Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 6

Potrei avere un tumore orale?

Scritto da Federico / Pubblicato il
Salve (probabile cancro orale) sono un uomo di 40 anni ex fumatore/bevitore (non alcolista!). Adesso mi limito a bere alcool nel week, ho abbandonato le sigarette da 4 anni ma non lasciando di fumarmi qualche cannetta ogni tanto. Negli ultimi tempi, ho obiettivamente abusato delle canne che sono arrivato a fumare QUASI come le sigarette. Quasi 2 anni fa ebbi la lue curata tempestivamente appena iniziata la seconda fase. Quindi da tempo sto attentissimo ai rapporti sessuali, e direi diventato ipocondriaco su questo punto. Ebbene verso la metà di giugno 2015 mi sono accorto che avevo sul palato superiore duro, una specie di piccola ulcera di circa 3/4 millimetri, rossa molto rossa che sembrava quasi uscisse sangue. Spaventato da allora ho fatto continui test per tutte le mts quindi analisi sangue e tamponi, e contemporaneamente sono andato dal medico di famiglia, infettivologo (il quale mi diffida dal rifarmi altre analisi] stomatologia (dove mi dissero di ripetere test mts, e ho rifatto, ultime fatte a distanza di 2 mesi circa dall'ultimo rapporto a "rischio" avuto, fra virgolette perche trattavasi di un mero rapporto orale con persona di fiducia senza eiaculazioni, poi sono andato dal dentista che anche lui mi ha ripetuto la storia delle analisi. La cosa che ho sul palato infatti, nel tempo è cambiata di forma, dimensioni e anche posizioni, si è sdoppiata fino a [stamani] triplicarsi. Adesso ne ho tre, e se ci passo la lingua sento caldo mentre all'inizio non sentivo niente. Gia da mesi prima che mi venisse avevo tossetta e mal di gola cui incolpavo le canne, e da poco ho una sensazione di anesteticità sul palato e un poco di dolore nei denti sopratutto la mattina. Questa chiazza sembra per tre volte fosse quasi sparita ma poi torna, e credo ma non sono sicurissimo che dipenda da quanto fumo e se bevo alcool. Ieri era sabato infatti e con amici si sa, alcool e fumare... e stamani me ne trovo TRE. Sfortunatamente in entrambe le visite stomatologo e dentista, la chiazza era troppo poco visibile e troppo alleviata per farmi (dicono loro) una biopsia, e infatti mi hanno detto di aspettare se riaumenta e rifarmi i test. Cosa che ho fatto, tutto ok, i valori del tpha sono scesi molto, niente hiv niente funghi batteri ecc... Ho un book fotografico dalla nascita ad adesso, e sono PREOCCUPATO MA ANCHE RASSEGNATO. nessuno ha saputo dirmi di cosa si potrebbe trattare. C'è qualcuno cui posso intanto inviare le immagini? o consigliarmi un esperto BRAVO in Toscana? Grazie mille
Caro Signor Federico, buongiorno. Scusi, sa, ma come puo' pretendere una diagnosi così importante via web? Il TPHA non è utile per la Diagnosi di Sifiloma primario, lo è invece il VDRL! Può essere tutto, da un Sifiloma ad un Carcinoma e tanto altro, ed il fatto che lo abbia da pochissimo tempo e sia mutato così velocemente deve spingerla a farsi Visitare in un Reparto adeguato di Oncologia, Dermatologia e venereologia. Vada al Centro Tumori di Milano o meglio ancora al Centro Tumori di Parigi, il Gustave Roussy, parlano Italiano e le danno l'appuntamento anche il giorno dopo se spiega l'urgenza estrema. Non perda altro tempo prezioso. Sono stupito dell'inconcludenza dei colleghi che l'hanno visitata! Avrebbero dovuto Loro, indirizzarla ad uno di questi due Centri Superspecialistici per Diagnosi differenziali e Terapie Relative. Onestamente preferisco il Gustave Roussy che considero il miglio Centro al Mondo! In ogni caso si informi. Ma non perda Tempo. Magari non è niente o è "poco ma può essere moltissimo, purtroppo. Non è saggio chiedere pareri via Internet su simili patologie, ma provvedere subito senza indugiare! Cari Saluti ed in "Bocca al Lupo" :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. Federico, purtroppo un parere solo da foto non è eticamente corretto, saremmo quasi ad indovinare. Giustamente il Dott. Petti le consiglia di andare in un centro specializzato, non aspetti. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

L'unica cosa veramente utile che può fare, previa richiesta del Collega odontoiatra che la segue e/o del curante, è rivolgersi presso un centro Specializzato in Patologia Orale all'interno di una Clinica Ospedaliera Odontoiatrica (se non a Livorno o a Pisa o a Firenze) e vedrà che, tramite eventuale biopsia, avrà la sua diagnosi e relativo piano di trattamento.

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Si rivolga al Dottor Ficarra, presso l' Università agli studi di Firenze reparto di Patologia Orale. E' una dei massimi esperti in materia a livello nazionale e non solo. Lo faccia rapidamente per avere una diagnosi quanto prima.

Scritto da Dott. Aldo Gattoni
Barberino di Mugello (FI)

Sig. Federico, occorre solo una visita da un odontoiatra che si occupa di patologia orale e vedrà che i suoi problemi saranno facilmente risolti............................................................................

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. Federico, Dalla storia clinica riferita (LUE, stili di vita, ecc.) e dalle immagini dell'evoluzione delle lesioni (vescicolo-erosive), ritengo piuttosto probabile che Lei sia affetto da una malattia 'infettiva' che richiede assistenza specialistica tempestiva non solo per la Sua salute, ma anche per quella degli altri, posto che sussiste un'elevato e concreto rischio di contagiare altre presone. Ergo, laddove non avesse già convenientemente provveduto, Le suggerisco di rivolgersi tempestivamente al Patologo Orale a Lei più vicino. E se fosse necessario, la esorto anch'io a farsi visitare dal Dr. Giuseppe Ficarra (Università di Firenze), il quale è un autorevole esperto di "malattie vescicolo-erosive" delle mucose orali; e che dunque è perfettamente in grado di assisterLa adeguatamente dalla diagnosi al trattamento (sia locale sia sistemico) della patologia di cui è affetto. Con l'auspicio di una rapida risoluzione del Suo caso!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Antonio Scala
Brescia (BS)
Collaboratore di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento