Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 10

Seguito domanda del 12/09/2008: Cura denti in sedazione cosciente

Scritto da Monica / Pubblicato il
Buonasera, innanzitutto vorrei ringraziare tutti i medici che hanno risposto così celermente alla mia domanda del 12.09.2008 e se possibile vorrei porre un altro quesito : quanto tempo posso aspettare prima di procedere alla cura del dentino fratturato del mio bambino senza che la presenza continua di una fistola con pus arrechi danni ai futuri denti permanenti o complicazioni di altro tipo? E cosa devo fare per tenere disinfettata il più possibile la suddetta fistola? Vi faccio questa ulteriore domanda perchè sarebbe mia intenzione ritardare di qualche mese o anche 1 anno la cura del dentino necrotico affinchè il mio bimbo, che adesso ha 2 anni, diventi un pò più grande e collaborante. Ringraziando nuovamente per la vostra disponibilità, porgo Cordiali Saluti. Monica Ricci Bitti.
La presenza della fistola è un evento positivo, in quanto permette all'eventuale pus di trovare un drenaggio all'esterno, evitando che vada in altre direazioni. La fistola è uno dei modi con cui il nostro organismo si difende da una infezione, evitando danni ulteriori. La saliva è già di per sè disinfettante, quindi è inutile che lei applichi alcunchè sulla fistola. E' dificcile che i denti permanenti vengano compromessi da una tale infezione. E' possibile attendere qualche mese. Se in questo periodo l'infezione dovesse riacutizzarsi con dolore e gonfiore, sarà necessario sottoporre suo figlio ad una cura antibiotica e immediatamente procedere alla terapia odontoiatrica. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Pasquale Venuti
Mirabella Eclano (AV)

Sig. Monica, se la fistola drena pus bisogna somministrare antibiotici, diversamente può attendere. Poichè e difficile che un bambino possa fare sciacqui, può applicare in loco con un cotton fioc un coluttorio a base di clorexidina tipo dentosan 0-12, non più di una volta al giorno, se le cose si dovessero complicare, allora si deve recare da un collega che abbia tanta pazienza. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Sig.Monica, non è detto che un bambino di tre anni sia più collaborante di uno di due, il problema si sposta ma non si risolve. La fistola non guarisce finche è presente la necrosi infettiva. Le consiglio di far visitare suo figlio da un odontoiatra che confermerà la diagnosi e valuterà l'eventuale cura o l'avulsione effettuabile in narcosi. Ritardare l'intervento può dare delle complicanze, la fistola è già una perdita di continuità del tessuto osseo. Si ricordi, che in caso di avulsione, il bambino avrà lo stesso una masticazione competente, il difetto sarà principalmente estetico fino ai 6 anni circa, periodo in cui nascono i nuovi denti permanenti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Monica, ricordi che fino a che le difese immunitarie sono in perfetto funzionamento, l'infezione resta circoscritta. Se per un qualsiasi motivo dovessero abbassarsi, i batteri che ora sono limitati all'area di necrosi dentale, potrebbero diffondersi con il possibile interessamento di organi importanti dell'organismo. Le consiglio di cercare, senza affanno, ma cercare, un pedodontista ospedaliero che le curi il bambino. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Concordo con i colleghi, deve intervenire per risolvere la fistola. Contatti un pedodonzista. Mi sembra di averle già segnalato il Dr. Olivi a Modena. Saluti.

Scritto da Dott. Pietro Convertino
Alberobello (BA)

Io da più di venti anni curo bambini così piccoli con questi disturbi, tramite sedazione cosciente con ossigeno e protossido ed ora anche con l'ozono. Io in questa situazione farei questo: Valutare il presente, ovvero se il bambino non ha fastidi rilevanti, se si alimenta bene e ha le analisi del sangue a posto. Se non c'é nessuno di questi elementi di turbativa, si può rimandare tutto fino all'epoca in cui il dente permanente corrispettivo prenderà contatto col deciduo. In questo momento bisognerà evitare che il dentino nuovo abbia a che fare con la zona ascessuata perché potrebbero accadere due cose: che devi dal percorso evitando la zona malata e nasca storto e decentratomolto peggio, che abbia danni irreversibili allo smalto. Questo momento sarà valutabile poi con una radiografia, oppure con altri elementi che un dentista che si dedica davvero ai bambini può capire bene..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Signora Monica, in effetti una fistola e' il segno di una patologia persistente e soprattutto attiva. Segua i consigli dei dottori Passaretti e Rufoni. Aspettare si, ma tenendo sempre il problema a portata di mano, e valutarlo periodicamente. Perchè è vero che un dente deciduo malato può, in qualche modo, influenzare negativamente il permanente. Ma è anche vero che togliere un dente deciduo TROPPO PRECOCEMENTE, può lo stesso provocare problemi come l'inclusione ossea. (il dente permanente non avendo la strada pronta resta incluso nell'osso e non spuntera mai.) Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Mi spiace non concordare con i colleghi che le dicono di aspettare. Una situazione infettiva è sempre da valutare attentamente e trattare. Poichè non è ancora possibile visitare una persona via internet, è chiaro che si deve rivolgere ad un odontoiatra per bambini (pedodontista) che faccia le corrette valutazioni del caso. Mi permetto anch'io di consigliarle di contattare, anche telefonicamente, e se vuole faccia il mio nome, il dr. Roberto Olivi a Modena (059-216065). Ci tenga informati.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Francesco Scarpelli
GORIZIA (GO)

Da diversi anni lavoro con i bambini anche piccoli come il suo, anche senza sedazione e le posso assicurare che la maggioe parte delle volte sono meglio degli adulti!!!! Comunque il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un pedodonzista, con tanta pazienza, e di far devitalizzare il dente, vedrà che la fistola sparirà e il dente rimarrà in sede. Una prematura estrazione oltre a creare un maggior trauma psicologico al bambino, potrebbe far insorgere problemi ortodontici. I denti da latte vanno mantenuti in bocca il più a lungo possibile!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Roberta Araceli
Viterbo (VT)

Cara Monica, le consiglio vivamente di far curare quel dentino con fistola dal suo dentista, qualora sia possibile, altrimenti procedere con l'avulsione dello stesso, perchè può danneggiare il dente permanente sottostante. Distinti saluti

Scritto da Dott. Gerardo Cafaro
Campagna (SA)

Sullo stesso argomento