Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 7

Il primo molare da latte inferiore (e quindi il primo premolare definitivo) non è mai uscito.

Scritto da Alessia / Pubblicato il
Buonasera. Ho un bambino che a maggio compirà 8 anni. Ha già perso i 4 incisivi inferiori e i 2 superiori. Il primo molare da latte inferiore (e quindi il primo premolare definitivo) non è mai uscito. Dalla panoramica si vede chiaramente il definitivo sotto a quello da latte al quale è rimasta solo una radice molto sottile. Lo spazio in bocca c'è perchè l'ha sempre avuto e in più ha portato spaziatore per un anno di sicurezza. Il dentista mi ha detto che entro quest'anno dovremo estrarre il dentino da latte per liberare il definitivo tagliando la gengiva. E' necessario? e se lasciassimo il dente dentro così com'è? mi hanno detto che sarebbe un peccato farlo crescere con un dente in meno, ma non porterebbe conseguenze... Grazie Ale
Ci sono veri elementi di folle vaneggiamento in questo che leggo. Se il dente da latte è ridotto ad una radice va tolto estratto per liberare l'eruzione del permanente e per evitare che la infezione NECESSARIAMENTE e fatalmente associata alla presenza della radice, danneggi il dente permanente o l'intero organismo del bambino. Far crescere il bambino con un dente in meno senza conseguenze è un delirio ancora peggiore. Bisogna signora che lei verifichi accuratamente che il dentista che le dice queste cose sia iscritto all'Ordine professionale dei dottori laureati. In giro ci sono tanti abusivi, furfanti che esercitano senza laurea, e nei centri low cost si trovano dottori con nessuna esperienza reale.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora, da quello che capisco dalla sua domanda, se suo figlio ha portato un mantenitore di spazio vuol dire che ha avuto una carie destruente sul dente deciduo, quindi la prima cosa in assoluto più importante è preoccuparsi che in futuro la carie non intacchi almeno gli elementi dentari definitivi! Quindi si preoccupi di effettuare una prevenzione corretta della patologia cariosa di suo figlio e questo il suo dentista saprà spiegarglielo. Senza una radiografia non posso darle una risposta precisa per il problema della mancata eruzione del dente ma, se le cose stanno come lei le descrive, potrebbe essere sufficiente estrarre la radice del deciduo per vedere erompere il dente definitivo. Potrà effettuare quel semplice intervento che le è stato proposto se eventualmente il permanente non riuscisse ad uscire. Riguardo all'ultima domanda le rispondo con un'altra domanda volutamente provocatoria ma penso utile per farla riflettere sul caso del suo bambino: ci sarebbero conseguenze se, ad esempio, lei avesse un dito in meno sulla mano? Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Cara Signora Alessia, la permuta degli incisivi è in linea con l'età anagrafica di suo figlio. Non parla del primo molare permanente che sarebbe dovuto erompere intorno ai 6-7 anni. Quella del primo premolare è ancora abbastanza lontana perchè erompe di regola intorno ai 10-11 anni, quindi non capisco perchè le sia tato detto quello che poi ha ripetuto in questa sede!Tra l'altro sappia che l'età cronologica non corrisponde sempre ed automaticamente a quella scheletrica, per cui se vuole la certezza, basta fare una radiografia del polso per accertare la maturità dei nuclei di ossificazione per conoscere l'età scheletrica in realtà utile intorno agli 11-12 anni, per la sua età bisogna valutare anche la presenza o assenza delle saldature diafiso-epifisarie e sapere di conseguenza se essa coincise con la sua età cronologica!Col metodo di Tanner e Whitehouse si prendono in considerazione 20 dei 30 nuclei di ossificazione del polso e della mana e si attribuisce un punteggio a seconda dello stadio di maturazione raggiunta e si ottengono tre punteggi fondamentali: il totale, il Carpale ed il RUS(radio-ulna-short bones), il punteggio finale dell'adulto che abbia completato la maturazione scheletrica è di 1000 punti. Tutti i punteggi inferiori indicano stadi diversi di maturazione ossea e diverse età scheletriche!Ripeto non continui a perdere tempo! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Alessia, è normale ad otto anni non avere erotto il primo premolare permanente, il suo dentista se regolarmente iscritto all'albo lo confermerà.Cordiali saluti.

Scritto da Dott.ssa Barbara Boniello
Ciampino (RM)

Sig. Alessia, purtroppo c'è qualcosa di poco chiaro o ci manca qualche descrizione che per lei è scontata, se vuole un serio consiglio, dovrebbe farsi mettere tutto per iscritto dal suo odontoiatra e poi riportarlo in rete, in questo modo i dubbi diminuiscono e i consigli si fanno validi.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile paziente di solito se il dente definitivo c'è ed è ben posizionato dovrebbe uscire grazie al riassorbimento della radice del dente da latte, se nell'arco di qualche mese non cade allora si dovrà intervenire. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

Cara Alessia, la condotta terapeutica eseguita sul suo bambino non mi e' chiara. Sono invece stupefatto dall'affermazione secondo la quale la mancanza di un dente non rappresenti un reale problema per la salute di suo figlio. La mancata crescita o la perdita di un elemento dentario, ed in special modo di un molare, rappresenta in un bimbo la certezza che il proprio organo masticatorio si sviluppera' in modo anomalo e squilibrato provocando dei sicuri danni a livello estetico e funzionale che faranno di lui un paziente "a vita" dei molti dentisti che si avvicenderanno per rimediare ad un errore commesso inconsapevolmente in giovane età. Le potrò sembrare esagerato ma, in qualità di funzionalista, conosco quali sono i danni a livello parodontale e dell'articolazione Temporomandibolare provocati da inclinazione, rotazione e ma posizione dei denti per perdite precoci. Penso che suo figlio necessiti di una chiara e precisa impostazione clinica che, vista la sua età, può essere messa in atto con una corretta diagnosi e mediante una moderna ortodontia mobile intercettava che spessissimo evita l'applicazione di costosi ed impegnativi apparecchi ortodontici fissi. Resto a sua disposizione per ulteriori chiarimenti. Cordiali saluti Michele Lasagna
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento