Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 13

Da circa un mese ho una piccola “striscia” bianca alla fine della gengiva

Scritto da Davide / Pubblicato il
Buon giorno. Chiedo cortesemente un Vs. preziosissimo parere. Da circa un mese ho una piccola “striscia” bianca alla fine della gengiva, di circa 4 mm x 2 mm dietro il dente del giudizio. Il dente ha un’otturazione da diversi anni e attorno del tartaro. La striscia bianca sulla gengiva presenta nel mezzo come un piccolo taglietto. A distanza di poco tempo è comparsa, nella parte interna della guancia, una piccola bollicina bianca proprio in corrispondenza (altezza) della striscia sulla gengiva. Infatti chiudendo la bocca la parte della guancia dove c’è la bollicina tocca sulla striscia bianca. Dallo stesso lato e sempre da un mese, sotto il mento, tastando tocco una ghiandola che è sempre rimasta della stessa grandezza. Se mastico qualcosa di consistente ho come la sensazione di un irrigidimento della zona dietro l’orecchio. Il tutto non mi ha mai fatto male. Il dentista, il medico radiologo che mi ha fatto la panoramica e di seguito il medico di base, tastando con le mani la zona interessata non hanno mai rilevato alcun gonfiore. La rx panoramica è ok. Lo stesso dentista 10 giorni fa con una fresa mi ha limato il dente, in quanto secondo lui è quest’ultimo assieme al dente dell’arcata superiore ad aver causato questa cosa, praticamente chiudendo la mandibola. Più volte ho chiesto al mio dentista se fosse necessario effettuare una biopsia, ma lui deciso mi ha sempre risposto che non è assolutamente necessario. Questa “striscetta” non è ancora andata via. Grazie.
Salve signor Davide, non credo si tratti di cose particolarmente gravi.. il suo dentista se ho ben capito, ha valutato la striscia bianca come una lesione traumatica causata dal dente superiore..e spesso in effetti è così. Di più non so dirle..non avendo ne immagini radiografiche ne fotografiche della lesione. Cordialmente, Gianlugi Renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Gentile Davide per poterle rispondere è senz'altro necessario procedere ad una visita accurata per rilevare i caratteri della lesione. E' comunque noto che qualsiasi tipo di lesione deve regredire entro 15 giorni dalla rimozione delle eventuali noxe patogene rilevate altrimenti è necessario procedere ad esame istologico. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Davide, concordo che una lesione in bocca deve guarire in 15 giorni. Io gli consiglierei una visita presso una struttura specializzata per escludere patologie tumorali. Nella sua regione esiste una struttura specializzata che è: IRCCS Casa del Sollievo della Sofferenza Direttore: Dott. Roberto Cocchi Referente: Dott. Roberto Cocchi Viale Cappuccini, 11 – 71013 S. Giovanni Rotondo (FG) Tel. Centralino: 0882.410261

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Biopsia lesione sospetta per avere diagnosi istopastologica. Da casistica Clinica del Dr. Gustavo Petti di Cagliari
Caro signor Davide il suo Dentista ha agito in modo corretto nel pensare ad un traumatismo dei denti interessati e corrispondenmti alla lesione e quindi bene ha fatto a modificarne la forma basta che lo abbia fatto senza creare problemi occlusali. Per attendere, se entro tre settimane, il tempo di guarigione delle ferite, non fosse in netta diminuzione o scomparsa, allora farei un prelievo bioptico per avere una diagnosi istopatologica. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Davide, sembra, dalla sua descrizione, una leucoplasia, tuttavia non aggiunge altri elementi che potrebbero aiutare nel giudizio, perciò, le consiglio un reparto di patologia orale, che a Bari troverà certamente, cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Le macchie della bocca vanno trattate eliminando una possibile causa traumatica e valutando la loro guarigione clinica in 15 gg. Se non guariscono vanno tempestivamente fatte valutare da personale specializzato e allenato, cioè da medici che trattano giornalmente di patologia orale. Se anche loro fossero in dubbio allora una biopsia sarà dirimente. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Qualora la lesione non dovesse guarire, anche dopo l'intervento del collega è consigliabile una visita presso un patologo orale ( Può rivolgersi al policlinico di Bari nel reparto di Odontoiatria) cordiali saluti Maurizio Ciatti Varese

Scritto da Dott. Maurizio Ciatti
Varese (VA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentilissimo Sig. Davide, confermo quello già detto dai colleghi precedenti, se questa lesione non regredisce dopo il lavoro fatto dal suo dentista entro 15 giorni, è bene che si faccia vedere da uno specialista, se desidera, essendo lei della stessa mia città, le potrei consigliare diversi nominativi a cui rivolgersi. Distinti saluti.

Scritto da Dott. Enrico Deodato
Bari (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Davide, è giusto eliminare i possibili traumatismi e attendere. Però se entro 3 settimane la lesione non è sparita completamente è utile pensare alla biopsia. Esiste una regola che noi tutti odontoiatri seguiamo che è la cosidetta regola dei 14 giorni dove una lesione che non scompare entro 2 o 3 settimane al massimo deve essere inviata al chirurgo maxillo-facciale o farne una biopsia. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Presumo si tratti dell'esito di un traumatismo per compressione o suzione della mucose della guancia tra i denti antagonisti delle arcate dentarie. E' un problema piuttosto frequente e non preoccupante. Tenga presente che la mia opinione è basata unicamente sul suo racconto senza una visita adeguata. Se una biopsia può farla stare più tranquillo la può sempre fare.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento