Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 6

Soffro di alitosi persistente

Scritto da ilaria / Pubblicato il
Buongiorno a tutti. Scrivo qui perché non so a chi rivolgermi. Sono una ragazza di 21 anni e soffro di alitosi persistente. Anche dopo essermi lavata accuratamente i denti, dopo qualche minuto il problema si ripresenta. Lo stesso accade dopo aver passato lo spazzolino anche sulla lingua. Questo mi sta causando molti problemi, al punto che se una persona mi si avvicina per parlare, cerco di rispondere nascondendo la faccia. Ora non so da quanto tempo ho questo problema. Ma da un paio d'anni me ne accorgo penso che la situazione sia peggiorata. Mi spiego meglio. Se sto con la bocca chiusa, per esempio, sento una pesantezza dentro la bocca. Non so se sia chiaro. Un anno fa ho curato un dente, ma non credo che questo sia il problema, dato che si verifica da molto più tempo. Posso dire che ho problemi di stomaco e intestino, quindi sono quasi sicura dipende da questo. Soffro sia di colite che di gastrite. Mi sento sempre disturbata. E ogni volta che mi allungo sul letto, la pancia Inizia a fare rumori strani. Non so se dipenda da una cattiva digestione. Per quanto riguarda la colite, cerco di stare attenta ai cibi che mi danno fastidio. E ho problemi di costipazione. La gastrite invece si presenta quasi sempre, attraverso bruciori e reflussi. Inoltre frequento l'università e sono molto ansiosa. Questo peggiora i bruciori di stomaco o attacchi di colite. Per la digestione non so. Mangio abbastanza e sono magra, ho lo stesso peso da anni, 43 kg e 1.55 di altezza. Quindi non riesco a capire se ho problemi di digestione dato che il grasso non lo assimilo, ed evacuo anche una volta a settimana alcune volte. Tempo fa feci un ecografia, e mi dissero che era tutto apposto, tranne per la sabbia nei reni, perché bevo poco. Non so se tutti questi fattori insieme provocano l alitosi, ma non saprei dove iniziare per porre rimedio. Ah ho anche una patina bianca sulla lingua. se qualcuno può consigliarmi cosa fare, mi cambierebbe la vita. Davvero.vero.
Sig. Ilaria, tutti i fattori descritti sommati tra di loro possono dare alitosi per cui se vuole diminuire il fastidio dovrebbe cercare di risolverli; parta dalla bocca, richieda una visita odontoiatrica seria, evitando quelle gratuite, poi passi all'internista, che valuterà le funzionalità di stomaco, fegato e l'intestino.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Ilaria, buongiorno. Mi dispiace per le sue sofferenze. L'alitosi è molto frequente e può essere dovuta a diverse patologie sia sistemiche che dell'apparato stomatognatico. l'Halimeter è uno strumento utile per misurare l'alitosi. Esso misura il Gas emesso dalla bocca in parti per milioni è stato stabilito da studi già risalenti agli anni '90 che sotto 75 parti/milioni non si ha alitosi, sopra si incomincia ad avvertirla sia soggettivamente che oggettivamente da parte del Medico che "odora" l'aria emessa dalla bocca,al di sopra di 120 l'alitosi è forte e la si sente anche da un metro di distanza. A 120 il paziente che ha l'alitosi, la sente soggettivamente sempre. Non è indispensabile avere questo apparecchio per misurare l'alitosi, è sufficiente la cosiddetta misurazione ORGANOLETTICA, che è soggettiva da parte del Medico (che la compara con un assistente che odora pure lui per "riprova",la si fa odorando l'alito del paziente a distanze diverse e sempre maggiori per stabilire la gravità dell'alitosi. Tra le malattie sistemiche sono in particolare quelle dell'intestino, apparato gastro enterico, fegato, dei seni paranasali e dei polmoni che danno Alitosi, per cui è opportuno farsi visitare da un Clinico Medico (specialista in Medicina Interna ) o da un Gastroenterologo e da un Otorino. Tutto il resto è di pertinenza del Dentista perchè nell'Organo Bocca risiede la maggior parte delle cause di Alitosi,dovuta a microbi produttori di gas, anaerobi, gram negativi che risiedono per lo più in Tasche Parodontali, in carie profonde, in canali di denti in necrosi, su "anfratti" della lingua specie se con alterazioni tipo lingua geografica, lingua nigra ed altre stomatiti o mucositi, è buona norma spazzolare oltre che denti e gengive anche il dorso della lingua con scovolini speciali che vendono in Farmacia,quindi le serve una buona Visita Odontoiatrica per ricerca di carie e necrosi endodontiche e stomatologica per stomatiti ed alterazioni del dorso della lingua, l'halimenter diciamo che serve, ma se ne può fare benissimo a meno,è sufficiente che il Dentista sia "bravo" e si occupi di questo problema come di solito avviene per tutti i Parodontologi,il gas prodotto da questi microbi contiene composti solforati e di putrefazione con liberazione di solfato di idrogeno e metilmercaptano che sono la causa del cattivo odore da ovunque provenga, si ricordi quindi che l'alitosi è un SINTOMO e per eliminarla bisogna eliminare la causa, quindi fare una diagnosi, ci sono poi infine pazienti che nonostante la eliminazione della causa e della alitosi la continuano a sentire, occorre allora una terapia delicata Psicologica presso uno psicoanalista. Ciò detto e precisato, la Diagnosi o almeno il sospetto diagnostico che porta ad una Diagnosi Differenziale lo ha già "intuito" Lei: "bruciori di stomaco o attacchi di colite"! Lei descrive questi e si rende conto di avere patologie gastrointestinali. Probabilmente la causa è da ricercarsi proprio nell'apparato gastroenterico e nel suo non aumentare di "peso" nonostante assuma una alimentazione, sana e regolare, almeno così afferma Lei ma deve essere il Medico a stabilire questo. Fatta quindi una Visita Parodontale che è costituita da due visite intervallate da una preparazione iniziale con Igiene Professionale della tasca, Curettage e Scaling per rimuovere il tessuto di granulazione dall'interno della tasca stessa che falsa la presa delle misurazioni della sua profondità, le Rx endorali complete, i modelli di studio e che nella seconda visita si riprendono le misure delle tasche che ora saranno quelle vere e dalla differenza tra le prime e le seconde si fa diagnosi sul tipo di Parodontite, sulla sua Aggressività, sulla sua attività e si emette una Prognosi e si pianifica una eventuale terapia! Con le Rx endorali e le prove termiche e la Visita Clinica si valuta anche la presenza di carie, necrosi endodontiche, osteolisi periapicali, stomatiti etc. Escluse tutte queste patologie, si faccia visitare, ripeto, da un Medico specialista in Medicina Interna o da un Gastroenterologo e da un Nutrizionista ed eventualmente da uno Psicologo Clinico o da uno Psicoanalista. Vedrà che si risolverà tutto. Cari saluti e tantissimi sinceri auguri :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

