Domanda di Ricostruzioni

Risposte pubblicate: 2

Seguito domanda : Un molare devitalizzato e ricostruito con un intarsio è resistente?

Scritto da Roberto / Pubblicato il

Sono sicuro che il mio dentista sia in buona fede e voglia salvare il dente (me l'ha detto lui stesso, e ci credo), però Vi chiedo quali sono i requisiti specifici per un intarsio su un molare devitalizzato (come accennato dai dott. Romano e Ruffoni)? Lui mi ha detto che se preparato in un certo modo, scaricando tutte le forze al centro, vada bene anche per molari devitalizzati reputando più rischioso sfilare il carrier per poi ridevitalizzare che optare per l'intarsio. Eventualmente si può tenere l'intarsio per un po' di tempo e solo in seguito valutare di inserire una corona, oppure riaprire più volte il dente lo sottoporrebbe a rischio rottura? Vorrei ovviamente salvare il dente ad ogni costo!

 

Precedenti:

molare devitalizzato e ricostruito

Sig. Roberto, noto un’ottima frase nella sua domanda: "Sono sicuro che il mio dentista sia in buona fede e voglia salvare il dente (me l'ha detto lui stesso, e ci credo) ". Se il suo dentista è un vero odontoiatra, conosce benissimo quali sono i requisiti specifici per un intarsio e per educazione, non dobbiamo certamente essere noi a spiegarli. Il rischio di frattura esiste sempre anche con i perni e la corona. Risulta possibile nel tempo la sostituzione dell'intarsio con una corona.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro signor Roberto...le ho già spiegato il significato di un intarsio, di un otturazione, di un perno moncone e di una corona in oroplatrino porcellana...i requisiti non li deve avere l'intarsio ma il dente per poter ricevere un intarsio...è chiaro?...Guardi che la cosa è semplicissima basta fare una diagnosi per proporre la terapia giusta che è una sola...non questo o quello o attendiamo...una sola =quella più idonea a salvare nel modo più appropriato il dente...TUTTO QUI...: la "logica" della scelta è da discutere...perchè se il dentista aveva optato all'inizio per una corona in oroplatino porcellana, ciò significa che ha reputato la struttura del dente non sufficientemente resistente per una semplice restauro conservativo in amalgama d'argento o in composito...l'intarsio non rende un dente, non resistente ad una otturazione,...più resistente ...e solo l'intarsio stesso più resistente dell'otturazione ...ma la resistenza...in questo caso la non resistenza del dente...rimane insufficiente anche con l'intarsio...quindi come vede la logica ...dove è?...Bisogna procedere nonostante l'anima della guttaperca..se il dentista ne è capace..o se no si deve rifare la terapia canalare e procedere ad un perno moncone e ad una corona in oroplatino porcellana...come mio parere ovviamente da ..prendere in considerazione con cautela ...non avendola io visitata e non avendo raccolto una anamnesi clinica indispensabile per fare diagnosi e stabilire la terapia più appropriata...
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia