Domanda di Retrazione gengivale

Risposte pubblicate: 13

Ho molto timore di avere la piorrea o la gengivite

Scritto da Francesca / Pubblicato il
Salve, mi chiami Francesca e ho 22 anni, ho da qualche tempo problemi alle gengive causate dal tartaro, di recente però le mie gengive si sono aggravate le superiori sono gonfie e le inferiori sono arretrate, questo sopratutto nell'ultimo mese. Ho notato che sui denti superiori i canini si è formata una linea nera sulla corona, e nelle gengive inferiori gli incisivi si è cominciato a intravedere la base dei denti. Sono estremamente preoccupata, ho molto timore di avere la piorrea o la gengivite, le mie gengive però non presentano ne pustole, ne pus, ne arrossamento hanno lo stesso colore roseo, non ho carie e non mi fanno male solo ogni tanto le gengive. Mi recherò al più presto dal dentista per una detratarsi sperando di risolvere il problema, cosa ne pensate?
Gengivite curata con Curettage e Scaling previa Igiene Orale. Da casistica della Dr.ssa Claudia Petti Odontoiatra Parodontologa di Cagliari
Cara Signora Francesca, si tranquillizzi! Dovrebbe trattarsi di una Gengivite, banalissima ma che se non curata può evolvere in Parodontite col formarsi di tasche parodontali e difetti ossei! Stia Serena, è giovane e si risolverà tutto con poco! Questo non vuol dire però che non debba andare dal Dentista che la visiterà, le farà fare una buona pulizia dei denti professionale con Ablazione Tartaro e lucidatura ed istruzioni di mantenimento dell'Igiene Orale e un Curettage e Scaling dopo adeguata Diagnosi che può avvenire solo dopo una corretta Visita Odontoiatrica Totale ed in Particolare Parodontale che diventa una visita "totale odontoiatrica". È quindi una visita complessa che richiede almeno un’ora/due ore, compreso un Colloquio col Paziente, seguita da una Preparazione Iniziale dell’apparato Stomatognatico, un rilievo di dati ed eventualmente analisi cliniche, che richiedono almeno ulteriori due/quattro ore ed infine una seconda visita detta Visita di Rivalutazione Parodontale, che richiede due/tre ore in cui si emette una Diagnosi, una Prognosi, un Piano Terapeutico non solo Parodontale ma Totale di tutti i problemi e Patologie presenti! Quindi la Visita Parodontale si svolge in tre tempi: La Prima Visita Parodontale, La Preparazione Iniziale Parodontale, La Seconda Visita di Rivalutazione Parodontale con Ablazione del Tartaro, Modelli di Studio, Rx complete endorali in proiezione parodontale,etc e Totale Odontoiatrica (Per un totale 5/9 ore in tre sedute). Entrambe le Visite sono seguite da un accurato "colloquio" col Paziente. Verrà anche valutata la eventuale presenza e gravità di recessioni gengivali da lei descritte per l'arcata inferiore. Stia tranquilla, in genere migliorano moltissimo con l'igiene ed il Curettage e Scaling-Rootplaning e nel caso c'è sempre una semplicissima chirurgia gengivale o mucogengivale per la loro terapia a seconda che ci sia o no una banda sufficiente di gengiva aderente.Per lo Spazzolamento dei denti: non esiste niente di meglio del normalissimo spazzolino manuale, per l'igiene orale,ci sono delle pasticche colorate da sciogliere in bocca che evidenziano col loro colore la placca batterica non rimossa dallo spazzolino,spazzolino che deve essere in setole artificiali, a testa medio piccola, duro, e usato con la cosiddetta tecnica di Bass modificata,ossia orientato verso le gengive a 45° e usato con movimenti di rotazione, vibrazione e verticali che terminano con un movimento circolare deciso.è bene usare degli idropulsori che completano l'opera di igiene domiciliare e il filo interdentale, presentando nello spazio interdentale sempre una nuova parte mai usata ed abbracciando il dente come per lucidarlo! Infine esistono degli scovolini per chi avesse spazi interdentali un po' più larghi e lo spazzolino piatto per pulire il dorso della lingua che è grande ricettacolo di placca batterica e quindi di microbi. Detto questo se poi uno è "diversamente abile" o affetto da pigrizia immane, va bene anche lo spazzolini elettrico usato però come da istruzioni allegate! Stia tranquilla, non ha niente di eccezionale ma solo normalissima Routine!Ma il suo Dentista non gliele spiega queste cose?Le lascio un poster con una Gengivite curata con un Curettage e Scaling. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia,Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Francesca, il consiglio che posso darle come lei in coscienza ha già affermato, è quello di recarsi da un buon dentista al più presto. Probabilmente il suo problema deriva da controlli periodici semestrali non effettuati ed eventualmente da una igiene orale non corretta. Il suo dentista saprà istruirla sul da farsi per risolvere i suoi problemi. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Vada dal suo dentista e si attenga ai suoi consigli...tra questi ci sarà anche quello di fare visite di controllo periodiche.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Cara giovane paziente, macerarsi nel dubbio non serve: corra dal dentista che le risolverà dubbi e problemi.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

C'è solo una cosa peggiore di temere di avere la malattia parodontale: Averla. Cercherei un dentista al più presto, al quale affidare la bocca per cercare di scongiurare gli effetti di una parodontopatia, che mi sembra di leggere dalle sue righe sia già in essere. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

A 22 anni avere la piorrea sarebbe molto grave,quindi vedra' che non avra' questo problema e il suo dentista fara' quello che deve fare

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Gentile Sig. Fracesca, se attua una scrupolosa igiene orale e visite periodiche il tartaro non può essere un problema. Si rechi da un bravo dentista e segua i suoi consigli

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Francesca, la visita odontoiatrica va fatta ogni 6 mesi, speriamo che tutto sia recuperabile e legga questo mio articolo: http://www.dentisti-italia.it/dentista/patologia-orale/551_tumore-maligno.html

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Francesca sembra che lei abbia al momento una gengivite, quindi si faccia curare ed istruire dal suo odontoiatra sulle modalità di igiene domiciliare, e sulla periodicità dei controlli da effettuare, magari nel frattempo si aiuti con un po' di collutorio a base di clorexidina 0,10. Mi raccomando faccia prevenzione, prevenire è meglio che curare :D Cordiali saluti

Scritto da Dott. Diego D'Amico
Napoli (NA)

Cosa ne pensate? Penso che è già in ritardo nel proposito di una frequentazione periodica del dentista. La malattia della sua gengiva non sarà mortale, ma se trascurata comprometterà la qualità della sua vita. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia