Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 5

Seguito alla domanda: QUESTE MACCHIE SONO SEMPRE TUMORALI?

Scritto da Paola / Pubblicato il
Salve, Mio marito in seguito a estrazione di un molare viene mandato dal dentista da un dermatologo per sospetta LEUCOPLACHIA. Il dermatologo dopo la visita dice che secondo lui è un lichen e gli dice di eseguire biopsia con esame istologico per avere diagnosi certa, quasi impossibile prenotarla !! Allora chiedo prima visita al maxillo facciale. Il medico di turno lo visita e lo liquida così: LESIONE LEUCOPLASICA DEL TRIGONO RETROMOLARE DESTRO IN ESITI DI ESTRAZIONE 47. LESIONE DA VEROSIMILE TRAUMATISMO CRONICO PER MORSICATIO SI CONSIGLIA DI NON MASTICARE SULLA ZONA. DA RIVEDERE AL BISOGNO. Ora mi chiedo la placca c era prima di togliere il dente !! Ma non sarebbe stato meglio eseguire la biopsia il medico a voce ha aggiunto NON È UNA NEOPLASIA NON È UN TUMORE !! Possiamo stare tranquilli? Precedente: http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/chirurgia/11447_macchie-tumorali.html
Sig. Paola, perché insistete a non consultare il corretto specialista? Queste lesioni le tratta l'odontoiatra che si occupa di patologia orale, maxillo, dermatologo, medico di base ecc. non sono gli esperti della materia e le lasceranno sempre dei dubbi di diagnosi differenziale con il carcinoma verrucoso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Quello che mi chiedo e' perche' un collega manda dal dermatologo un paziente, quando dovrebbe essere lui ad occuparsene. Per prima cosa, se e' una lesione causata da un trauma, bisognerebbe scoprire perche' c'e' questo trauma, se e' continuativo, se c'e' un dente estruso che affonda nella gengiva antagonista etc; e se c'e' bisogna eliminarlo. Poi si vede se la lesione diminuisce nell'arco di una decina di giorni etc. Poi bisogna prendersi la responsabilita' di decidere se occorre la biopsia o no. Se un collega manda in ospedale un paziente per una biopsia, non e' che il collega preposto si alza una mattina e decide di non farla. Siamo al surreale. Vada da qualcuno bravo
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

In caso di sospetto o dubbio diagnostico, è comunque sempre opportuno inviare il paziente presso un centro di Patologia Orale all'interno di una Clinica Odontoiatrica o Maxillo - Facciale. Per quanto un Odontoiatra sia preparato, e lo stesso discorso vale per un Dermatologo, meglio un centro ospedaliero. Leggo che suo marito è già stato appunto visitato da un Maxillo - Facciale, quindi comunque all'interno di una struttura ospedaliera, e a questo punto dovrebbe essere tranquilla (visto quanto specificato); se ha reputato non fosse necessaria la biopsia, probabilmente si tratta di una lesione assolutamente benigna (da semplice traumatismo). Ma, in caso di dubbio, soprattutto se dovesse notare che la lesione non regredisce, può far visitare nuovamente suo marito ed insistere per avere una biopsia mirata.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Paola, buongiorno. Si potete stare tranquilli, c'è un ma: Clinicamente bisogna palpare la "formazione" e valutare se sia mobile sui piani sovrastanti e sottostanti, se sia presente un Linfonodo Satellite, se è dolente spontaneamente ed alla palpazione, se ha contorni netti o no e tanto altro! Trattandosi di una "Macchia Bianca" fare una diagnosi tra un essudato flogistco con disepitelizzazione (dato che era sotto il Dente Avulso) e, soprattutto, tra una leucoplasia od altro come un lichen Ruber Planus (OLP) non la fa certo il Dermatologo o il Chirurgo Maxillo Facciale. La fa il Dentista che è precisamente un Odontostomastologo, quindi Specialista in questo tipo di Lesioni! Le preciso che esistono 4 varianti di OLP: reticolare, atrofico, erosivo-bolloso e a placca. La forma erosiva e quella bollosa , evoluzione probabilmente di una forma nell'altra, rappresentano le varianti più sintomatiche e che più spesso si accompagnano o sovrappongono a Gengiviti particolari come quelle descritte,con una compromissione notevole della qualità di vita . Nella diagnostica differenziale di queste forme rientrano i tumori, la stomatite cronica erosiva,il lupus eritematodes ,l'eritema polimorfo, le candidiasi, le reazioni da farmaci . La onde ragion per cui, consiglio uno o più prelievi bioptici ed una diagnosi anche isto-patologica per valutare soprattutto se esistono note di acantosi ,ipercheratosi, ipergranulosi, degenerazioni varie etc e porre così una diagbnosi certa istologica senza cui si andrebbe avanti solo per tentativi! Attenzione al Cortisone! E' ovvio che possa calmare temporaneamente i sintomi ma il suo uso, ripeto deve avvenire solo se è stata fatta una Diagnosi Differenziale Certa perché in alcune di queste patologie può essere addirittura controindicato ed aggravare la patologia! Sia l'uno che l'altro hanno una importanza solo Stomatologica ma è opportuno fare una Diagnosi Istologiaca per "prudenza doverosa", stia tranquilla non è una Anaplasia (Cancro)!!! Ne stia Certa :) Sia Serena:). Sono solo precauzioni e sarebbe bastato dire che c'era una lesione stomatologiaca da accertare con un prelievo istopatologico! Non si allarma così una Persona, inutilmente ed " a vuoto"! Ma scherziamo veramente? Che razza di Professionalità sarebbe mai questa!!!La Diagnosi differenziale è doverosa e non semplice a volte anche con lesioni traumatiche delle mucose orali, Herpes zoster gengivite necrotica,Eczemi, eritemi polimorfi, micosi, candida, Herpex, Lichen Ruber Planus, malattie dermatologiche come il Pemfigo, Diabete, anemie (la carenza di ferro può essere importante), mesenchimopatie Etc. E' importante valutare anche se simili patologie le ha anche altrove, per esempio a livello Genito Urinario (entrambi), sul Glande del Pene, suo marito e in sulla Vulva, Lei. :L'unica cosa veramente importante è fare diagnosi differenziale tra Leucoplasia e Lichen Ruber Planus, su qualsiasi mucosa fosse perché la Leucoplachia è importante ed può essere una lesione precancerosa, deve essere Diagnosticata con certezza e deve essere tenuta sotto controllo da un Dentista Esperto! La Diagnosi differenziale è semplicissima e la fa il Dentista con una colorazione che è il Blu di Toulidina. Blu di toulidina per fare una diagnosi o almeno per evidenziare le zone da cui fare un prelievo bioptico per chiarire la diagnosi istologica se quella clinica non fosse possibile! Cari Saluti e si tranquillizzi! Ancora un :) per entrambi!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Deve rivolgersi ad una cattedra universitaria di patologia orale. ottimo il centro di milano del prof vescovi. altri specialisti le confonderebbero solo le idee

Scritto da Dott. Fabio Arpaia
Napoli (NA)

Sullo stesso argomento