Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 8

Mio figlio (20 mesi) ha 8 carie ben visibili soprattutto sui 4 frontali...

Scritto da Manlio / Pubblicato il
Gentilissimi, pongo un quesito a distanza essendo negli usa. Mio figlio (20 mesi) ha 8 carie ben visibili soprattutto sui 4 frontali. Sembra essere un soggetto poco collaborativo. Entrambi i dentisti interpellati hanno espresso ritrosie per l'anestesia locale e suggerito come unica soluzione l'anestesia generale essendo troppo piccolo per la sedazione cosciente. Entrambi i dentisti sconsigliano inoltre di attendere troppo oltre essendo le carie gia' in stato avanzato. Chiedo cortesemente il vostro autorevole parere al riguardo. Cordiali saluti Manlio G.
Esiste la possibilità di effettuare la sedazione endovenosa che è una tecnica utilizzata routinariamente nei centri autorizzati per la cura nei pazienti non collaboranti. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Manilo, il trattamento di questi denti con ozono terapia potrebbe essere un compromesso temporaneo, ma in questo caso ritengo basilare per evitare future complicanze, un colloquio da parte vostra con un igienista dentale. Nella sua domanda non trovo se questi denti decidui provocano infezione o dolore?

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Signor Manlio, è ovvio che posso dare solo una risposta di "concetto" e di "massima" in senso lato. Non è corretto a mio avviso rispondere a tali domande via web senza visita clinica. Tra l'altro due Colleghi l'hanno visitato, hanno fatto la Diagnosi, emesso una Prognosi e stabilito la Terapia, per loro più appropriata. Io non ho elementi per confermare o no e tra l'altro non spetta a me confermare o no l'operato dei Colleghi! La sedazione Cosciente con Protossido di azoto e ossigeno, sinceramente, senza valutare la capacità di collaborazione del suo bimbo così piccolo, ritengo che solo in linea teorica si possa fare. Non è il caso però di arrivare ad una anestesia generale totale, pericolosa! La sedazione cosciente esiste anche somministrando farmaci per via endovenosa, basta solo saperlo fare! I due colleghi non gliene hanno parlato? Chieda Lei allora spiegazioni a Loro! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Egr. Sig. Manlio, esiste la possibilità della sedazione endovenosa cosciente, in mani esperte anche la sedazione in soggetto pediatrico è assolutamente affidabile e meno invasiva di una anestesia generale, se poi si trova negli USA, non ci sono assolutamente problemi, anche in Italia esistono centri autorizzati per i pazienti pediatrici. Cordialmente Dott. Paolo Formenti

Scritto da Dott. Paolo Formenti
Senago (MI)

Concordo perfettamente con le risposte che i Colleghi le hanno fornito: sedazione cosciente inalatoria con ossigeno e protossido d'azoto, sedazione endovenosa (con operatori perfettamente formati) oppure ozono terapia sono le opzioni che possono essere prese in considerazione per trattare il bimbo. La scelta però va fatta sulla base del caso specifico e dopo un'attenta visita clinica, non è possibile stabilire a priori la scelta "migliore". In questi casi ci si potrebbe affidare con massima fiducia al Dott. Passaretti, un Maestro e che risponde su questo sito, lavora però nelle Marche. Valuti se per voi è una soluzione praticabile.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Non è una situazione facile. Io bambini così piccoli provo a trattarli con un mix di sedazione con protossido (innocua totalmente) e con applicazione di ozono. Il quale è del tutto non invasivo, ma riesce solo a rallentare la progressione della carie fino all'età in cui si può fare qualcosa di più. Bisogna ovviamente eliminare tutto ciò che ha portato il bimbo a questa situazione.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Diciamo che la cura dei denti decidui da parte di un pedodonzista, con laser di adeguata lunghezza d'onda (Er YAG, ERCr YSSG) potrebbe gia essere una parziale soluzione in quanto piuttosto ben accettata e poco traumatizzante per i bambini. La sedazione cosciente con protossido di azoto+ossigeno è una procedura piuttosto "banale" in età pediatrica e viene frequentemente usata in Francia in strutture sanitarie che curano i bambini "special needs". Non vedo a priori particolari contro indicazioni all'uso di queti protocolli, ovviamente in mani esperte e bambino in buona salute. Le procedure di sedazione Endovenose in età pediatrica le vedo, per esperienza pediatrica diretta, piuttosto difficili da eseguire su pazienti poco collaboranti. Direi che per un pedodonzista esperto, attrezzato con laser, dopo magari un paio di sedute SENZA prestazione ma di presentazione dello studio del personale e degli attrezzi usati (laser lampade di polimerizzazione, etc etc) al bambino, è in grado di eseguire nel 90% dei casi le cure necessarie senza lotte corpo a corpo e senza necessità di una anestesia generale o EV. Le carie dei denti anteriori sono spesso associati a "bayby bottle syndrom" ossia il bambino va a letto con biberon o ciucci con prodotti zuccherini, e di regola si addormenta con essi in bocca. Andrebbe corretta questa abitudine, altrimenti sarà a punto e a capo dopo poco.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Rigano
PAVIA (PV)

Sono sempre contrario all'anestesia generale perché il rischio non è comparabile con l'operazione necessaria. Ricordo da molti anni di aver letto una ricerca scientifica che dimostrava, dopo una rieducazione psicologica per preparare il bambino alla anestesia generale, di trovare il bambino sufficientemente collaborante anche per una terapia odontoiatrica. Si può eventualmente attendere qualche mese attuando nel frattempo tutte le misure necessarie di una profilassi odontoiatrica, prima fra tutte il continuo spazzolamento dei denti con dentifricio fluorato dopo ogni più piccolo pasto, più volte al giorno. prof.Giuliano Falcolini, già docente ordinario di Pedodonzia presso l'Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Sullo stesso argomento