Domanda di Patologia orale

Risposte pubblicate: 8

Ho notato sulla parte destra della gola un piccolo rigonfiamento

Scritto da SERENA / Pubblicato il
Gentili Dottori, è da circa un mese, dopo una forte tosse durata 20 gg, che ho notato sulla parte destra della gola un piccolo rigonfiamento, sembra quasi ad una nocciolina, che alle volte ha un piccolo puntino bianco che se tocco ha un odore sgradevole:-(. Sono andata sia dal medico di base il quale insisteva nel dire di non vederla, e dal dentista il quale l'ha vista ma secondo lui non è nulla di che. Ma non l'ho mai avuta. Non riesco a capire se è la tonsilla infiammata o cosa. Dolori non ne ho. Tranne un leggero solletico alla gola al mattino. E la gola è sempre rossa. Sono fumatrice. 10 al giorno. Un vostro parere mi farebbe stare più tranquilla. Grazie mille. Allego foto. spero si possa identificare.
Cara Signora serena, buongiorno. Ha ragione. Sul Pilastro Tonsillare destro c'è quello che Lei descrive. Non si preoccupi. Si faccia visitare da un Otorinolaringoiatra per prudenza e le prescriverà probabilmente aerosol idonei con cortisone, mucolitici ed antibiotici tutti per inalazione e nebulizzazione ( per aprire anche le Tube di Eustachio che collegano l'orecchio medio con il Rinofaringe ed una terapia antibiotica idonea, generale! Questo risolverà l'infiammazione evidente anche nella parete posteriore del Faringe e sicuramente presente anche nella laringe e trachea. Si faccia auscultar anche dal Medici Generico i Polmoni con percussione degli stessi, semeiologia medica che sembra caduta nel "dimenticatoio" e che è indispensabile invece per valutare la salute e mobilità polmonare e bronchiale! Eventualmente una Lastra diretta dei polmoni potrebbe essere eventualmente utile. Stia tranquilla ma si faccia curare! Non trascini questo sintomo che ha (la "pallina") che probabilmente è una piccola raccolta di pus che spurga all'esterno con formazione del puntino bianco che descrive lei. Cari saluti e spero di esserle stato utile. E' una cosa "banale" . E' mancata solo la Diagnosi. Assurdo! :)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra, antibiotico, colluttori e astensione totale dal fumo, questo il collega di base dovrebbe dirglielo. L'igiene orale è la prima cosa per non avere problemi del genere. Cordiali saluti

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Serena dalla foto non sembra niente di preoccupante. Per stare tranquilla deve recarsi da un otorinolaringoiatra che le darà le giuste indicazioni.

Scritto da Dott.ssa Francesca Ferrazzano
Napoli (NA)

Le consiglio una visita otorinilaringoiatrica poiché tale lesione appare in una zona di competenza di tale specialista.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Visita specialistica da un otorinoloringoiatra

Scritto da Dott. Domenico Ancona
Fasano (BR)

Da quanto vedo mi sembra ci sia una leucoplachia, il mi sembra non è certezza pertanto deve rivolgersi al più presto all'O.R.L. OSPEDALIERO

Scritto da Dott. Luigi Malavasi
Castiglione delle Stiviere (MN)

Sig. Serena, questa è una zona di confine tra gli otorini e gli odontoiatri, dire nulla di che senza esprimere una diagnosi clinica non è il massimo; sicuramente le posso dire che l'OMS ha stabilito che qualunque lesione al cavo orale che non regredisce spontaneamente in 15-20 giorni deve essere accertata. Per cui se ha superato queste tempistiche le consiglio una visita presso un odontoiatra che si occupa di patologia orale.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Mi associo ai consigli dei miei colleghi. Il primo passo è il medico di base (già fatto) e quindi l'Odontoiatra. Se nessuno riesce a fare diagnosi certa, oltre a sospendere per precauzione il fumo, è opportuna una visita specialistica in primis da un Otorinolaringoiatra ed eventualmente, se da questi consigliato, in una struttura ospedaliera (Clinica Odontoiatrica e Clinica Otorino, dato che si tratta di una patologia, presumibilmente flogistica, di confine e comunque da identificare e da trattare).
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sullo stesso argomento