Domanda di Protesi

Risposte pubblicate: 8

È davvero una lega dalle qualità eccellenti?

Scritto da Fabiana / Pubblicato il
Salve a tutti, Ho posto più di una domanda perché, evidentemente, si è incrinato il rapporto di fiducia medico-paziente e non è questo il luogo per raccontare le ovvie ragioni che non mi permettono di rivolgermi ad altro professionista. Ormai è in lavorazione la mia protesi arcata superiore da premolare a premolare ma solo leggendo dentisti Italia ho scoperto che il paziente ha diritto ad una serie di informazioni relative ai lavori che verranno effettuati ma che io non ho ricevuto. A questo punto, senza nulla di scritto, mi è stato detto che la travata sarà realizzata in eranium e dalle mie ricerche l'unica lega corrispondente a tal nome risulta essere l'heraenium ossia una lega in cromo- cobalto- molibdeno. Il dentista ( iscritto all'ordine dei medici e degli odontoiatri) dice che è di gran qualità e che è anallergica. Come tutti i pazienti, anch'io non ne capisco nulla e chiedo consiglio sulla qualità dei metalli contenuti in una protesi che porterò per molti anni (lo spero). È davvero una lega dalle qualità eccellenti? Ben si adatta ad una trentanovenne? Chiederò il certificato di conformità prima del montaggio perché ho imparato da voi che il paziente può tutelarsi ma, vi prego, se avete qualche consiglio sono pronta ad ascoltare. Inoltre vi chiedo se in caso di fallimento immediato di un impianto il paziente, sul quale ricadono i costi, ha diritto di pretendere la consegna dell'impianto ( la vite ) e il relativo passaporto giusto per sapere cosa è stato infilato nel nostro osso!!! Purtroppo a volte, nella disperazione delle nostre bocche, ci affidiamo senza pretendere le informazioni alle quali abbiamo diritto e c'è ne accorgiamo solo quando i connotati dei nostri denti sono cambiati irrimediabilmente. Che disperazione!!!
Cara Signora Fabiana, buongiorno. Alle domande di carattere Medico Legale, non rispondo perché non lo trovo Deontologico e Corretto, via Web, senza una Visita Clinica e Strumentale! Riguardo invece al materiale Protesico posso dirle che il materiale protesico si sceglie in base alle funzioni che deve avere. Sappia solo che ci sono Leghe Auree a basso contenuto d'oro e altre ad alto contenuto d'oro! Ce ne sono altre a bassissimo contenuto ed altre ad altissimo contenuto! Dipende da cosa si vuole avere come risultato protesico! Volendo proprio fare i pignoli, in metallurgia protesica si definisce una lega aurea se ha una percentuale di oro dal 50,01% in su e più si avvicina al 100% e più è alto il suo contenuto. Di solito il Platino c'è in leghe con percentuali di oro dal 90% in su, ma non sono regole "legali"!Poi si può dire che più oro giallo c'è e più tenere ed elastica è la lega, con l'oro bianco è già meno tenera ma con l'aggiunta di platino diventa più elastica e con invece l'aggiunta all'oro bianco senza platino, di Palladio , la lega diventa più rigida e dura! Altra durezza ha per esempio lo Zirconio porcellana. Altra l'ha la Ceramica Integrale o lo Zirconio Integrale, più adatti per i denti frontali e non parodontopatici. Bisogna poi considerare per ogni materiale Densitá (g/cm³),Intervallo di fusione (ºC) , CET, Allungamento in (%),Durezza Vickers, Limite di snervamento in (MPa). In particolare è importante il loro peso specifico e modulo elastico. Questo per farle capire che dietro la scelta del materiale c'è tanto Studio e Cultura e Ricerca e Capacità! Insomma il Dentista Protesista sceglie il tipo di materiale più adatto alla situazione clinica cercando di accontentare anche i desiderata del paziente! Personalmente non scelgo mai e poi mai l'acciaio o altri metalli non nobili per non scadere nella Qualità che è la base della mia Professionalità! Perché mai le corone migliori sono quelli in oro platino porcellana o in Lega Aurea? Non perché costano di più, costano anche al dentista molto di più, ma perché il solo metallo duttile e malleabile per ottenere una precisione assoluta è l'oro, meglio se col platino...rivestito poi di porcellana! Tutte le altre (tranne quelle in materiali come lo Zirconio o il Vetropolimero, di metalli non nobili, ossia non pregiati, come quelle di cui lei chiede informazioni, che tra l'altro sono Leghe che si usano per le protesi Scheletrate e non per le corone Protesiche definitive, Fisse. Almeno io personalmente non le uso perché NON SONO PRECISE, a mio modesto parere, in particolare nei bordi di chiusura sulla spalla del moncone dentale preparato, per cui si infiltrano e / o danno malacia = Rammollimento della dentina. Quindi sono sconsigliabili a meno che non ci siano problemi economici che ne giustifichino l'uso ma poi, a lungo andare i costi sarebbero maggiori dovendo reintervenire in futuro per infiltrazioni o malacie che comporterebbero sicuramente maggiori spese per eliminarle, col rischio di perdere denti importanti, tra l'altro. Questo ovviamente in linea di massima e senza aver visto la sua situazione clinica, quindi prenda queste mie considerazioni come consigli e niente più. Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Fabiana, lei ha centrato il problema, come dicevano i nostri vecchi "canta canta" è quello che scrivo deve essere supportato e mantenuto. Dire che un metallo è completamente anallergico su tutti gli individui è facile, scriverlo per un medico è molto più difficile se non impossibile, perchè un medico dovrebbe conoscere le risposte immunitarie delle reazione allergiche. Nel suo caso forse le cose andranno per il meglio, ma ottenere quello che lei desidera è corretto e soprattutto lecito. Gli impianti possono dare complicanze e non andare a buon fine, in questo portale troverà molte lamentele di pazienti con complicanze date da di questo tipo di riabilitazione, che oggi vien proposto con facilità a tutti i pazienti e da tutti gli odontoiatri. Ritornando alla sua domanda a cui spettano i costi dell'impianto non andato a buon fine, occorre sapere quali erano gli accordi iniziali, che se fossero stati scritti avrebbero evitato questa domanda. Senza nulla di scritto la prestazione va retribuita e dal mio punto di vista i cocci sono suoi.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

No, la lega menzionata non ha nulla di particolare, anzi è considerata non di alto livello. Certamente sarebbe stato meglio per i frontali usare la zirconia. Non conosco la sua situazione, ma spero che le corone siano separate, vale a dire una per una per capirsi, altrimenti la pulizia diventa veramente seccante.Per il quesito impianti, è molto difficile risponderle, il fallimento può dipendere sia dall'operatore che dal paziente, e la cosa va giudicata in relazione agli accordi presi e all'istruzione data al paziente. Bisognerebbe saperne di più. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Per l'impianto fallito, non ne deve rispondere lei economicamente, ma il collega che lo ha messo, le case serie, tipo straumann, lo sostituiscono gratuitamente, il cromo-cobalto è acciaio, ed è quindi la lega a più basso costo, quindi deve costare molto molto meno, rispetto ad una lega ad alto contenuto di oro o ad una zirconia, e meno rispetto ad una semi preziosa ( palladiata), questo non vuol dire che non vada bene lo stesso, il materiale va deciso a seconda delle possibilità del paziente e del suo stato clinico.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Gentile ragazza Fabiana, le sue domande possono essere convogliate verso una sola risposta. Negli ultimi dieci anni i prezzi dei dentisti non sono aumentati, e siccome i costi e le tasse di tutti noi sono cresciuti nel modo che è di per se stesso evidente, la risposta al suo quesito è nella forza delle cose. L'odontoiatria sta precipitando verso la bassissima qualità del prodotto protesico, perché il costo di produzione più basso è la ragione principale per restare sul mercato. Il metallo più affidabile sarebbe l'oro zecchino, e la porcellana feldspatica (vetro colorato) sarebbe la ricopertura quasi più estetica. Seguendo un criterio di altissima precisione o di fusione o di fresaggio, il costo del suo ponte dovrebbe essere sicuramente non minore di diecimila euro. Consideri quello che lei andrebbe a pagare per il solo ponte, e senza oneri accessori di impianti o di cure canalari o di gengive tagliate, e si faccia un esame di coscienza. Nel caso di fallimento di un impianto, se immediato, gli oneri ritornano tutti in capo al dentista, per prassi e giurisprudenza consolidata. Circa il certificato di conformità, non ci sono problemi, posso regalarle tutti i pezzi di carta le piacciono. Le ho raccontato tutto l'essenziale della info richiesta, scrivendo a colpi di fulmine. Lei legga bene tra le righe. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Le leghe dentali in cromo - cobalto sono leghe vili, non nobili, tutt'altro che eccellenti, imprecise e con scarsa biocompatibilità tissutale, ma molto economiche. Le leghe nobili, su base aurea (in percentuale variabile a seconda della lega), sono leghe di qualità da buona ad eccellente, precise e biocompatibili, a decisamente più care. Il gold standard è la metallo - ceramica con lega aurea o la zirconia (ceramica su zirconia). Per quanto riguarda un impianto perso dopo pochi mesi dall'inserzione, solitamente, è sottinteso il re-inserimento gratuito da parte del Professionista (che si fa sostituire a sua volta gratuitamente l'impianto dalla ditta fornitrice).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gent.ma Sig.ra Fabiana, se lei riferisce la perdita del suo rapporto di fiducia con il dentista presso il quale è attualmente in cura noi non possiamo fare altro che prenderne atto; le vertenze medico-legali in genere vengono discusse in altri ambiti. Se la sua fiducia non c'è più non capisco per lei che importanza possano avere i quesiti che ci propone. Ribadisco perciò quanto risposto da altri colleghi, cioè che le leghe cromo-cobalto non sono che una terza scelta nel panorama dei metalli da usare per una protesi fissa (per le protesi mobili, invece, è tutt'altro discorso). Se oggi vengono sempre più usate è solo ed esclusivamente per un motivo di contrazione dei costi; è difficile qui entrare nelle scelte che i vari colleghi attuano ma credo che sia opinione unanime che le leghe a base oro siano in assoluto le migliori per uso protesico fisso. Quando un paziente è scontento e sfiduciato di solito vuol dire che si è perso in due, sia il medico che il paziente ; per questo le ho risposto che importanza potesse avere per lei sapere se la lega usata fosse di qualità o meno; niente può "pagare" un rapporto di fiducia perso. Le auguro la migliore fortuna possibile. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Gabriele Longheu
Milano (MI)

Gentile Sig.ra Fabiana, heraenium è una lega non preziosa di nichel-cromo. Non è una delle migliori. Anche tra le leghe vili ve ne sono di migliori. Riguardo un fallimento precoce di un impianto non vedo perche debba averlo indietro. La cosa importante è che il dentista deve inserirne uno nuovo gratuitamente, o restituire i soldi. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento

  • A chi rivolgersi?
    Ecco una serie di studi dentistici a cui chiedere informazioni sulle protesi fisse e mobili.