Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 12

Soffro di afte da quando sono piccola, ma negli ultimi anni mi compaiono sempre più frequentemente

Scritto da letizia / Pubblicato il
Buongiorno, soffro di afte da quando sono piccola, ma negli ultimi anni mi compaiono sempre più frequentemente fino al punto che da due mesi appena una sta guarendo me ne compare un'altra. Mi potete consigliare come agire? grazie in anticipo :)
Gentile Sig.ra Letizia, purtroppo una vera e propria cura non esiste. In farmacia trova moltissimi preparati, ma spesso la loro funzione è quella di formare una barriera per alleviare il dolore. In caso di lesioni molto invalidanti non rimane altro che il cortisone. Piuttosto le afte possono essere il sintomo di altri problemi come una anemia o un morbo celiaco. Pertanto sarebbe consigliabile approfondire questo aspetto. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Letizia, La causa reale delle afte non è conosciuta, purtroppo ancora. La stomatite aftosa è una patologia caratterizzata da presenza di vescicole sul palato, sulla lingua, sulle mucose della bocca e sulla faccia interna delle guance. La causa delle afte rimane a tutt'oggi sconosciuta, è conosciuta, invece, l'esistenza di fattori che predispongono la loro comparsa. Tra questi ricordiamo: Virus deficit alimentari, carenza di vitamina B12, B6 e B1 carenza di acido folico, carenza di ferro, presenza di stress, ansia, nevrosi, patologie psichiatriche Morbo Celiaco, malattie debilitanti sistemiche, Esistono dei preparati sotto forma di gel che applicati alle lesioni donano una sensazione di sollievo immediato. La maggior parte di questi è composta da acido ialuronico vitamina B12/B6/B1 ferro o acido folico Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica Etc. per cui è consigliabile farsi visitare da un Patologo Orale o da uno Stomatologo che poi sono specialità appartenenti anche al Dentista e quindi può bastare un buon Odontoiatra esperto in Patologia Orale e se non si arrivasse ad una diagnosi certa e/o ad una terapia risolutiva, anche da un Clinico Medico (Internista). Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Si ritiene che le afte si producono a causa di un disordine della flora batterica intestinale associato ad un processo di immunodepressione temporale o cronica. In questo modo, i fattori che coinvolgono una bassa risposta immunitaria si considerano di rischio per lo sviluppo di afte: lo stress, cambi ormonali come la mestruazione, svariate allergie, insufficienze di vitamine (B12, A, acido folico) o minerali (ferro), infezioni virali concomitanti, malattie infiammatorie croniche. Alcune intolleranze alimentare, quali il consumo di cioccolato o l'intolleranza al glutine in generale, può provocare lo sviluppo di afte in alcune persone dopo l'ingestione di prodotti a base di grano, segale e orzo. In alcuni soggetti, il consumo di alimenti troppo salati, quali gli insaccati o le patatine in buste, provoca l'immediata comparsa di ulcere orali. Le afte si possono provocare anche per cause traumatiche, quale la cattiva abitudine di mordere una penna, o l'uso di apparecchi ortodontici, che possono originare piccole lesioni le cui, associate ad una scarsa igiene buccale o al contatto con oggetti sporchi, predispone alla formazione di afte nella mucosa orale. L'afta singola generalmente guarisce spontaneamente, nell'arco di 10-15 giorni, ma può ripresentarsi anche frequentemente, o presentare tempi di guarigione più lunghi, fino ad un mese, sopratutto nelle persone con disturbi immunitari concomitanti. La cura dell'afta singola può accelerarsi con l'applicazione topica di medicinali specifici a base di cortisone, sia in compresse adesive o come gel, oppure prodotti a base di Aloe vera in gel o dischetti aderenti. Certi collutori non alcolici possono alleviare temporaneamente il dolore. Alcuni rimedi naturali vengono proposti per la cura dell'afta, quali l'applicazione locale di succo di limone (provoca dolore inizialmente, ma accelera la guarigione), sciacqui con tè nero, ecc. La fitoterapia a base di Saccharomyces Boulardii, un lievito, e Resveratrolo, una sostanza contenuta nella buccia dell'uva, è stata utilizzata con qualche successo. Utilizzare dentifrici senza laurilsolfato di sodio potrebbe prevenire la comparsa di afte, sopratutto nei casi ricorrenti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Letizia, la terapia delle aste è frustrante. Per alleviare i fastidi e accorciare i tempi l' unica terapia che a mia conoscenza dà dei vantaggi è quella topica. Esiste un prodotto, non purtroppo in vendita in Italia, a base di cortisone con una base adesiva, l' Orabase, che funziona. Bisogna procurarselo, ahimè oltre frontiera.

Scritto da Dott. Aldo Gattoni
Barberino di Mugello (FI)

Un ciclo di laserterapia puo' migliorare moltissimo la sintomatologia e ridurre in modo considerevole la frequenza della recidive. Cordiali Saluti Dott. Ghislotti Fabio Villa di Serio - Valbrembo Bergamo

Scritto da Dott. Fabio Ghislotti
Villa di Serio (BG)

L'ipotesi più accreditata circa l'eziopatogenesi delle afte è quella autoimmunitaria. Fattori concomitanti possono determinare la frequenza delle recidive. La terapia è essenzialmente sintomatica con prodotti a base di acido ialuronico facilmente reperibili in farmacia. In presenza di frequenti recidive, come nel suo caso, è opportuno indagare sui fattori concomitanti e intervenire su questi. Nel caso tutto ciò non dovesse essere sufficiente, come estrema razio non è da escludere idonea terapia immunosoppressiva. Saluti, dott. Alessandro Sanzullo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessandro Sanzullo
Napoli (NA)

Gent.Sig.ra molto hanno già detto i colleghi che mi hanno preceduto, posso inoltre aggiungere che si ha un sollievo immediato dal dolore e una guarigione precoce se trattata con laser a diodi, senza anestesia e in pochi secondi. Cordiali saluti dr. Erminio Casalini

Scritto da Dott. Erminio Casalini
Modena (MO)
Valsamoggia (BO)

Gent.le sig LETIZIA ci sono alcuni rimedi omeopatici che possono allievare e spesso risolvere il problema delle afte.. (borax, rhus toxicodendrum, ecc.) ma devono essere valutati caso per caso. Cordiali saluti..

Scritto da Dott. Franco Tarello
Torino (TO)

Gentile sig.ra Letizia, la presenza delle afte indica una infezione da herpes virus, che vive di norma nei gangli nervosi, con questo intendo dire che è una infezione perenne e quindi risente degli stati e dei livelli del sistema immunitario. Farei attenzione allo stato psicofisico generale e alla buona funzione del sistema immunitario, allo stress e a quant'altro possa influire sulla risposta personale ai vari eventi della vita. Non si fissi quindi sulle afte, ma sul perché della loro comparsa troppo frequente, cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

I colleghi hanno risposto in maniera davvero completa. Io sottolineo che la terapia laser oltre essere efficacissima, senza farmaci, e rapida, è per l'aftosi ricorrente, praticamente l'UNICA forma di terapia esistente (oltre l'omeopatia se ci si crede come ci credo io abbastanza). Cioè tutte le pomatine varie, vanno bene per una afta sporadica. Ma i veri quadri di vera aftosi realmente ricorrente, come li curiamo se non con il laser a diodi??

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento