle gengive) e l’estetica bianca (dovuta ai denti). Queste considerazioni si fanno solo clinicamente! Ho risposto, ma La invito a leggere anche la risposta precedente al Signor Gian Luigi dal titolo "Verso maggio 2012 ho sostituito una vecchia capsula oro con una di porcellana bianca", cercando di trarne "beneficio"!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sicuramente è necessaria una visita accurata corredata da una RX endorale e da un test di vitalità. Da quel che si vede dalla foto, l'incisivo fratturato è estruso(ovvero è sceso per avvicinarsi ai denti inferiori), quindi, per ripristinare la situazione ottimale, si potrebbe rendere necessaria una breve fase ortodontica. Il successivo restauro del dente può essere fatto, a seconda dei casi, con una ricostruzione diretta in composito, con una faccetta in porcellana, con una corona in zirconia o con una corona in ceramica presso-fusa. Cari saluti, Dr.Roberto Del Rosso, Specialista in Ortognatodonzia, Terni
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Del Rosso
Terni (TR)

L'illustre dott. Petti le ha detto tutto. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

I moderni compositi (le paste per ricostruzione ed otturazione) e i sistemi adesivi forse permetteranno di ricostruire la parte spezzata con economia, conservazione, ed estetica. Bisogna vedere bene la parte occlusale, cioè come il dente combacia con quello sotto dopo tanti anni (può essersi spostato) - Se questa semplice tecnica non sembra affidabile, ci sono faccette e capsule che con più spesa risolvono in modo molto longevo il problema..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Buonasera la soluzione non la può trovare attraverso il web ma la soluzione ottimale sarebbe attraverso una visita dal'odontoiatra che valutando con ausilio di rx endorale, per valutare la lesioni apicali o tasche parodontali quale protesi fissa sia più idonea per risolvere la sua problematica. Comunque per dare una risposta via web la mia soluzione è una faccetta in ceramica( disilicato di litio) valutando la rottura del dente ritengo la soluzione ottimale ma ripeto tutto questo va valutato previa visita clinica funzionale e radiologica. Grazie Vaja Fabio
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Nessun dubbio: resina composita. Questa è una prima scelta. C'è anche una seconda scelta? Si, la resina composita. Servono mani esperte. Per maggiore sicurezza, scelga il dentista più caro (tanto la differenza è minima), e pretenda garanzie. Nessun compromesso. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Mario, lei non conosce una figura medica importantissima per la sua salute: l'odontoiatra, un professionista in grado di diagnosticare e prevenire tutte le patologie del cavo orale, per questo dai tre anni di vita in poi se non si vuole cadere in spese esorbitanti con gravi mutilazioni è consigliata la visita odontoiatrica semestrale. Ora mette una sua foto in internet per ottenere risposte che la confonderanno ancor di più, le consiglio di recarsi da un semplicissimo odontoiatra e lasciar svolgere a lui la propria professione senza interferire sugli eventuali operati.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile paziente, la soluzione è una ricostruzione in materiale estetico, che mantiene integro il dente, è economica, può durare indefinitivamente, dopo un certo numero di anni può essere tranquillamente rifatta senza alcun danno al dente, oltre ad essere perfettamente estetica.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

Caro sig. Mario, 8 anni con un dente rotto e senza avere effettuato terapia canalare sostitutiva della polpa canalare ( nervo ), probabilmente ha portato alla formazione di gangrena della polpa, forse con anche una ciste apicale ( bisogna fare una Rx del dente) poi fare ( se l'rx indica una ciste apicale ) eventualmente una apicectomia con terapia canalare ed otturazione retrograda e poi inserzione di un perno moncone e infine riduzione dell'incisivo e applicazione di una corona in ceramica ( zirconio o metallo ceramica ). Dico tutto ciò in presunzione, lo potrà dire meglio il suo Dentista; cordiali saluti. Dott. Leonardo Manfrin
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Leonardo Manfrin
Moglia (MN)

Sig. Mario tutto quello che è stato riferito dai colleghi ha reali fondamenti nella restaurativa funzionale ed estetica. Dal colore dell'elemento dentario si direbbe essere ancora vitale il suo dente. Necessita in ogni caso di una adeguata diagnosi strumentale radiologica e clinica. Tuttavia trattandosi di un settore di alto valore estetico mi sentirei di aggiungere la possibilità di realizzare un restauro, tipo Veneer, in ceramica feldspatica dalle ottime caratteristiche mimetiche ed una traslucentezza paragonabile ai denti naturali. Si tratta di un tipo di restauro dall' elevata longevità garantita da metodiche CAD-CAM dell'ultima generazione, dalle tecniche adesive e dai controlli a distanza di oltre dieci anni. Cordiali saluti. Dott. Diego Bonaudo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Bonaudo
Torino (TO)