Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 5

Soffro di afte da circa 2 anni

Scritto da imma / Pubblicato il
Soffro di afte da circa 2 anni ho 39 anni e l'altro ieri sono stata dal dentista per un consulto e per controllare il cementoma che ho nella parte inferiore del labbro. Gli ho chiesto di nuovo a chi mi posso rivolgere per le afte che ormai sono diventate la mia tortura. dall'inizio del mese di agosto ad oggi mi sono uscite 3 volte e si tolgono dopo una settimana quando mi va bene che sono piccole. La cosa peggiore e che sono legate sicuramente al ciclo poichè mi escono puntuali o prima o durante il ciclo mestruale quindi ogni mese e una volta mi è capitato di averle talmente grandi ai lati della gola che mi sembravano placche ma non lo erano in quanto non andavano via nonostante la pulizia con cotton fioc e bicarbonato e mi fecero male per diversi e lunghi giorni, piangevo dal dolore poichè non riuscivo a mangiare nè parlare. Ho provato un'infinità di prodotti tra cui anche il cortisone ma nulla da fare perfino integratori di vitamina b, fermenti lattici e ora ho trovato un po' di sollievo con URGO AFTE ottimo poichè dopo 3 giorni quasi si è tolta. La mia domanda è cosa devo fare e soprattutto da chi devo iniziare a rivolgermi sapendo che è molto difficile capire la causa, cosa mi consigliate di fare, aiutatemi Vi prego non ne posso più mi porta un nervosismo e mal di testa a volte che divento intrattabile. Confido in Voi, Grazie, Imma da Napoli
La stomatite aftosa ricorrente (SAR) è di pertinenza di un patologo orale, le consiglio perciò di rivolgersi a un centro di riferimento Sipmo nella sua regione, in particolare al II policlinico di Napoli troverà il reparto di patologia orale diretto dal Prof. Michele Mignogna, che è un professionista di valore indiscusso. Le faccio i miei auguri

Scritto da Dott. Andrea Balocco
Paruzzaro (NO)

Cara Signora Imma il cementoma sarà nella parte inferiore della mandibola in corrispondenza del labbro, non nel labbro. E' vero che esistono patologie ectopiche per cui la cosa non sarebbe impossibile, ma sarebbe una evenienza talmente rara da poterla, per così dire escludere! Il cortisone è pericoloso e proprio nelle afte non va usato perchè le può aggravare perchè l'etiopatogenesi può essere virale o immunitario e il cortisone indebolisce le difese e i virus si virulentano in sua presenza!Questo in linea di massima e come riflessione generale, poi ci sono le eccezioni perchè sull'ulcera in se il cortisone, se non ci sono virus è utile, ma noi non lo sappiamo se quell'afta è di origine virale o no! Quindi personalmente non lo prescrivo! La causa reale delle afte non è conosciuta, purtroppo ancora. La stomatite aftosa è una patologia caratterizzata da presenza di vescicole sul palato, sulla lingua, sulle mucose della bocca e sulla faccia interna delle guance . La causa delle afte rimane a tutt'oggi sconosciuta, è conosciuta, invece, l'esistenza di fattori che predispongono la loro comparsa. Tra questi ricordiamo: Virus deficit alimentari, carenza di vitamina B12, B6 e B1 carenza di acido folico, carenza di ferro, presenza di stress, ansia, nevrosi , patologie psichiatriche Morbo Celiaco, malattie debilitanti sistemiche, Esistono dei preparati sotto forma di gel che applicati alle lesioni donano una sensazione di sollievo immediato. La maggior parte di questi è composta da acido ialuronico vitamina B12/B6/B1 ferro o acido folico Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica Etc. per cui è consigliabile farsi visitare da un Patologo Orale o da uno Stomatologo e se non si arrivasse ad una diagnosi certa e/o ad una terapia risolutiva, anche da un Clinico Medico (Internista). Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Sig. Imma, le afte non sono altro che che delle manifestazioni mucose che si manifestano in soggetti predisposti in periodi di stress, quindi calo delle difese immunitarie. Nella maggior parte dei casi, se trattate come nel suo caso, tendono a scomparire dopo qualche giorno. Cordialmente dott Cimò Francesco

Scritto da Dott. Francesco Cimo'
Palermo (PA)

Sig. Imma, cementoma nel labbro, odontoiatra che non indica dove rivolgersi per la cura dei tessuti molli, forse c'è qualcosa che non va, per cui controlli se questo dentista è iscritto all'ordine dei medici. Per ciò che descrive un consulto da un odontoiatra che si occupa di patologia orale, potrebbe essere indicato.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Concordo con la risposta del dott.Petti: un minimo di aiuto potrebbe venirle dall' uso di probiotici per ripristinare la flora batterica utile nell' intestino e un probiotico ad hoc per aiutare i batteri utili che vivono normalmente ne cavo orale.

Scritto da Dott.ssa Emma Castagnari
Torino (TO)

Sullo stesso argomento