Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 8

Mia figlia di 6 anni è in cura da tre anni per carie su pre-molari e molari da latte.

Scritto da Simona / Pubblicato il
Salve, mia figlia di quasi 6 anni è in cura da tre anni per carie su pre-molari e molari da latte. Il dentista praticava l'otturazione velocemente, pulendo e disinfettando il dente e immancabilmente dopo pochi mesi l'otturazione saltava e si ricominciava la trafila: dolore, visita, otturazione. Venerdi scorso ho cambiato dentista perchè il dolore della piccola era aumentato e il dentista irreperibile..nuova diagnosi che mi ha scioccato: le carie complessivamente sono 9!(ad ogni visita chiedevo un controllo generale della bocca e mi diceva tutto ok)e la nuova dentista mi ha richiesto delle analisi del sangue per verificare la ves, e che la carica batterica non abbia danneggiato organi come cuore e reni; mi ha detto che sarà necessaria l'anestesia per curare almeno 4 carie più profonde. Nel frattempo, per toglierle il dolore, ha aperto il dente, lo ha pulito e disinfettato e richiuso con un'otturazione provvisoria da sistemare nel giro di due settimane (ho preso tempo per parlarne con il mio pediatra). Ieri tutto bene, senza dolore, mentre stasera mia figlia si lamenta di nuovo. Vorrei avere qualche notizia in più su questa pratica dell'anestesia nei bimbi così piccoli :che controindicazioni ci sono? è sicura al 100%? Ma le analisi del sangue sono necessarie? Vorrei avere se possibile gentilmente un indirizzo di un bravo pedodontista a Roma, perchè vorrei sentire un altro parere...grazie in anticipo. Una mamma in ansia... Simona
Sig. Simona, i premolari da latte o decidui in letteratura non sono contemplati. La cura di un dente deciduo con carie avanzata non è semplice e non immune da complicanze. Praticare l'anestesia locale ai bambini, porta gli stessi a non aver paura dell'odontoiatra, perché non sentono dolore durante gli interventi, i rischi da anestesia locale devono essere conosciuti dalla sua odontoiatra, che conosce tutte le procedure per far fronte ad eventuali reazioni avverse. Nel suo caso le consiglio un colloquio con l'igienista dentale, dello studio odontoiatrico dove è in cura sua figlia, per poter prevenire la carie ai futuri denti permanenti. Richiami la dottoressa e comunichi la sintomatologia di sua figlia. Legga la pubblicazione "LA BOCCA" e gli articoli "IL MIO DENTISTA E' UN MEDICO E CONOSCE COME SOMMINISTRARE L'ANESTETICO PER VIA LOCALE E TRATTARE LE EMERGENZE NELLO STUDIO ODONTOIATRICO" e "SCOPRI QUANTI DENTI HAI IN BOCCA E COME SI CHIAMANO" Trova questi articoli nella mia scheda personale alla sezione Pubblicazioni, con semplicità capirà come e con chi affrontare le prossime cure a sua figlia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Innanzitutto l'ansia lasciamola per cose piu' importanti.... :),tutto in questo caso e' facilmente risolvibile. Le analisi richieste sono precauzionali. Lo stato di salute della bocca puo' darci delle indicazioni sullo stato generale della persona ma non si allarmi, tutto andra' bene. I premolari da latte non esistono, sono dei molari, probabilmente. Il mio parere e' questo, ma la sua dentista sapra' consigliarla per il meglio, secondo il suo punto di vista: esiste probabilmente (non vedendola) una situazione di cariorecettivita' costituzionale,che possiamo cercare di compensare, come al solito, con il miglioramento dell'igiene orale ma non basta, un occhio al terreno,cioe' le difese,quindi miglioramento dell'alimentazione, possibilmente biologica, con attenzione in particolare ai carboidrati, spesso in eccesso, eliminando gli zuccheri raffinati contenuti in merendine,biscotti e affini.Il latte vaccino (mucca) lo toglierei per un certo periodo, perlomeno guardare che tipo di latte si assume,visto che non sono tutti uguali (pastorizzato e non, intero, scremato ecc.). Un nutrizionista potrebbe aiutarla.Poi chiaramente i denti sono da curare,una piccola quantita' di anestetico,se non vi sono controindicazioni individuali,non e' pericolosa. Io, sempre dal mio punto di vista, associo, se e' il caso,qualche prodotto omeopatico, prima e dopo, in base al caso,per ridurre l'ansieta' e per facilitare eliminazione dell'anestetico. Non consiglio fluoro, a mio parere inutile e il cui eccesso puo' causare anche problemi. PS.Come e' stato l'allattamento materno del bambino, regolare o deficitario? Il parto tradizionale o cesareo?
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Del Bene
Pesaro (PU)

Cara Signora Simona...l'anestesia locale nei bimbi...(poi mica così tanto piccoli...6 anni!!!)...è normalissima...mi stupisce la sua domanda...il Pediatra non centra assolutamente niente...si fidi e si affidi al Dentista della bimba....impari a fidarsi...ne parli con lui, si faccia spiegare tutto, dica tutti i suoi dubbi...INSOMMA PARLI COL SUO DENTISTA ...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Gnatologia, Implantologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Salve signora Simona, non capisco l'eccessivo allarmismo tali da richiedere l' analisi del sangue per la bimba, mi sembra un pochino eccessivo, inoltre a riguardo dell' anestesia non deve preoccuparsi. Distinti saluti

Scritto da Dott. Gino Perna
Roma (RM)

Gentile mamma, che bel disastro nella bocca della piccola! Tutto, cmq, è risolvibile. Come Lei riferisce sua figlia da tre anni è in cura dal dentista per carie a livello dei denti decidui, ma, si tratterà sicuramente dei molaretti decidui perchè a quell'età ancora non hanno fatto la comparsa i premolari, e la cura ovviamente dipende dal grado di collaborazione della piccola paziente e dalla motivazione che Lei riesce ad infondere a sua figlia dell'importanza di sottoporsi alle cure. Oggi esiste l'analgesia sedativa che può contribuire a permettere all'operatore di agire con più tranquillità e permettere una cura definitiva. L'anestesia, sicuramente necessaria per aprire la camera pulpare di uno dei molaretti cariati, stia tranquilla che non determina nessun danno e gli esami ematochimici (VES, ASLO, etc.) servono solamente per verificare l'infezione eventualmente presente per la notevole carica batterica nella bocca di sua figlia. Le consiglio di perdere un pò di tempo con sua figlia per far capire l'importanza della cura e la sproni con vigile sorveglianza ad una pulizia quotidiana accurata dei suoi dentini. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Signora, come le hanno già spiegato i colleghi non c'è da allarmarsi, ma sicuramente deve parlare di più col dentista e farsi spiegare meglio la natura della cure. Non si stupisca che le carie siano così numerose, se come si può presumere nel suo caso c'è un'alta cariorecettività della bambina, è frequente riscontrare le carie su quasi tutti i molaretti da latte, e chiaramente vanno ben curati. Probabilmente il primo dentista, data anche la piccola età della bimba, non è riuscito ad effettuare le cure in maniera definitiva, ma con un approccio pedodontico corretto, e sicuramente anche effettuando l'anestesia locale, si dovranno curare bene tutti i dentini, con otturazione o, in caso di carie profonde, anche con la pulpepctomia (che è, per farle capire, una devitalizzazione, con metodiche particolari legate al fatto che il dente è deciduo). Inoltre c'è sicuramente da mettere in atto delle misure di prevenzione, con migliore controllo dell'igiene dentale della piccola e controllo dell'alimentazione, chieda meglio alla dentista, il pediatra non le può dare indicazioni più precise, e comunque si fidi e si affidi ad un/una pedodontista, che saprà mettere in atto tutte le terapie necessarie nel modo corretto senza rischi particolari, darle tutte le informazioni chiarificanti sulle cure, oltre che saperle fornire tutti i consigli utili a migliorare la situazione generale e adottare misure di prevenzione (tra cui anche le sigillature dei molari permanenti, per ridurre il rischio di carie). Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Stefania Mazzitelli
Como (CO)

Non vorrei essere tacciato di superficialità, ma il caso di sua figlia non necessita di professoroni per essere risolto. Ne tantomeno della valutazione del pediatra che deve continuare a fare il pediatra. Analisi del sangue, complicanze cardiologiche ma via... un normale pedodonzista, o un normale dentista armato di pazienza può risolverle tranquillamente il problema. Vorrei conoscere quanti dentisti fanno fare esami ematochimici per delle carie. Lei sig.ra si tranquillizzi..

Scritto da Dott. Alessandro Sanna
Lucca (LU)

Gentile Simona, mi occupo da molti anni di odontoiatria infantile. Se le fa comodo può portare la bambina presso il mio ambulatorio di Roma per un consulto gratuito e senza impegno. Cordiali saluti. Dott. Gentile Alessandro

Scritto da Dott. Alessandro Gentile
Tivoli (RM)

Sullo stesso argomento