In primo luogo, tramite accurato esame clinico del cavo orale e quindi del complesso dento - parodontale, è opportuno escludere o confermare una causa dentale o parodontale; importante anche valutare se le metodiche di igiene orale da lei utilizzate sono corrette ed efficaci per la sua bocca. Secondariamente, se non si rileva nulla di particolare, e di fatto l'alitosi è presente, come suggerito dai colleghi, è opportuna una visita specialistica relativa alle funzionalità gastro-intestinali ed epatiche (gli organi interni sono spesso "causa", in tal senso, di problemi di alito) presso una struttura Ospedaliera (Medicina Interna e gastroenterologia).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Ilaria, penso che per risolvere l'alitosi debba risolvere i problemi all'apparato digerente. Sicuramente deve fare un'accurata visita alla bocca, ma deve anche cercare un bravo internista. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Come ha ben capito l'eziologia, ovvero la causa, del suo problema è da ricercare non solo nella bocca...le consiglio intanto di far escludere con certezza che non abbia pertinenza odontoiatrica.Visto che è della zona,la invito a recarsi alla clinica odontoiatrica dell' università, diretta dal prof. A. Piattelli.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Per prima cosa bisogna vedere bene che non ci sia placca in giro e che l'otturazione sia ben fatta e lucidata e non trattenga cibo o placca. Quindi una seduta di igiene professionale e la visita da un dentista che non sia low cost (perchè le troverebbero, forse,m in alcuni casi, come posso documentare io, patologie inesistenti per far quadrare i bilanci..) - se tutto ciò che riguarda la bocca è OK, ci vuole visita Otorino (il muco, la sinusite, etc danno alitosi) e come dice lei, il gastroenterologo..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento