Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 9

Ho una bambina di tre anni e mezzo alla quale sono state diagnosticate due carie da biberon

Scritto da Federica / Pubblicato il
Buongiorno, ho una bambina di tre anni e mezzo a cui sono state diagnosticate due carie da biberon (incisivi centrali superiori). La bambina non usa il ciuccio ma usava il biberon prima di addormentarsi. Mea culpa, da qualche mese le abbiamo tolto quella brutta abitudine e abbiamo migliorato la sua alimentazione. I denti li lavava già regolarmente due volte al giorno, compresa la lingua. Il fatto e' che ben due dentisti mi hanno detto che non è possibile curare la carie sugli incisivi, ma i denti di mia figlia si rovinano a vista d'occhio. Non riesco a trovare un dentista che voglia curarla ma io non posso trascurare questa cosa!! Vi prego di darmi un consiglio.
Si possono curare e si curano anche in funzione della collaborazione della paziente. L'utilizzo dell'anestesia, se necessarie o anche di diverse tecniche di sedazione regolarmente utilizzate nei piccoli pazienti ne permette la terapia. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Ha fatto bene a prendere subito i "provvedimenti" giusti, abitando a Padova non dovrebbe avere problemi a trovare un bravo dentista che si occupa di pedodonzia (denti dei bambini) che saprà curare ed avere il giusto approccio con la bimba. Perchè anche i denti da latte si possono e si devono curare!

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Fanno bene i dentisti che non vogliono curare una bimba così piccola, se non si sentono di farlo... Meglio non spaventarla. E' necessario trovare un dentista che sia abituato a trattare con bambini così piccoli (dentista pediatrico o pedodontista). Ce ne sono pochissimi, perchè sono pochi che si dedicano volentieri a questi casi difficili. I dentini vanno conservati, se possibile, perchè verranno cambiati attorno ai sei anni, e quindi manca tanto tempo.. Ci sono tecniche che aiutano moltissimo a evitare stress per la bambina. Come quella della sedazione cosciente con protossido o quella dell'ozonoterapia dentale. SE le interessa, la invito a documentarsi leggendo i miei articoli in questo sito o nei miei siti web. Se ha difficoltà, mi contatti in privato che gliene trovo uno a PD.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno a Lei cara e Gentile Signora Federica. Bene per il "Mea Culpa"! Ma "Mea Culpa" dovrebbe farlo anche il Pediatra ed il Suo Dentista Storico che sapendo della sua Gravidanza prima e Lieto Evento poi, non le ha dato le istruzioni adeguate e, immagino, non ha visitato subito la neonata e bimba poi! Tranquilla, si curano, si curano. Anzi si devono curare e ci mancherebbe che nel 2014 non si potessero curare. Esiste a limite anche la Sedazione Cosciente con Protossido di azoto e ossigeno per i casi più "ribelli" ed "urgenti"!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora nei bambini così piccoli che necessitano di cure noi ricorriamo all'aiuto dell'anestesista per poter sedare il bambino che così da un lato non avrà memoria dell'esperienza dall'altra sarà collaborante.

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Si rivolga alla Clinica odontoiatrica dell'Università di Padova e chieda del professore di Pedodonzia, che sicuramente troverà il modo migliore di curare la bambina. Nel frattempo le faccia sempre usare il dentifricio al Fluoro dopo ogni pasto, lasciando il dentifricio in bocca senza sciacquare in modo che il Fluoro agisca più a lungo possibile. prof. Giuliano Falcolini, già docente ordinario di Pedodonzia presso l'Università di Sassari

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Gentile sig.ra Federica, le carie, se presenti, devono essere curate indipendentemente dall'età del paziente. Il non curarle porterà al peggioramento della patologia con le conseguenti evoluzioni. La prima infanzia non è una controindicazione; devono essere messe in atto tutte quelle tecniche pedodontiche adatte alla cura dei piccoli pazienti pediatrici. Per la cura dei denti da latte al giorno d'oggi si ha a disposizione la tecnica della sedazione cosciente col protossido di azoto e ossigeno che consente, con la semplice inalazione di un gas tranquillizante, di rendere collaboranti anche i piccoli pazienti più vivaci .Recentemente la ozonoterapia dentale ed altre tecniche di comunicazione rendono più agevole la cura. Per i bimbi assolutamente non collaboranti, sarà opportuno studiare la cura in modo differito nel tempo. Cordiali saluti Dott. Amato
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Amato
Borgoricco (PD)

Gentile Sig.ra Federica, i denti vanno curati. Ovviamente bisogna avere un particolare approccio ai piccoli pazienti, ma tutto si supera. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Federica, in questo portale trova molti odontoiatri della sua regione che si occupano di pedodonzia li contatti. Un espero cultore della materia della sua zona è il Dott. Cappello.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento