Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 6

La gastrite pu├▓ generare una stomatite?

Scritto da gian luca / Pubblicato il
Sono un uomo di 50 anni, da circa 2 anni soffro di un problema alle labbra, sono spesso irritate e gonfie, il tutto associato ad alitosi, lingua bianca, dolorini alle gengive e sapori strani all'interno della bocca. Ho fatto test allergici risultati negativi, una gastroscopia dove mi è stata diagnosticata una gastrite. La mia domanda è la seguente: i miei sintomi possono essere associati ad una gastrite e se così fosse il tutto può generare una stomatite?
No, una semplice gastrite non genera la complessa sintomatologia stomatologica che lei descrive. Un reflusso gastroesofageo, originato da gastrite peptica o da sindrome ostruttiva notturna con russamento ed apnee, invece, può causare una stomatite e/o glossite. E' necessario un confronto clinico per dire altro ed essere più precisi. Cordialmente, dott. Angelo de Fazio

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Senza nessun tipo di allarmismo, io proporrei la questione ad un medico INTERNISTA che valuti tutto lo stato generale di salute. Non é niente di grave ma bisogna vedere bene perché un fenomeno anche lieve che dura due anni, é da approfondire...

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Gian Luca, concordo con i Colleghi e, sebbene Lei non ne accenni, mi permetto di presumere che la sua situazione di igiene orale sia perfetta: gengive sane, non sanguinanti, detartrasi semestrali, ove serva levigatura delle radici, fluoroprofilassi, ecc. Altrimenti, oltre alla necessaria valutazione dell'internista, associerei una bonifica orale. Cordialità, dr Michele Caruso

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Gian Luca, i test allergologici sono della serie odontoiatrica? Le consiglio una visita presso un ambulatorio di patolagia orale, dove oltre la visita clinica le potranno effettuare un prelievo citologico e un tampone microbiologico che possono portare ad una diagnosi. Da quello che lei descrive si potrebbe ipotizzare un infezione micotica, ma prima di iniziare un eventuale terapia con miconazolo è meglio consultare lo specialista. ruffonidiego@virgilio.it

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Caro signore, io proverei con 4 settimane di Uncaria Tomentosa polarizzata, 3 gg per 3 volte al dì a stomaco vuoto. Se avrà successo sul suo fastidio (come credo) avrà fatto una terapia immunostimolante senza aver nessun effetto collaterale, altrimenti potrà sempre tornare alle terapie allopatiche. Per ora i miei pazienti hanno avuto conforto da questa terapia con un successo intorno al 90 %. La sua difficoltà sarà solo quella di riuscire a reperire il farmaco. Distinti saluti. Dott. Arcangeli Paolo.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Arcangeli
Pistoia (PT)

Buon giorno Gluca. é evidente che i problemi che tu hai esulano un po' dalla classica sintomatologia odontoiatrica, voglio dire che dobbiamo andare a cercare un po più in la della bocca. Da quanto scrivi, la prima cosa che ti consiglio di fare è un tampone faringeo ed un'analisi della saliva. Si poptrebbe trattare semplicemente di una infezione da candida ,cronica, che non hai mai curato come si deve. Questa porta ad avere irritazione diffusa, un alito un pochino sgradevole e macchie bianche sulla lingua ben evidenti. Comunque ,come dicevo, solo un esame citologico può dire esattamente cosa c'e nella tua bocca. Devi anche sapere che sintomi simili si possono avere per esempio se hai una grave ernia iatale con rigurgito di succhi gastrici, o se fai terapie particolari come chemioterapie, antibiotici per tempi troppo lunghi o, sperando che non sia il tuo caso, malattie importanti sistemiche che qui non voglio neanche nominare. Questo non per allarmarti, ma per farti capire che se stai facendo terapie particolari, è tutta una normale conseguenza. Dott Giglio Andrea roma www.studiodentisticogiglio.it
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Andrea Giglio
Roma (RM)

Sullo stesso argomento