Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 10

Ho un principio di afte dovuto ad un abbassamento delle difese immunitarie

Scritto da Michele / Pubblicato il
Buongiorno dottori. Sono stato ieri dal mio medico di base (che tra altro è medico chirurgo, igiene e medicina preventiva) il quale, visitandomi, ha detto che è un principio di afte dovuto ad un abbassamento delle mie difese immunitarie a causa dello stress che ho e sto avendo in questi giorni. Mi ha dato il cortifluoral 2-3 goccie su un cotonfioc da applicare sulla lesione per 3-4 volte al giorno. Vorrei chiederVi solo una cosa: ma è normale che non mi faccia alcun male tranne se non premo abbastanza forte sulla ferita? Grazie 1000.
Stomatite aftosa sovrapposta  a Lichen Ruber Planus
Caro Signor Michele, giusto: lo stress può abbassare le difese immunitarie, ma BISOGNA DIMOSTRARLO!!! OSSIA BISOGNA FARE UNA DIAGNOSI, ANALISI che confermino il sospetto diagnostico e fare una diagnosi differenziale con tutte le altre patologie locali e sistemiche che possono essere causa di una stomatite aftosa! La stomatite aftosa è una patologia caratterizzata da presenza di vescicole sul palato, sulla lingua, sulle mucose della bocca e sulla faccia interna delle guance . La causa delle afte rimane a tutt'oggi sconosciuta, è conosciuta, invece, l'esistenza di fattori che predispongono la loro comparsa. Tra questi ricordiamo: Virus deficit alimentari, carenza di vitamina B12, B6 e B1 carenza di acido folico, carenza di ferro, presenza di stress, ansia, nevrosi , patologie psichiatriche Morbo Celiaco, malattie debilitanti sistemiche, Esistono dei preparati sotto forma di gel che applicati alle lesioni donano una sensazione di sollievo immediato. La maggior parte di questi è composta da acido ialuronico vitamina B12/B6/B1 ferro o acido folico Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica Etc. per cui è consigliabile farsi visitare da un Patologo Orale o da uno Stomatologo e se non si arrivasse ad una diagnosi certa e/o ad una terapia risolutiva...anche da un Clinico Medico (Internista).........Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Il suo medico ha fatto una diagnosi dopo averla visitata, e le ha dato una terapia, semplice ma corretta. Attraverso una semplice mail, senza poterla visitare, non si può aggiungere nient'altro, tranne... rispondere alla sua domanda che è secca e precisa. Il mio parere è NO: non è normale che una lesione aftosa non faccia alcun male. In genere il dolore è "urente", come se bruciasse ed è molto fastidioso; dura 5-7 giorni, quanto dura la lesione. Le consiglio di farsi visitare da uno specialista odontostomatologo che le confermerà se la sua lesione è afte, facendo diagnosi differenziale con altri tipi di lesioni apparentemente simili. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Michele, se sono afte regrediscono spontaneamente in pochi giorni, la terapia accelera la guarigione ed è corretta.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro Michele, generalmente le afte sono dolenti ed urenti nei primi giorni dopo la loro comparsa. Concordo la terapia del collega e se vuoi approfondire l'argomento puoi leggere il mio articolo pubblicato su questo portale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile paziente solitamente le afte fanno male, effettivamente possono essere in relazione a periodi di stress, guariscono nell'arco di qualche giorno,e senz'altro il suo medico che conosce la sua storia clinica è in grado di valutare se possono essere messe in relazione ad altre eventuali problematiche. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Giuseppe Murruni
Giussano (MB)

La sintomatologia delle afte è abbastanza caratteristica nell'essere "bruciante", specialmente se durante l'alimentazione viene in contatto con sostanze come il limone o l'aceto. In generale ammetto lo stress come concausa, ma l'eziologia di tale manifestazione è alquanto nebulosa. fortunatamente le lesioni durano circa una settimana e non cambia di molto curandole. Sarò lapalissiano, ma oltre alle afte cerchi di adottare uno stile di vita meno lesivo al suo sistema nervoso (se può) e vedrà che ci guadagnerà non solo la sua bocca. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gent sig MICHELE i miei colleghi hanno le già dato risposte esaurienti.. tutt'al più posso aggiungere che ci sono rimedi omeopatici che possono in tempi brevi favorire la scomparsa delle afte, ma soprattutto ridurre ed in qualche caso eradicare la comparsa di nuove afte per il futuro.. cordialmente.. dott. Franco Tarello, dentista in Torino

Scritto da Dott. Franco Tarello
Torino (TO)

Caro Sig. Michele, le stata fatta una diagnosi, le è stata data una terapia se ha fiducia nel suo medico faccia ciò che è stato prescritto altrimenti chieda un consulto presso un altro specialista. Non è possibile in alcun modo formulare una diagnosi via mail. Saluti

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Le afte sono molto dolorose e bruciano ardentemente. Dubito di tratti di una qualsiasi delle forme di aftosi. Probabilmente si tratta di una forma di lesione aftoide o di banale infezione virale. Se passa in 15 giorni bene, altrimenti dovrà rivolgersi ad un presidio di patologia orale. I cortifluoral se non ha male non lo prenderei.

Scritto da Dott. Luca Boschini
Rimini (RN)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Michele le afte sono brucianti e molto dolorose, la cura è con delle pomate apposta tipo il buccagel o l'aftamed o dei collutori, se non brucia può essere in fase di guarigione o essere un altro tipo di ulcera vada da un dentista, distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)

Sullo stesso argomento