Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 4

Da diversi mesi ho un problema alla lingua

Scritto da Anna / Pubblicato il
Salve, Sono una ragazza di 24 anni e da diversi mesi ho un problema alla lingua. Sulla parte del fondo ha una patina gialla che, delle volte, si allarga fino alla punta. Sono andata dal mio medico curante qui dove vivo, in Spagna, e mi ha dato del mycostatine, dopo avermi diagnosticato un fungo. Ho fatto la cura, ma non ho notato miglioramenti, anche se a suo avviso il fungo è sparito. Pertanto, mi sono recata da un dentista, il quale mi ha detto che non pensa sia un fungo, ma che, avendo le papille gustative più grandi rispetto alla norma, accumulano più sporcizia. Ora, non riesco a tranquillizzarmi perché sono sempre stata molto attenta all'igiene orale e, inoltre, non ho mai avuto la lingua in questo stato, e dato che sono passati già mesi mi sto preoccupando. Potrebbe essere relazionato con la digestione, qualche intolleranza o qualche patologia? Sarebbe opportuno che svolgessi qualche tipo specifico di analisi? PS: Non fumo nè bevo litri di caffè! Grazie per l'attenzione e a chi mi risponderà. Anna
Cara Signora Anna, buongiorno. Non è possibile risponderle Professionalmente via Web! La etiopatogenesi di una patologia come la sua può avere tante origini e cause, da quelle stomatologiche a quelle Sistemiche del resto dell'Organismo. Tra le malattie sistemiche ci sono in particolare quelle dell'intestino, apparato gastro enterico, fegato, dei seni paranasali e dei polmoni che danno questa formazione patinosa, per cui è opportuno farsi visitare da un Clinico Medico (specialista in Medicina Interna ) o da un Gastroenterologo e da un Otorino. Tutto il resto è di pertinenza del Dentista perché nell'Organo Bocca risiede la maggior parte delle cause,dovute a microbi produttori di gas, anaerobi, gram negativi che risiedono per lo più in Tasche Parodontali, in carie profonde, in canali di denti in necrosi, su "anfratti" della lingua specie se con alterazioni tipo lingua geografica, lingua nigra ed altre stomatiti o mucositi, è buona norma spazzolare oltre che denti e gengive anche il dorso della lingua con scovolini speciali che vendono in Farmacia, quindi le serve una buona Visita Odontoiatrica per ricerca di carie e necrosi endodontiche e stomatologica per stomatiti ed alterazioni del dorso della lingua. Certo anche micosi e bisogna indagare anche lo stato del suo sistema immunitario. Occorre una Corretta e Completa Anamnesi e Visita Clinica, Semeiologica, Anamnestica, Strumentale, con valutazione anche dell'Alitosi eventualmente presente! Il Dentista l'ha visitata! Sarebbe bene che si facesse visitare da un Internista o da un Gastroenterologo. Di più, mi dispiace, non posso fare e dire, via Web! Cerchi di capire :) Non le consiglio nessun farmaco perché non ho emesso una Diagnosi ed una Prognosi che mi permettano di pianificare una Terapia e poi via Web non si può e non si deve! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Anna, lei è stata visitata da 2 medici di cui uno specialista che le hanno spiegato che tutto è nella norma e ci mostra una foto di un enorme lingua. Stia tranquilla, se ci fosse stato qualcosa di grave avrebbero fatto degli accertamenti. Si ricordi sempre la visita odontoiatrica semestrale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

In teoria, anche seguendo il parere dei colleghi che l'hanno visitata, non dovrebbe esserci assolutamente niente di preoccupante (anche perchè non si evidenziano lesioni - ulcere o simili, ma solo colorazioni che escono da quelle "classiche"). Esclusa o risolta che sia la causa micotica, come specificato dal dottor Petti, l'eziologia di questa "patina giallastra" è estremamente variabile, e può essere legata a diversi fattori sistemici (il tratto gastro - intestinale per ovvi motivi la fa da padrone) o locali (cavo orale). Le conviene sicuramente procedere alla detersione con spazzolino della superficie della lingua (per rimuovere i batteri superficiali) e poi, se vuole non dico risolvere (perchè spesso queste condizioni parafisiologiche vanno e vengono spontaneamente) ma quanto meno approfondire, rivolgersi ad un centro Ospedaliero nell'ambito sia della Clinica Odontoiatrica che della Medicina Interna - Gastroenterologia.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Anna, grazie per averci scritto. Dalla foto (piuttosto bruttina perchè sfocata ...) non saprei dire se c'è mai stata (o ci sia ancora) una micosi, poichè per tale diagnosi, è necessario: (1) l'ESAME CLINICO di tutto il cavo orale, per rilevare le eventuali "ife fungine" [=filamenti bianchi removibili], ove presenti, attraverso la manovra del c.d. "spatolato" [=si grattano delicatamente le lesioni bianche ove visibili con una spatola]; e (2) l'ESAME MICROBIOLOGICO E MICROSCOPICO che si effettua mediante il prelievo (con tecnica "esfoliante") di un campione rappresentativo di lesione bianca removibile e/o di mucosa lesa, al fine di verificare la presenza di miceti (volgarmente -e per la verità impropriamente- noti come funghi ...). Ergo, per quanto ci mostra (in foto), l'unica cosa che mi sento di suggerirLe è che la patina bianco-giallastra o giallastra che ci segnala sulla radice del ventre della lingua pare correlabile proprio al classico fenomeno del "dismicrobismo" [=altrazione della flora microbica commensale], che molto frequentemente ricnososce tra le Sue cause l' "acidosi orale" (spesso causa o terreno fertile anche delle infezioni micotiche). Acidosi che può essere legata principalmente a (in ordine di frequenza): (1) problemi di stomaco (gastriti, reflussi gastro-esofagei, ecc.); (2) disfunzioni respiratorie (tipicamente accompagnate da esofagite da reflusso) (sinusiti, respirazione orale notturna e/o diurna, ecc.); (3) parodontopatie (infezioni a livello di gengive e/o ossa intorno ai denti); (4) abitudini viziate (fumo/alcol); (5) ecc. Se desidera andare fino in fondo alla questione, Le suggerisco di farsi visitare da un Patologo Orale, il quale rappresenta la figura professionale più competente per guidare lungo l'iter diagnostico volto all'identificazione dei fattori causali e per impostare la terapia. Alternativamente, può recarsi da un Odontoiatra di Fiducia e, laddove indicato, farsi seguire da un Gastro-Enterologo e/o da un ORL. Con l'auspicio di una pronta diagnosi e trattamento!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento