Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 10

Incapsulamento denti e garanzie di durata

Scritto da silvia / Pubblicato il
Buongiorno, una mia amica mi ha chiesto di chiedere consulenza al forum. Ha 38 anni e 20 anni fa, al Beretta di Bologna, ha incapsulato tutta l'arcata superiore, su denti con radici sane, in quanto i suoi denti erano patologicamente piccoli. Le era stato detto che il lavoro sarebbe stato DEFINITIVO, ma quando le ho parlato che anche i denti sani incapsulati possono essere soggetti a "rammollimenti" si è allarmata. Come è possibile che le abbiano confermato un lavoro come DEFINITIVO? per ora sono passati 20 anni e non ha nessun problema. Grazie per le risposte.
Il concetto è che nulla nella vita è definitivo. O per sempre. Neanche gli amori... Quindi una capsula, se fatta bene, avrà una chiusura perfettamente ermetica attorno al dente limato. Nulla filtrerà, neanche un germe. E quindi il dente sotto ne sarà protetto per tanto, tantissimo tempo...

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Ritengo che un qualsiasi lavoro odontoiatrico non possa mai essere considerato definitivo. Anche per quei lavori detti "ad opera d'arte" è sempre e comunque necessario approfondire la sua stabilità con controlli periodici. Lei parla di un ponte a lunga arcata eseguito 20 anni fa. Mi chiedo: in questi lunghi 20 anni quante volte la sua amica si è sottoposta ad accurati controlli?

Scritto da Dott.ssa Simona Galiero
Marano di Napoli (NA)

Mi accodo al collega Passaretti, aggiungo solo che già 20 anni per una protesi fissa sono abbastanza e il fatto che ancora vanno bene è ancor meglio, dunque un solo consiglio continuare con dei controlli periodici dal dentista di fiducia per magari prendere in tempo un'eventuale infiltrazione delle "capsule". Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giovanni Vitale
Zafferana Etnea (CT)

Cara Sig.ra Silvia non sono eterni i denti naturali si figuri quelli artificiali! Il termine definitivo del collega che ha effettuato il manufatto è corretto, non nel senso di eterno ma di protesi che viene dopo quella provvisoria. 20 anni per un manufatto protesico sono già molti se pensa che la sua vita media è di 10 anni; meglio fare un accurato controllo. Cordialmente

Scritto da Dott. Massimo Cultrone
Calcinaia (PI)

Cara Signora Silvia ... di definitivo c'è solo la "morte" ... tutto il resto è aleatorio... ma parlando professionalmente ... come giustamente ha detto il collega ed amico Paolo Passaretti, se i monconi sono preparati magistralmente e le corone pure, il sigillo sul moncone è perfetto e i microbi o l'umidità della bocca non possono entrare per tantissimi anni...ma ci sono tante altre variabili..per esempio gengive che si ritirano(Recessioni gengivali), cattiva igiene orale, gengiviti, parodontiti, stress da malocclusioni, stress e precontatti da disfunzioni mio occlusali, alimentazioni tendenzialmente acida...malattie debilitanti, momentanei abbassamento delle difese immunitarie...e tanto altro ancora, che fanno si che microbi possano assalire e distruggere piccole porzioni di radice vicino al bordino della corona ed entrare nel dente ed aprire la strada alla infezione o alla malacia per l'ingresso di umidità ...malacia= rammollimento...tanto vero che...dal punto di vista medico legale una corona ha una durata di non oltre 7/9 anni ... poi sempre dal punto di vista medico legale si deve sostituire...dal punto di vista medico e pratico ...no...però se sono trascorsi 20 anni...direi che sta andando benissimo sia in senso medico...che medico-legale...quindi non tema e se per caso succedesse qualcosa...si interverrebbe...senza recriminazioni...l'unico appunto che si può fare a chi ha eseguito questo evidentemente eccellente lavoro..è che avrebbe dovuto informare meglio la sua paziente..e non dire che il lavoro sarebbe stato definitivo per tutta la vita...quando neanche la vita è definitiva e può finire da un momento all'altro ... è come se chiedesse al ginecologo quando nasce un bimbo:"ma mi garantisce che questa nuova vita sarà definitiva o arriverà a 100 anni?" ... io ho paziento che hanno mie protesi fisse in bocca da 32 anni e va ancora tutto bene...altri che hanno avuto problemi...proprio per la grande variabilità e la mancanza di costanti sicure in bocca, in Odontoiatria, in Medicina. IL consiglio è di fare controlli periodici è igiene oprale domiciliare e dal dentista =pulizia dei denti e curettage e scaling periodici ...questi si per tutta la vita...Cordialmente Gustavo Petti Parodontologo e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Silvia, di definitivo non c'è niente, ritengo che il lavoro della sua amica sia stato eseguito ad opera d'arte dal momento che è stato fatto 20 anni fa. Comunque è sempre meglio fare una visita di controllo. Saluti

Scritto da Dott. Marco Dettori
Sassari (SS)

Silvia, se per 20anni tutto tace...è un ottimo segno di salute dei monconi (denti limati) sottostanti. Il mio consiglio è di fare in modo costante le visite di controllo corredate di lastre e sondaggi parodontali. Buon pomeriggio

Scritto da Dott. Giancarlo Dettori
Sassari (SS)

Lavoro definitivo... Praticamente è come affermare che il lavoro è stato fatto bene come quello di Dio. Vede, fra Dio e un dentista c'è una sola differenza: Dio non pensa di essere un dentista. Battuta a parte, la sua amica ha 38 anni, e ha fatto il lavoro a 18. A parte che non mi sarei MAI RESO COMPLICE DI UNA SIMILE MUTILAZIONE, nemmeno 20 anni fa quando ero agli esordi della mia professione e avevo un disperato bisogno di incassare parcelle, rassicuri la sua amica: se tutto va bene dopo 20 anni significa che la protesizzazione è stata correttamente eseguita.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Formentelli
Mondovì (CN)
Collaboratore di Dentisti Italia

Cara Silvia, nulla a questo modo è definitivo, neanche i denti che il buon Signore ci ha donato, il lavoro della sua amica è un lavoro duraturo nel tempo, ma non può essere definitivo, con il tempo e l'età l'osso alveolare tende fisiologicamente a retrarsi esponendo così le radici o comunque la parte di dente che non è ricoperta dalla corona, esponendo così il dente al cavo orale e quindi facilmente attaccabile dai batteri con conseguenti problemi di carie. Cosa saggia che la sua amica può fare è sottoporsi ad un'igiene professionale ogni 6 mesi, prevenendo così le retrazioni gengivali e la carie.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)

Sig.ra Silvia, il non aver dolore, non significa che questa riabilitazione goda di buona salute, le consiglio una visita odontoiatrica di controllo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.