Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 7

Accertamenti preventivi per sostituzione protesi

Scritto da Carlo / Pubblicato il
Un ringraziamento anticipato. All' età di 7 anni a causa di un trauma agli incisi superiori ho subito una divitalizzazione del dente destro ed una successiva apicectomia. All' età di 18 anni (si parla del 1982) dopo la devitalizzazione del secondo dente, mi è stata fatta una protesi (i due incicisvi in un' unica protesi) in ceramica. Da circa 2/3 anni, si è andata accentuando un ritiro gengivale con scopertura del bordo superiore della protesi. Mi sono sottoposto ad una visita preventiva per procedere ad una sostituzione. Lo studio a cui mi sono rivolto mi ha fatto una radiografia che ha evidenziato una piccola cavità nell' osso tra le radici. Mi hanno consigliato di approfondire mediante una visita specialistica, e valutare se il problema è in evoluzione o se si tratta semplicemente di un difetto congenito. In ogni caso mi hanno detto che il rifacimento anche per il motivo suddetto sarebbe "a rischio" e quindi bisognerebbe procedere con una protesi provvisoria da tenere per un tempo determinato in modo da poter valutare la possibile evoluzione del problema. Hanno escluso un impianto a causa dell' effetiva debolezza dell' osso. A questo punto sono preoccupato perchè non vedo soluzioni certe del problema. Vorrei un vostro consiglio. Di nuovo Grazie.
Sig. Carlo, da quello che mi descrive, penso che sia in buone mani, segua il consiglio di approfondire mediante una visita specialistica, in cui valuteranno se la lesione è di origine dentale, o ossea, o se si tratta di un difetto congenito. Probabile che dalla visita specialistica le richiedono accertamenti radiografici più approfonditi e tridimensionali, in cui si potrà valutare un’eventuale riabilitazione implantoprotesica. Non sia preoccupato, per l'estetica, che sarà sempre ripristinabile anche senza implantologia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

I consigli del collega sembrano corretti in base a quello che lei ci descrive. Faccia degli accertamenti per la lesione che si vede e poi proceda. Se il problema estetico è rilevante in attesa della decisione da prendere si faccia fare dei provvisori. Buona festività

Scritto da Dott. Andrea Pallavera
Cornegliano Laudense (LO)

Una cavità nell'osso tra le radici... Che sarà?? Un riassorbimento della radice a causa del trauma molto precoce? O più probabilmente un ascesso dovuto ad una imperfezione della devitalizzazione?? O che altro?? Qualcosa che richiede chirurgia? Il dentista non ha azzardato una diagnosi?? Perchè mai?? Non capisce cosa è?? Perchè non capisce cosa è?? Nel caso sia un ascessetto o granuloma bisogna tentare di conservare il dente con un ritrattamento canalare. Il dentista si occupa di devitalizzazioni?? Il suo dentista è laureato?? E' un abusivo? L'Italia ne è .. piena!! Nel caso si tratti di un riassorbimento post-traumatico della radice, ci si può fare ben poco, a parte, anche in questo caso, una revisione della terapia del canale. Se si tratta di altro, il.. dentista la invierà alla chirurgia. Ma da quelo che lei dice si tratta quasi sicuramente di un innocuo ascessetto. Mai togliere denti che possono essere facilmente recuperati da un dentista..!!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Le consiglio di farsi fare una diagnosi sicura di cosa si tratta prima possibile . Anche se condivido l'idea di un provvisorio, non mi affiderei al tempo per valutare l'evoluzione del problema e trarne chissà quando le relative conclusioni.

Scritto da Dott. Giovanni Ghio
Livorno (LI)

Esegua delle indagini più approfondite per fare una diagnosi corretta dopo si parlerà di terapia. Se ci sono problemi estetici si faccia eseguire un provvisorio, ci faccia sapere.

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Sig. Carlo fare uteriori indagini (TAC) non sarebbe sbagliato. Se ha possibilità di inviarci una copia meglio. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig. Carlo, nelle sue applicazioni di detersione tra i due incisivi centrali, usa il filo interdentale o scovolino, e se lo utilizza, come lo utilizza in maniera corretta?

Scritto da Dott. Angelo Raffaele Izzi
Lainate (MI)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.