Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 7

Ho un ponte nell'arcata superiore sinistra, da circa 16 anni, che fino a poco tempo fa non mi dava alcun problema

Scritto da giovanna / Pubblicato il
Salve, intanto complimenti per il sito e per le risposte sempre molto precise e chiare. Vi descrivo il mio problema: ho un ponte nell'arcata superiore sinistra (il dente mancante è il terzo dopo quello del giudizio e i due denti precedenti fanno da sostegno) da circa 16 anni che non mi ha mai dato problemi. Agli inizi di agosto ho cominciato ad avere dolore, sembra che tocchi quando chiudo la bocca e credevo che il problema fosse quello, ma dopo aver usato sprai e collutorio mi è passato. Verso la fine del mese il dolore è tornato molto più forte così sono andata dal dentista. mi ha dato subito l'antibiotico poi dopo alcuni giorni sono tornata e mi ha fatto la pulizia dicendomi che avevo la parodontite e di vedere fino a quando sarei riuscita ad andare avanti. dopo una settimana ricompare il dolore ancora più forte e torno dal dentista. Mi dà un appuntamento e proprio ieri mi ha devitalizzato i due denti che ho sotto il ponte (il ponte me lo ha staccato e alla fine riattaccato). devo tornare tra una settimana, ma ho dolore non forte come prima ma molto forte se stringo i denti. Mi ha detto che finchè dura il ponte resto così altrimenti se i due denti non reggono più devo allungare il ponte ad un quarto dente. E' giusto il lavoro che stà facendo il mio dentista? Ma perchè ho ancora dolore? Era necessario devitalizzare i due denti? ho i due denti superiori centrali davanti che mi si stanno spostando in avanti. il ponte c'entra qualcosa? Chiedo scusa se sono stata troppo lunga nella descrizione, ma ho cercato di essere il più chiara possibile. Vi ringrazio fin d'ora, certa di avere una risposta esauriente. Saluti e buon lavoro.
Sig. Giovanna, il suo odontoiatra sta facendo del suo meglio per salvarle un ponte di 16 anni, evitandoLe maggiori spese, a volte possono esserci dolori post trattamento canalare, consigliato attendere ancora qualche giorno, senza forzare sul ponte e poi rivalutare il tutto al RX.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Giovanna...c'è un errorte di fondo...da quanto dice...e se ho capito bene... lei avrebbe il primo molare superiore sinistro, pensile, ossia appeso e portato dai due premolari che stanno davanti a lui...se fosse così...il primo molare pensile è un errore grossissimo perchè il molare pensile esercita una leva sfavorevole sui due premolari che lo "portano" tanto da distruggerne il parodonto...(osso, gengiva, ligamento parodontale e cemento della radice)...questo se lei si è spiegata bene...mi sembra molto strano che un dentista faccia questo...quindi forse lei intendeva dire che il molare è portato dal dente che lo precede e da quello che lo segue...se fosse così sarebbe a regola d'arte...in ogni caso...il problema in entrambi i casi sembra sia la Parodontite...sappia che la parodontite è una malattia ben precisa e che innanzi tutto ci sono diversi tipi di parodontiti e la diagnosi non si fa così in una seduta, ma occorre una visita complessa fatta da un parodontologo...le lascio il link al mio articolo VISITA PARODONTALE  ...lo legga è capirà tante cose e soprattutto se chi l'ha visitata si intende di parodontologia ... quindi per chiudere...se fosse vera la prima soluzione adottata, quella del molare pensile è tutto sbagliato e le ha porovocato danni...se fosse vera la seconda interpretazione (perchè lei si è spiegata non bene), allora la protesi è stata fatta bene...in ogni caso ha bisogno di un parodontologo ...non di un dentista generico ... si ricordi che per parlare di parodontite ...essa deve essere diffusa a tutta la bocca...è stata visitata tutta la bocca, sono state prese tutte le misure (sei per ogni dente) su tutti i denti?...è stata fatta una preparaziona iniziale parodontale con Curettage escaling...modelli di studio...studio valutativo Rx completo parodontale di tutta la bocca ed una seconda visita di rivalutazione parodiontale con la seconda presa delle misure parodontali?...se non è stato fatto questp la diagnosi di parodondite non la si può fare e chi la facesse non è parodontologo ma neanche esperto in parodontologia...se il dente molare fosse pensile, la soluzione di rifare il ponte appoggiandosi sul dente di dietro (il secondo molare) sarebbe giusta...ma costruendo una protesi parodontale per poter eventualmente procedere agli interventi di chirurgia parodontale se necessari e solo dopo diagnosi come da mio articolo che la invito nel suo interesse a leggere...spero di essere stato chiaro...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.le Giovanna purtroppo spero che lei non si sia recata dal dentista solo dopo 16 anni nel momento in cui i suoi denti hanno cominciato a darle problemi...come si potrebbe evincere dalla sua descrizione-Approfitto per ricordare che DOVREBBE entrare nella pratica corrente e nelle abitudini DI TUTTI NOI recarsi dal dentista almeno UNA O DUE VOLTE L'ANNO! Quindi se così fosse non ci sarebbe da stupirsi della natura mista dei suoi problemi : parodontali( piorrea, gengiva ed osso) ed endodontici. Risolti i quali nel giro di un paio di settimane ( almeno come sintomatologia algica) potrà decidere come finalizzare. Come soluzione infine permanente non sarei per aggiungere una preparazione di un'altro dente in un ponte più lungo, perché la mia pratica clinica e le più attuali conoscenze scientifiche dimostrano che le soluzioni implantoprotesiche sono più longeve nel tempo.. Cordialità.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Palumbo
Pescara (PE)

Nessun medico può giudicare se era giusto o meno devitalizzare i denti senza avere tutti i dati rx esame obbiettivo ... se tutto è stato fatto bene il dolore dovrà passare. (due denti superiori centrali davanti che mi si stanno spostando in avanti)Le cause possono essere : Deglutizione atipica con la lingua che spinge in avanti invece che sul palato come è giusto. Altra causa può essere Decubito sulla mandibola a faccia sotto e conseguente patologia parodontale (Parodontite Piorrea alitosi ) vedi su dentisti italia oppure su  www.galiffa.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gino Salvatore Galiffa
Teramo (TE)

Il dolore post devitalizzazione ci può stare per qualche giorno, per la soluzione di allungare il ponte sacrificando un altro dente sarei più cauto, valutando la realizzazione di una protesi su impianti. La migrazione degli incisivi, che ci descrive, potrebbe avere una causa parodontale o parafunzionale.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Sig.ra Giovanna, i denti pilastro (incapsulati) hanno lavorato per molti anni sopportando anche il carico del dente mancante, senza avere manutenzione, pertanto è normale che si siano formate le tasche, gengiviti ed altro. La terapia che tenta di salvare il salvabile è giusto, ma se dovesse essere presa la decisione di rifare il ponte allungandolo e quindi sacrificare un altro elemento, le consiglio vivamente di prendere in considerazione la possibilità di inserire un impianto nella zona edentula, ripristinando così gli spazi paradontali, i carichi di masticazione e soprattutto le è più facile mantenere una igiene orale più appropriata.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Considerando che una protesi fissa o mobile andrebbe sostituita ogni 9 10 anni per usura e per non "sforzare" i pilastri di supporto, presumo che il ponte in questione vada sostituito per creare nuove e più corrette forze occlusali non penso che sia un problema endodontico, a maggior ragione se come mi sembra di aver capito e' un ponte cosiddetto a bandiera

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.