Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 5

Ho delle chiazze sulla lingua che non mi danno tregua....

Scritto da David / Pubblicato il
Buongiorno a tutti... a gennaio ho subito punture di penicillina per una tonsillite, da allora mi sono venuti fuori delle chiazze che non mi danno tregua. Spariscono per poi riapparire cosi forti dopo alcuni giorni. Ho provato di tutto, tampone per ricerca miceti , negativo, tampone per esame colturale, streptococco viridans (che pero' dicono di essere normale della flora batterica). In famiglia mio zio e mia nonna hanno problemi con la vitamina B12 ed io guarda caso ho problemi ai nervi cranici, VI e VII , con paresi facciali curate in passato con cortisone. Ho contattato un mio amico dentista che mi metterà in contatto con una persona che effettua biopsie orali. Non so piu' cosa pensare...e' un periodo estremamente stressante e so che la B12 come l'acido folico vengono bruciati in grossa quantità in questi periodi. Non capisco se e' un fungo o altro...da notare anche il biancore intorno alla lingua con conseguente forma dei denti apparsa da un giorno all'altro 2 mesi fa...Lavo normalmente i denti 2-3 volte al di, sciacqui, acqua ossigenata, aloe, ho provato a ripristinare flora batterica con aggiunta di supradyn....niente di niente. Dicono sia lingua a carta geografica, ma non e' possibile che vada e venga con questa veemenza, la lingua a carta geografica penso sia tutt'altro tipo di problema e non e' il mio, le chiazze vengono su 3-4 punti sempre uguali...i dottori non fanno altro che dire che io sia pazzo e non ci debba fare caso...vorrei capire se sono formazioni neoplastiche di qualche genere o davvero sia una carenza di qualcosa....vi prego aiutatemi, se non dovessi riuscire a fare una biopsia vi chiedo gentilmente se qualcuno qui le fa, sono di Roma. Grazie mille
Caro Signor David,non mi sembra proprio una "Lingua a carta Geografica" anche se non si vede bene il dorso della lingua, che è quello più colpito! Purtroppo non basta una foto per fare diagnosi, e' necessaria una visita clinica, con palpazione e tanto altro! Solo così potrà sapere cosa ha e farlo curare! questa lesione va differenziata da verruche, condilomi papillomi in particolare. Pretendere una diagnosi stomatologica da una sommaria descrizione soggettiva di una lesione è veramente cosa "curiosa" oltre che sbagliata e pericolosa! Sappia che per esempio, il virus del Papilloma umano, HPV (Human Papilloma Virus) ha predilezione per le mucose genitali ed orali e per gli epiteli squamosi. Nella mucosa orale, il papilloma, si manifesta in tre varianti istopatologiche: Squamoso, verruca vulgaris (molto meno frequente) e Condiloma accuminato. Bisogna fare attenti esami sullo stato del suo sistema immunitario e attuare una "sorveglianza" preventiva e diagnostica perchè se ne possono formare altri. Il medico più adatto a questa sorveglianza è lo Stomatologo, il Patologo Orale, il Dermatologo o il Virologo o l'Immunologo o il Clinico Medico! Sarebbe importante anche avere un esame istologico su quelli tolti! Si rimane contagiosi fino a dopo l'ultimo di almeno due o tre controlli nel tempo di due mesi dall'ultima escissione. Aggiungo che si possono fare dei tamponi orali per la ricerca del virus HPV!Ne parli, ripeto, con un Dermatologo o gli altri specialisti consigliati! Il tampone lo può fare anche il suo Dentista se è organizzato per farli avere integri ad un laboratorio di istopatologia e virologia!Valutare poi la sua immunità cellulo mediata dai Linfociti T. Ed ancora, dopo l’introduzione della HAART (highly active antiretroviral therapy), si è visto che le lesioni da HPV anziché diminuire, sono aumentate (in sede orale e genitale) ed anche in relazione al calo della viremia a seguito della terapia antivirale. Però stia tranquillo, si risolve tutto e tornerà la normalità, sicuramente e senza problemi, sia quindi molto sereno!In ogni caso ho parlato di diverse possibilità diagnostiche che vanno differenziate e confermate, ovviamente. Lei chiede ed io devo rispondere! La Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica Etc. Importantissima è anche l'anamnesi che non si può certo fare via web! Di rilevanza alta è la sua patologia coi nervi cranici, anche se non spiega che diagnosi abbiano fatto, facendo riferimento solo ad una carenza di vitamina B12 ma non chiarendo il perché! Coraggio quindi si faccia visitare. Sono soldi spesi bene, mi creda! Diffidi di chi non fa pagare la Visita! Che altro posso dirle!? Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. David, forse questa lingua è da anni che mostra queste lesioni, ma sono comparse ai suoi occhi solo dopo il trattamento con penicillina. Il quadro è abbastanza semplice e probabilmente una biopsia potrà dire gran poco, per cui le consiglio di ricercare su questo portale un' odontoiatra che si occupa di patologia orale; nella sua regione ne troverà a centinaia.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Non escluderei la lingua geografica ma occorre fare indagini approfondite; ci faccia sapere

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Non credo sia lingua a carta geografica quel tipo è sempre presente con aree più grandi e sono sempre asintomatiche. Potrebbero essere funghi, forse ne ha altri sul corpo e sono asintomatici. Potrebbe provare a consultare un omeopata costituzionalista non necessariamente anche odontoiatra. Specifico costituzionalista perchè spesso l'omeopatia viene scambiata con l'omotossicologia che pur utilizzando prodotti omeopatizzati spesso non arriva al cuore del problema. Anche la terapia sanum potrebbe esserle di aiuto. Ovvio la terapia allopatica deve sempre avere un posto primario.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Luigi Pasquali
Albano Laziale (RM)

Caro David, le consiglio una visita presso un centro di patologia orale inserito in una struttura polispecialistica ospedaliera. Qui troverà anche un tipo di assistenza multisettoriale di cui potrebbe avere bisogno. Cordiali saluti Michele Lasagna.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento