Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 14

Mia figlia, di tre anni, dalla comparsa dei primi dentini da latte li ha sempre avuti rovinati.

Scritto da STEFANIA / Pubblicato il
Salve, sono mamma di una bimba di tre anni che dalla comparsa dei primi dentini da latte, intorno ai 10 mesi circa li ha sempre avuti rovinati. I suoi denti non sono mai stati belli bianchi e in piu' quelle che all'inizio sembravano delle piccole chiazzette piu' scure sono diventate macchie sempre piu' grandi fino ad arrivare a corrodere lo smalto e a consumare totalmente alcuni denti. L'anno scorso ho fatto vedere i dentini al mio dentista che mi ha detto che probabilmente la sua saliva e' molto acida e corrode lo smalto dei dentini e mi ha detto di non preoccuparmi perche' i permanenti saranno normali. E' passato un anno e la cosa mi sembri peggiori sempre di piu' , non vorrei compromettesse anche la dentatura permanente. La mia domanda e' questa, e' vero che esiste una carie da biberon che puo' provocare tali danni??? in quel caso quella di mia figlia potrebbe essere tale patologia???  lei usa molto il biberon anche la notte, cosa posso fare per non compromettere i denti permanmenti e eventualmente curare questi che le sono rimasti??? dove trovo un pedodontista nella zona di legnano dove vivo???(tanti non sanno nemmeno chi sia!!!) Attendo presto una vostra risposta, grazie mille e buona giornata Stefania
Cara Signora Stefania, certo la carie da biberon può avere la sua importanza, difficile dirlo senza una visita e senza una anamnesi corretta. Il biberon è nocivo soprattutto quando viene dato alla bimba prima di dormire con latte o liquidi zuccherati, per farla addormentare e magari per farla ciucciare tutta la notte. In questo caso diminuisce la salivazione ed è carente l'azione detergente della saliva e della lingua non libera di muoversi per la presenza del biberon o del ciuccio. Deve far perderle questo "vizio" che Lei mamma ha creato, perchè dice che" lei usa molto il biberon anche la notte", ma è ovvio che è lei cara signora che glielo da, mico0 lo prende da sola! Quindi coraggio e tolga il vizio a sua figlia e a se stessa, forse per non avere la "seccatura" che pianga! Porti sua figlia da un Dentista Pedodontista che la curerà, perchè i Dentini di latte sono essenziali per lo sviluppo della bocca intera e per la nascita regolare poi di quelli permanenti.A tre anni i denti decidui li deve avere tutti. I primi permanenti saranno gli incisivi che spunteranno tra i 6 e gli otto anni e il primo molare tra i 6 e i 7 anni fino agli ultimi, i canini intorno ai 9-12 anni e i secondi molari ai 11-13 anni. Tralasciando i terzi molari che nasceranno dopo! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Stefania, i problemi della sua bimba sono dovuti ad una scarsa igiene orale e non ad una presunta saliva acida. I denti vanno lavati accuratamente sin dalla loro comparsa in bocca e anche con l'ausilio di compressine al fluoro si può mantenere la loro salute. Se queste semplici e fondamentali regole non vengono rispettate è chiaro che si verifichino dei problemi. Consulti un pedodontista che possa fornire adeguate risposte. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Si tratta certamente della carie da biberon. Il meccanismo con cui i denti permanenti possono esserne danneggiati è principalmente se si instaurano infezioni sui dentini da latte a causa di queste carie. Bisogna prendere delle decisioni opportune, cura o altro. Non so Legnano, ma Milano è piena di eccellenti pedodontisti..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara signora Stefania da come racconta i fatti sembra che i dentini abbiano avuto un problema di mineralizzazione dello smalto probabilmente ad un eccesso di fluoro, se lo ha somministrato, che causa + danni se in eccesso che non in difetto, Data la mancanza di mineralizzazione poi se la bambina assume di notte, con il biberon, bevande zuccherate il tutto peggiora. Non esiste un danno dovuto alla saliva. Trattandosi di dentini da latte che devono rimanere fino a circa i sei anni di età si possono curare, quasi sempre senza anestesia Cordialmente Dr. Cicardi High Tech Dental Implant - Cerec Center Erba
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Cicardi
Erba (CO)

La situazione descritta è la classica "carie da Biberon". Tolga immediatamente questa abitudine alla bambina per non aggravare la sintomatologia: Può consolarla della mancanza del biberon con una grossa bambola di peluche che la bambina abbracci invece della bottiglia, o meglio accompagnandoLA A DORMIRE E STRINGENOLE LA MANO FINO A CHE NON DORMA: INSOMMA DEVE SOSTITUIRE LA BOTTIGLIA CON QUALCHE ALTRA OCCASIONE DI SODDISFACIMENTO. Quanto alla situazione attuale dovrà pensare a curare i denti da latte che devono durare in bocca fino alla permuta, che comincerà verso i 6 anni e continuerà progressivamente dente per dente. Se le può essere utile provvederò,dietro sua richiesta specifica, ad indicarle un collega pedodontista a Milano . Giuliano Falcolini, già professore ordinario di Pedodonzia presso l'Università di Sassari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Giuliano Falcolini
Roma (RM)

Le carie da biberon sono descritte molto bene in letteratura, e se possono essere ininfluenti sulla dentatura permanente, non è così per lo sviluppo armonico del distretto buccale dello scheletro. Consiglio vivamente di far perdere al più presto questa abitudine viziata alla bimba anche se per i primi giorni sarà dura. Sia più forte lei! lo fa per la sua piccola. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

La risposta di comodo del suo dentista ha tutta l'apparenza di una strategia per prendere tempo e non è assolutamente accettabile. I denti "da latte" hanno una loro dignità, una loro funzione e una loro anatomia che vanno salvaguardate e rispettate, anche e soprattutto perchè le loro patologie possono determinare - eccome! - ripercussioni anche a carico dei denti permanenti. Lei magari non si dovrà preoccupare, ma di sicuro doveva farlo il collega... perlomeno indagare per una eventuale sindrome da biberon o anomalie dello sviluppo dentario (amelogenesi imperfetta). E' necessario rivolgersi urgentemente a un collega pedodontista per una diagnosi seria del problema, le lascio il link della Società Italiana di Odontoiatria Infantile alla quale potrà rivolgersi per ulteriori informazioni: http://www.sioi.it/  Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Gentile Sig.ra Stefania, il suo allarmismo mi sembra più che legittimo per il benessere fisico e psichico dei propri figli e quello che le consiglio è di prodigarsi con il massimo sforzo di far cambiare quei vizietti ai figli che forse esprimono nell'essenza più profonda il nostro egoismo. Consulti un bravo collega dentista che abbia esperienza ed amore per i piccoli pazienti e vedrà che con i suoi validi e professionali suggerimenti la salute dei denti permanenti del suo dolce bimbo verrà garantita. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sig.Stefania, non capisco come si può affermare che i denti permanenti non siano affetti da patologia senza nemmeno un RX, forse c'è stato qualche malinteso. Tutti gli odontoiatri hanno studiato e conoscono la pedodonzia, se un collega non si dedica a questa branca, sicuramente sa indicare a chi rivolgersi. Le consiglio dopo un’accurata diagnosi di un vero odontoiatra, un colloquio con un igienista dentale che le fornirà tutte le istruzioni per conservare sani i futuri denti di sua figlia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Salve, I denti decidui sono elementi che comunque devono essere curati al pari dei denti permanenti; mi associo, pertanto, al Collega Dr Colla nel sostenere che qualsiasi patologia a carico dei denti "da latte" può causare danno al permanente sottostante in fase di sviluppo. Cordialmente, Dott. Francesco Buoncristiani

Scritto da Dott. Francesco Buoncristiani
San Vincenzo (LI)

Sullo stesso argomento