Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 9

Esistono delle soluzioni alternative alla dentiera, considerando che non ho osso?

Scritto da maila / Pubblicato il
Gentili Dottori, ho 64 anni e sono purtroppo portatrice di protesi dentaria superiore e inferiore che mi crea enorme disagio e problemi di masticazione. Volevo chiedervi se esistono delle soluzioni alternative alla dentiera considerando che non ho osso soprattutto nell’arcata inferiore. Se si vi chiedo se possibile di indirizzarmi da qualche specialista nell’area di Verona o Trento. Vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte, Maila
Sig.ra Maila, mi spaventa la sua età, comunque dovrebbe ricercare una soluzione implanto-protesica fissa, prendendo in considerazione anche degli innesti ossei ed eventuali rialzi, oppure come soluzione meno invasiva, stabilizzare le sue stesse protesi mobili con dei mini-implant, che di norma sono posizionabili anche con scarsità ossea. Per definire di avere le giuste quantità d’osso occorre, una T.A.C. (dentascan), perché la sola panoramica essendo bidimensionale da risultati poco attendibili e solo indicativi per ciò che riguarda l’implantologia. In questo portale troverà numerosi odontoiatri della sua zona, che si occupano d’implantologia, valuti le varie schede di presentazione e scelga il professionista che le da più fiducia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Maila, non posso che essere concorde con il Collega che mi precede, per la sua età non capisco, Lei scrive di averne 64 ma dopo il "nome utente" ha scritto 31,...? . In aggiunta a quanto già espostole dal sempre impeccabile Ruffoni, Le posso dire che esistono anche gli "short implants", che in casi come il Suo possono essere una valida soluzione, sono impianti di bassa altezza e largo diametro, ovviamente va valutato il Suo deficit osseo; altrimenti esistono validissime tecniche di rialzo delle creste utilizzando membrane non riassorbibili rinforzate in titanio, è senza dubbio una tecnica non proprio facilissima ma che in mani esperte dà buoni risultati. In via molto, molto breve, provi intanto che si avvia a risolvere il problema a farsi fare da un Collega delle ribasature alle protesi usando un materiale della Kerr che si chiama FITT, è un materiale per ribasature provvisorie, io lo uso spesso dopo interventi chirurgici, e spesso dà risultati di tenuta davvero insperati, c'è la seccatura di doverlo ripetere dopo 1/2 mesi ma la cosa è abbondantemente ripagata dal risultato. Cordialità Gustavo De Felice sapri (SA).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Egregia Sig.ra Maila, concordo ovviamente con quanto scritto dai precedenti colleghi e mi permetto di scriverLe perchè da pochi mesi opero anche a Verona. Se fosse interessata non esiti a contattarmi 3484446082. Cordiali saluti Lovato Paolo

Scritto da Dott. Paolo Lovato
Vicenza (VI)

Caro Signor Maila... hanno detto già in modo molto professionale e completo i tre colleghi che mi hanno preceduto ... in pieno accordo con l'amico Dr. Gustavo De Felice, le confermo la bontà del trattamento con FITT della Ker...e aggiungo solo che personalmente uso in questi casi una ribasatura delle protesi che si fa in studio e che faccio personalmente con Hidrocast che è un materiale che crea una sorta di confortevole ammortizzatore e ritenzione per la protesi che aderisce bene alle gengive ed ha la grande caratteristica di adattare la propria forma alle gengive mano a mano che queste cambiano la loro...ovviamente dopo alcuni mesi va rifatto il trattamento...fino a che le gengive non sono state ricondizionate da questo materiale. A questo punto si fa una ribasatura a caldo e con poco riesce a riavere una protesi "decente" ...con poca spesa e fatica...nel frattempo il suo dentista può studiarle e proporle soluzioni alternative come detto dai Dr. Ruffoni e De Felice...in ogni caso ha il Dr. Lovato a Verona, lo contatti tranquillamente...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia in Cagliari e Riabilitazioni Orali Complete in Casi Clinici Complessi
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora, immagino che la sua età sia quella inserita nel testo della richiesta e non i 31 anni segnalati tra i suoi dati identificativi. Comunque, secondo la mia esperienza, la sua è ancora una età "pediatrica " per le riabilitazioni implantari; penso anche che le carenze di volume e spessore dei mascellari riferite dalla sua mail preoccupata, siano da intendersi in senso relativo e non assoluto. Per "relativo" intendo che la valutazione del Collega che l'ha visitata può essere una Sua personale valutazione, anche in relazione ai metodi che Egli utilizza. Il fatto di essere completamente edentula può, paradossalmente, essere un elemento positivo, non essendoci interferenze con elementi naturali, spesso parodontosici, che impediscono un progetto implantare razionale per la distribuzione dei carichi occlusali. Nel mascellare inferiore è quasi sempre sufficiente, per chi è abituato alla protesi totale, una "overdenture" ancorata a 2 o 4 impianti in zona mentoniera, inseriti con tecniche atraumatiche con l'utilizzo di centratori radiologici particolari (TOMEX). Per quanto riguarda il mascellare superiore, se si utilizzano tecniche flessibili circa l'inclinazione,il diametro, la forma e la lunghezza degli impianti, difficilmente esistono difficoltà insormontabili. A questo proposito le consiglio di visitare il mio sito studicirulli.it  alla voce casi clinici, potrà valutare alcuni esempi di implantologia limite completamente atraumatica ed in funzione da parecchi anni. Quello che mi sento di consigliarLe, oltre una visita dal prof.Polizzi anch'egli di Verona, è di non prendere subito in considerazione i piani di trattamento più complessi, con grandi interventi di rialzo, distrazioni, apposizioni, onlays, weeniring, prelievi crestali o, ancora peggio alla calvarie: ricordi che anche in chirurgia le strade più brevi e diritte, se possibile, sono anche le migliori o come dite in Veneto "peggio il tacòn del buso". Sperando di aver fatto cosa utile e comprensibile, la saluto cordialmente. Prof.Maurizio Cirulli
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Cirulli
Bologna (BO)

la valutazione dei colleghi e' ineccepibile le ricordo che la sua eta se non accompagnata da altre patologie metaboliche è da considerarsi quasi normale per proporre riabilitazioni protesiche ancorate, comunque dopo rx. dentascan il quadro clinico appare piu charo e con impianti minimpianti si riesce ad avere buonissimi risultati anche in pz. impegnativi come lei

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

Cara signora, senza denti ci sono i neonati (ma non hanno bisogno di impianti) e il più spesso gli anziani. La sua età, se in buona salute, non rappresenta un problema. Tutto dipende dall'esame della sua bocca, da una attenta valutazione delle sue necessità e dall'esame radiografico eseguito con TAC e denta Scan. cordialmente

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Cara Signora, fermo restando che concordo con tutti i miei Colleghi che mi hanno preceduto con le Loro risposte, e senza nulla togliere al Collega Lovato, mi intrometto segnalandoLe il servizio di Chirurgia Orale presente nell'Ospedale si Peschiera del Garda dove opero in equipe proprio per risolvere i casi come il Suo, per cui se le interessa un mio parere mi contatti per email tramite questo sito. Cordialmente Dr. La Torre Nicola

Scritto da Dott. Nicola Walter La Torre
Peschiera del Garda (VR)

Gentile paziente, nella mia pratica di implantologia mi imbatto spesso in persone che arrivano con una diagnosi lapidaria: "non c'è abbastanza osso". Diffido quindi di una valutazione del genere. Occorrono i numeri: potrei dire che non c'è abbastanza osso per effettuare impianti quando è questo è, per l'arcata inferiore, minore di 8 mm di profondità e 6 mm di larghezza. Non credo assolutamente, in mancanza di dati, che lei sia in queste condizioni. Conosco un bravissimo protesista e implantologo a Verona: il dr. Carlo Carlini (045-8344430). Può tranquillamente, se lo desidera, rivolgersi a lui a mio nome.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.