Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 12

Mi accingo ad entrare nella ''terza età'' ed ho paura che questo lavoro possa essere un fallimento

Scritto da Dora / Pubblicato il
Sono una donna di 60 anni e porto una protesi movibile di 7 denti all'arcata superiore. Ho bisogno di cambiarla poichè ormai ce l'ho da più di 20 anni ed il dentista mi ha consigliato di sostituirla con un lavoro fisso di incapsulamento con corone di oro e porcellana (sarebbero in tutto 14 elementi). La mia domanda è questa: mi accingo ad entrare nella "terza età" ed ho paura che questo lavoro possa essere un fallimento (tra l'altro anche costoso) per possibili incidenti che l'età comporta (ritiro della gengiva, ascessi, future malattie dovute alla vecchiaia ecc.), inoltre il dentista mi ha specificato che i miei denti non  verranno devitalizzati e la copertura garantirà eventuali carie (possibile??). Sarei grata di una risposta urgente, poichè anch'io dovrò darla al mio dentista tra breve! Ringrazio DORA
Gentile Sig.ra Dora, oggi con l'evoluzione delle tecniche in odontoiatria è possibile dire addio alle oramai obsolete protesi rimovibili e potere avere denti fissi. Abbi fiducia al suo dentista che sicuramente saprà consigliarla al meglio. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Signora, la possibilità di inserire protesi fisse non dipende certo dall'età, nel suo caso non certo avanzata, ma dalle condizioni locali. Quindi il suo dentista non sbaglia se ci sono le condizioni giuste. L'unico punto sul quale dissento è la garanzia di immunità su eventuali formazioni cariose dei denti protesizzati. Questi nel tempo possono essere oggetto di infiltrazioni specialmente se non si segue un programma di igiene domiciliare efficace e non ci si sottopone a controlli periodici semestrali. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Riabilitazione Protesica ed Orale Completa in un caso molto complesso con patologie parodontali e gengivali e gnatologiche. Da casistica del Dr. Gustavo Petti e della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Dora, se viene rispettata la legge fondamentale della protesi fissa, di avere come minimo tanti monconi quanti sono i pilastri ( o addirittura meglio, più monconi di pilastri di ponte), in linea di massima, perchè non la vedo clinicamente, la riabilitazione protesica è duratura e se i monconi sono preparati bene col giusto parallelismo ritentivo tra le superfici di ognuno e tra di loro, con una spalla ed uno smusso ben studiati e ben realizzati, la protesi e i monconi sotto possono durare decenni senza problemi! Devono essere rispettate ovviamente tutte le condizioni gnatologiche e di disclusione canina e incisiva e in rtelazione centrica delle arcate dentarie e valutate le insifficienze di gengiva aderente eventualmente presenti e le eventuali tasche parodontali che evidenzierebbero (queste ultime) una Parodontite: Insomma la riabilitazione orale deve essere completa, protesica ed eventualmente parodontale e gnatologica riportando in occlusioni tutti gli elementi dentali, se ci fossero elementi estrusi o intrusi per avere una curva di spee giusta, leggermente concava verso l'alto e convessa verso il basso, in linea di massima perchè non la vedo! Quindi affronti il lavoro riabilitativo protesico con serenità, in mani buone può darle l'eccellenza! Legga sul mio profilo due articoli scritti da me e da mia figlia Claudia Petti che le potrà essere molto utile per capire:"Le protesi dentali fisse Excursus su i vari tipi di protesi fisse. Consigli e suggerimenti per i pazienti" e "La chirurgia parodontale estetica Introduzione Divulgativa alla Chirurgia Estetica Parodontale". Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Signora, l'età non è controindicazione al tipo di trattamento che le è stato proposto, e che credo potesse fare 20 anni fa, se lo stato di salute parodontale ed osseo della sua bocca è buono. La protesizzazione degli elementi non li mette al sicuro da eventuali carie...

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Salve sig.ra Dora. intanto a 60 anni non si è così anziani..per dirle qualcosa di diverso rispetto ai consigli magistrali che già le hanno dato i miei colleghi, consiglio: se vuole "regalarsi" un lavoro dentale che abbia le caratteristiche tipiche dei denti naturali, è indispensabile cambiare tipo di protesi passando quindi ad una protesi fissa in ceramica. se invece non ha alcun problema ad "indossare" una nuova protesi mobile sappia che anche per quest'ultima ci sono novità.. si possono infatti eliminare i ganci.. utilizzare denti quanto più simili ai suoi denti naturali..ridurre finanche le flange di resina. si può far tutto.. basta fare una buona diagnosi che dia una prognosi favorevole nel tempo. Cordialmente, Gialuigi Renda.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Salve signora, a 60 non si è mica anziani! Con le attuali tecniche certamente si possono ottenere risultati che magari 20 anni fa non erano possibili, comunque tengo a precisarle che questa tipologia di lavoro non la proteggerà in maniera assoluta da eventuali carie tale che igiene e regolari controlli saranno comunque necessari.

Scritto da Dott. Francesco Fusaro
Torino (TO)
AOSTA (AO)

Cara Signora, di solito noi Odontoiatri, cerchiamo di consigliare a tutti i pazienti, la migliore soluzione protesica. Detto cio', sè lei avesse le condizioni ideali, per poter optare alla protesi fissa, non esiti a farsi riabilitare la sua situazione con un circolare fisso, al di là dell'età che di certo non è da terza età, potrà godere di maggiore stabilità ed affidabilità in tutte le sue funzioni Estetiche, Funzionali e Masticatorie, il che le darà di certo maggiori vantaggi in tutti i sensi. Si affidi serenamente, e si lasci consigliare, vedrà tanti giovamenti, e nel tempo, anche lei saprà apprezzare le differenze tra Dentiera e Protesi Fissa, Cordiali saluti Dr. Tommaso Giancane
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, i 60 anni oggi non sono più sinonimo di vecchiaia: la cura della persona, una vita sana e una gran voglia di vivere sono il viatico per una tappa di giovinezza, matura e consapevole. Per quello che riguarda la protesi che le hanno proposto, immagino che la situazione delle ossa alveolari, delle gengive, le condizioni dei denti residui, futuri pilastri, abbiano soddisfatto tutti i requisiti del caso, pertanto il suo dentista le ha proposto questa soluzione. Fermo restando il rispetto di tutti i parametri elencati dal collega Petti, nulla osta che lei possa avere 14 elementi fissi su denti vitali. Nel caso si presentasse un' ascesso si può sempre fare una devitalizzazione senza smontare il ponte: facendo all' interno della corona un piccolo foro per accedere al canale, completata la cura un' otturazione completerà la terapia. Il mio consiglio è di non pretendere denti troppo bianchi, opti per un colore il più possibile adeguato alla sua carnagione, occhi, capelli, non troppo allineati, se i suoi non lo sono: io mi faccio portare una fotografia per riprodurre la situazione il più naturale possibile: la protesi deve essere sua, non del dentista. Del resto dai provvisori lei potrà avere tutte le indicazioni del caso e suggerire eventuali correzioni. Le racconto un' aneddoto divertente ed istruttivo: ''mio padre, settantenne, portatore di protesi superiore mobile, aveva un aspetto così naturale che una sua paziente gli chiese come facesse ad avere ancora i suoi denti.. ma proprio suoi? Risposta di mio padre: ''certo che sono miei, me li sono fatti io!'' Auguri
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Sig. Dora, non esiste un’età, dove non è corretto passare a una protesi fissa. Per avere garanzie verso i suoi dubbi, le consiglio di controllare se chi applicherà la protesi, è iscritto all'ordine dei medici, poi visto che firmerà un consenso informato chieda di essere informata sulla durata e le modalità di mantenimento di questa riabilitazione che sottoscriverete e firmerete di comun accordo, poi è sempre bene ricevere per iscritto tutte le cure che saranno svolte, volta per volta.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Se ha funzionalizzato bene finora, si limiti a rinnovare la protesi mobile, sarebbe la soluzione migliore anche in termini di costi biologici . La stessa le consentirà di aggiungervi eventuali elementi dentali che potrebbero andare incontro a caduta per i motivi anche da lei indicati. In bocca spesso meno si tocca meglio è: madre natura compensa egregiamente da sè. Buona riabilitazione "biologica".  (Castellammare di Stabia) dott. Attilio Menduni de' Rossi

Scritto da Prof. Attilio Menduni De Rossi
Castellammare di Stabia (NA)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.