Domanda di Pedodonzia

Risposte pubblicate: 7

potrei avere un parere riguardo a questa pallina e l'estrazione?

Scritto da Laura / Pubblicato il
Buongiorno, sono la mamma di un bimbo di 5 anni e mezzo da poco trasferiti in sud Africa. Chiedo cortesemente una seconda opinione sul problema apparso da una settimana al bambino. Circa un paio di settimane fa, l'ho portato per chiudere un buchino di un primo molare il quale recava fastidio, visitato, medicato è aggiustato.. Giusto la settimana scorsa, lavando bene i dentini di mio figlio, ho notato che l'otturazione era saltata via e sulla gengiva è apparsa una pallina bianca con l'area interessata un po' infiammata.. Il bambino non percepisce ne dolore ne fastidio.. L'ho portato dallo stesso dentista e, dopo la visita, gli ha prescritto amoxicillina e flagyl per 5 giorni 3 volte al giorno con una nota che dice "se non ci sono miglioramenti, si effettuerà l'estrazione".. Sono passati 4 giorni e la pallina sta ancora lì.. La terapia è seguita benissimo con gran collaborazione da parte del bambino e ora mi spaventa il fatto che il dottore debba estrarre un dente che dovrebbe perdere verso i nove anni.. Mi domando anche se sia davvero un ascesso dentario oppure altro visto che la terapia non sta dando nessun miglioramento. Come se non bastasse, accidentalmente è caduto sbattendo la bocca sul tavolino e ora abbiamo anche un incisivo che balla e rientrato e pare quasi cambiare colore! Cortesemente potrei avere un parere riguardo a questa pallina e l'estrazione? Ringrazio in anticipo per la vostra considerazione.
Cara Signora Laura, buongiorno. Evidentemente è mancata una corretta Diagnosi. "Il buchino" era una carie penetrante ed il dente non curato è andato in "Necrosi" con relativo ascesso per l'infezione (la pallina di cui parla). Infezione che è sostenuta da batteri Anaerobi Gram Negativi su cui l'antibiotico prescritto non è molto attivo! In ogni caso non si tratta tanto di fa re una Terapia Medica, quanto Endodontica! Lei non specifica se si tratti del primo molare deciduo (erotto a 10-16 mesi) o del secondo molare Deciduo (erotto a 15-30 mesi) ma, in ogni caso, tenga presente che come media vengono sostituiti dai premolari permanenti, intorno ai 10-11 anni! Avendo suo Figlio 5 anni e mezzo, è importante curare il molare deciduo anziché procedere alla sua avulsione precoce. Se si decidesse in ogni caso che non fosse curabile (cosa rara ma possibile), si dovrebbe mettere un mantenitore di spazio che deve essere rifatto periodicamente perché non interferisca con la crescita scheletrica di mascella e mandibola, altrimenti i denti si sposterebbero causando Disgnazie pericolose. Cari saluti ed Auguri per il Suo Bimbo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno; naturalmente bisognerebbe vederlo per stabilire la terapia; se il dente e' da estrarre lo si estrae applicando successivamente un mantenitore di spazio; se non e' da estrarre si cura e si cerca di arrivare alla perdita naturale del dente. Sono un po' perplesso per la terapia antibiotica, un po' eccessiva ma comunque da sola, non risolve il problema. La pallina e' un tramite dove passa il pus e mantiene una situazione di equilibrio fra infezione e difese. Se durante la cura endodontica la pallina sparisce vuol dire che siamo a buon punto; anche se lo si estrae la pallina se ne va
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Come sottolineato giustamente dal collega dottor Petti, si tratta di una carie penetrante che ha interessato la camera pulpare, mandandola in necrosi, da cui ascesso cronicizzato con fistola mucogengivale (la famosa pallina). La terapia medica, con antidolorifici al bisogno (spesso si tratta di lesioni relativamente asintomatiche) ed antibiotici, è utile solamente nelle fasi iniziali e per contenere il quadro clinico, ma non risolutiva; trattandosi di una infezione cronica, fistolizzata, l'unica soluzione consiste nell'intervenire nuovamente sul dente, o estraendolo oppure sottoponendolo a terapia canalare. In questo senso è necessario rivolgersi ad un Pedodontista, un odontoiatra specializzato in odontoiatria pediatrica, dato che solitamente un dentista generico non effettua queste procedure.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora Laura, sono d'accordo col collega di Cagliari, probabilmente il dente anche se da latte va trattato endodonticamente (per intenderci va tolto il nervo e dopo disinfezione dei canali questi vanno otturati). Fosse mio figlio non farei l'estrazione. Rimane comunque da fare una diagnosi de visu e non tramite computer....Cordialmente

Scritto da Dott. Michele Randisi
Roma (RM)

Il collega avrebbe dovuto devitalizzare il dente per curare l'ascesso, deve fare una diagnosi dopo una rx endorale, non mi sembra proprio il caso di estrarre un dente a questa età

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Sig. Laura, probabilmente lei si è rivolta a una struttura ospedaliera o accreditata dal S.S.N. questo purtroppo giustifica la risposta che le hanno scritto. Un odontoiatra privato con le corrette attrezzature può cura il dente, evitando costosi danni biologici a distanza e soprattutto saprà spiegarle la semplicissima prevenzione della carie, in modo che il suo bimbo non abbia più carie future.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Il dente se possibile va curato e recuperato. Se tolto, le conseguenze a livello della crescita e della occlusione sarebbero molto negative. Infatti il nuovo fronte corrispondente è previsto che nasca fra 5 anni. In questo tempo si può spostare tutto... Dovrebbe trovare un dentista per bambini in sud Africa. Io credo che il livello della sanità in quel paese non sia male e si può trovare un dentista pediatrico che sia in grado di devitalizzare bene il dentino, far scomparire la fistola, e fare una otturazione che duri per il tempo necessario. Questo dentista non è di certo quello che ha fatto la prima cura ed ora propone l'estrazione. Se non lo si trova, ci sono altre prospettive. Come ad esempio aspettare così che nasca il primo molare permanente (fra meno di un anno se è puntuale) dietro di questo dente e applicare poi, un mantenitore di spazio dopo la estrazione. Cioè un aggeggino che applicato, impedisca ai denti di spostarsi. ..Quindi per ora tentare di tenerlo se non ha fastidi. Però, vista la presenza di infezione, io farei una analisi del sangue per vedere se ci sono a livello ematochimico i segni della infezione in atto che se non curato può solo peggiorare. Quindi se non si trova proprio chi lo può curare, tenerlo così se non fa male e se le analisi sono a posto. Ma poi ci vorrà un dentista che sia in grado di fabbricare ed applicare tale mantenitore di spazio. In genere chi si occupa di ortodonzia lo sa fare. ma alla fine potrebbe non essere facile trovare neanche questo tipo di professionista. Speriamo bene!!!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento