Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 6

Il Bite può essere la causa di Afte?

Scritto da Giampiero / Pubblicato il
Il Bite può essere la causa di Afte? Ho notato che non mettendolo scompaiono. Col Bite di notte la bocca diventa secca. Quali possono essere le cause da Afta con Bite ? é stato costruito male? Lo porto da circa 1 anno ma nell'ultimo mese mi venivano fuori Afte continue, ho deciso di non metterlo e sono scomparse. Secondo voi può essere una coincidenza? Grazie
Se la qualità del materiale con cui è fatto è scadente e poroso ed assorbe i germi della bocca, si potrebbero spiegare questi fenomeni

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Diversi tipi di Bite ed Arco facciale di Trasferimento in Terapia Gnatologica. Da casistica del Dr. Gustavo Petto Parodontologo Gnatologo di Cagliari
Caro Signor Giampiero, mi sembrerebbe logico che ne parlasse col suo Dentista! In ogni casp più che il Bite in sè, l'ansia e lo stress che si accompagnano alle patologie per cui si prescrive un bite possono essere causa di Afte. La verità è che la stomatite aftosa rimane a tutt'oggi sconosciuta. E' conosciuta, invece, l'esistenza di fattori che predispongono la loro comparsa. Tra questi ricordiamo: Virus deficit alimentari, carenza di vitamina B12, B6 e B1 carenza di acido folico, carenza di ferro, presenza di stress, ansia, nevrosi, patologie psichiatriche Morbo Celiaco, malattie debilitanti sistemiche, Esistono dei preparati sotto forma di gel che applicati alle lesioni donano una sensazione di sollievo immediato. La maggior parte di questi è composta da acido ialuronico vitamina B12/B6/B1 ferro o acido folico Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica e altre patologie come le ulcere da mucocele, Le Ulcere Traumatiche, la Stomatite di Marshall(che poi è una sindrome). La cosa che mi lascia perplesso è che sta portando il bite da molto tempo. Il bite dovrebbe essere usato principalmente a scopo diagnostico se si vuole arrivare a una terapia, deve sapere che il bite in pochi giorni fa dimenticare , portato sempre, alla memoria del cervello la attuale posizione patologica della malocclusione e, una volta azzerata come una tabula rasa questa memoria, si toglie improvvisamente il bite e si cerca la occlusione "giusta", con tecniche gnatologiche particolari, su cui "ricostruire l'intera bocca"! Altrimenti si ricerca la sua funzione sintomatica funzionale. Il Bite , può avere funzione sintomatica o diagnostica per arrivare ad una terapia, quindi e mi spiego meglio; esso va costruito sull'arcata superiore per il semplice fatto che essa è l'unica ad essere solidale con la base cranica e quindi ad avere una precisa posizione nello spazio rilevabile appunto con l'arco facciale di cui le ho lasciato la foto nel post, inoltre è la mandibola che deve rimanere non in contatto coi denti superiori, ma, essendo tra le due arcate, l'unica mobile, deve poter non trovare una posizione fissa ma essere alla continua ricerca di una sua posizione che non potrà mai trovare grazie proprio al bite superiore, in ogni casi in altre situazioni cliniche lo si pone sulla arcata inferiore! La funzione sintomatica la si ottiene col classico Bite con spessore di circa 1 mm sui denti posteriori, costruito rigido, ma può essere anche morbido a seconda dei risultati che si vogliono ottenere, sull'arcata superiore, da portare la notte, con piani inclinati anteriori di circa 20-30° (guida o disclusione incisiva),con creazione di guide canine opportune, con manipolazioni in bocca sul manufatto, solo alcune precise cuspidi controlaterali devono "toccare" il bite in modo da mettere a riposo muscoli pterigoidei e i masseteri e le articolazioni temporo mandibolari ed il sistema nervoso,i sintomi si attenuano fino a scomparire. Come vede si parla e si usa il Bite con troppo disinvoltura, mentre gnatologicamente bisogna avere una consapevolezza clinica non indifferente da parte del Dentista meglio se gnatologo. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Giampiero, più che imputare il bite come causa delle afte, imputerei la scarsa salivazione, per cui le consiglio un collutorio enzimatico di vendita libera (ORALIS, possiede un buon rapporto quantità prezzo), se il problema dovesse permanere con frequenza meglio un controllo presso un ambulatorio di patologia orale.
Vista la risposta seguente, Biblio "Spadari F. et all. "Stomatite aftosa ricorrente: terapia e prevenzione con un collutorio contenente lattoferrina, lattoperossidasi e lisozima" Dentista Moderno N° 4 2004"
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Questa non l'avevo ancora sentita. Il primo pensiero è di un agente contaminante o infettante. Lasci il bite per almeno un'ora nella candeggina pura, e poi per almeno un'ora nella acqua ossigenata del supermercato. Vedrà una bella schiuma. Se funziona, scriva! Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Si. Giampiero, bisognerebbe provare a disinfettare il bite. Provi ad immergerlo per 24 ore in una collutorio alla clorexidina 0,20. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Difficile a dirsi, ma se ha provato solo una volta potrebbe trattarsi di una coincidenza. Provi ancora, poi se il disturbo continua, provi a contattare il suo dentista che sa con che materiale è fatto e sicuramente può risolvere il suo caso.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento