Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 11

Una sacca parodontale procurata dalla pressione di un ottavo incluso può portarmi ad una piorrea?

Scritto da Adele / Pubblicato il
Una sacca parodontale procurata dalla pressione di un ottavo incluso può portarmi ad una piorrea e quindi alla perdita di uno o più denti? Buongiorno, da circa un mese ho avuto un gonfiore che ho scoperto essere un ascesso, questo ascesso era purulento di pus giallognolo misto a sangue come rappreso "cotto". facendo delle ricerche su internet sono venuta a sapere della piorrea, le due cose sono interconnesse tra loro??? sono molto preoccupata...mi è stata fatta un'endorale che allego; in grigio ho segnato il punto dove c'è l'ascesso, dalla radiografia si capisce se c sono danni?? (a me sembra che questa radiografia comunque non sia fatta benissimo...) il dentista non mi ha dato l'antibiotico forse perché al momento della visita si era sgonfiato ma poi dopo 1 giorno si è rigonfiato. durante la visita ha preso l'attrezzo per misurare la profondità della sacca e lui dice che è di 4 mm. è molto grave come caso?? io comunque adesso sto prendendo lo zimox da 1g e si è sgonfiato 1 bel po', ma a quanto ho capito bisogna intevenire chirurgicamente, aprendo la sacca e togliendo tutti i residui di infezione, tutto questo "macello" è stato causato dall'ottavo o anche il settimo (cioè il molare prima) ha qualche problema?)
La visione non é buona. Di fronte ad una tasca parodontale provocata dal dente del giudizio questo va estratto x le complicanze che possono coinvolgere anche altri denti. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Difetti ossei Parodontali a più pareti complesse curati con chirurgia parodontale ossea ricostruttiva e rigenerativa. Da Dr. Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Adele, "una sacca parodontale" che si chiama "Tasca parodontale" è espressione di Parodontite! E' stata fatta questa diagnosi dopo due visite Parodontali intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente!Solo così si arriva ad una Diagnosi di Parodontite e quale tipo e ad una pianificazione terapeutica parodontale. Tramite la Visita Clinica e le Rx endorali, oltre a valutare visivamente il parodonto profondo, si valuta la eventuale sofferenza periradicolare o periapicale di tutti i denti. Le lascio u Poster di difetti ossei parodontali per Parodontite aggressiva diffusa dell'adulto. Invece mi sembra di capire che abbia una pericoronite del dente del giudizio per flogosi estrinsecatasi in ascesso! E' un'altra patologia! In realtà vedo nella arcata inferiore, quella opposta alla sua patologia, dei difetti ossei , dalla radiografia, ossia degli emisetti tra il secondo ed il primo molare e tra il primo molare e il secondo premolare inferiori sinistri se la lastra fosse posizionata dal verso giusto. Sopra ha delle alterazioni della architettura ossea. A prescindere quindi dalla pericoronite ed infiammazione dei tessuti intorno al dente del giudizio superiore che va "raffreddata" per procedere poi alla sua avulsione chirurgica, consigliabile anche per l'ottavo in disodontiasi inferiore sinistro, la sia bocca deve essere valutata parodontalmente per evidenziare il perchè di questi emisetti a cui dovrebbero corrispondere indubbiamente tasche parodontali e quindi essere presente una Parodontite! Si faccia visitare da un Parodontologo. Le lascio un Poster di Difetti ossei complessi a più pareti con tasche parodontali per Parodontite trattate da me con chirurgia ossea parodontale resettiva, ricostruttiva e rigenerativa a seconda della gravità! Legga sul mio profilo "Terapia chirurgica della parodontite La Terapia Parodontale, consiste essenzialmente nel ricostruire chirurgicamente ciò che la malattia parodontale ha distrutto." e La 'tasca parodontale.... questa sconosciuta!' e "CURETTAGE E SCALING" e soprattutto "VISITA PARODONTALE". Legga anche la risposta precedente alla sua dove descrivo brevemente la doppia visita parodontale e la Preparazione Parodontale Iniziale con il perchè del Curettage e scaling e Root Planing di escissione del tessuto di granulazione! Legga anche le altre tre risposte precedenti a questa citata percè sono tutte sulla Parodontite, sulla Visita Parodontale, sulle Tasche Parodontali, insomma sulla Parodontologia e può capire veramente molto senza bisogno che mi ripeta ora tediando tuti i Colleghi e i pazienti. Sia Gentile, nel suo interesse, legga e mediti!Cari saluti e stia tranquilla. E' giovane e sarà tutto molto semplice e risolvibile, se fosse confermata una Parodontite.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Adele, quanta confusione, controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, per prima cosa occorre una diagnosi certa e se la faccia scrivere che poi ne riparliamo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Premesso che lei indica con il cerchio nero un problema all'arcata Superiore dove la lastra non indica la presenza di un ottavo incluso (magari c'è, ma dalla lastra non si vede), mentre sicuramente è presente in inclusione l'ottavo inferiore, il problema a cui lei fa riferimento è una forma di pericoronite (infiammazione dei tessuti peri - coronali in corrispondenza del dente del giudizio in parziale eruzione, anche nelle fasi iniziali e anche se l'estrusione completa non è possibile per malposizionamento dello stesso, come nel suo caso): queste pericoroniti possono dare esito anche a forme ascessuali particolarmente sintomatiche, con dolore - gonfiore (e conseguente formazione di pseudo-tasche parodontali, non vere e proprie tasche parodontali, come quella che ha lei appunto) arrossamento e pus; si risolve anche spontaneamente, ma solitamente si ricorre ad una terapia antibiotica eventualmente associata all'escissione chirurgica di parte del tessuto gengivale infetto nella zona. Detto questo, un ottavo come il suo (e mi riferisco all'inferiore), proprio per il fatto che le causa queste peri-coroniti, con infiammazione, formazione di queste pseudo - tasche, accumulo di batteri ed aumentato rischio carie sulla parete distale del settimo (il molare verso cui guarda l'ottavo, che non può essere pulito correttamente a causa di questo problema), deve essere estratto: dopo aver stabilizzato con antibiotico la situazione e sotto copertura antibiotica; eseguita l'avulsione e la pulizia dell'alveolo e dei tessuti gengivali, il problema sarà risolto. Questo discorso vale allo stesso modo per l'arcata superiore, dove ha cerchiato il problema: se lì è presente l'ottavo, stesso problema e stessa soluzione. Come le ha scritto il collega dott.Petti, mi permetto anche io di segnalare problemi parodontali a carico degli altri molari - premolari (sopratutto inferioremente), con difetti ossei interprossimali e quindi le consiglio una visita Parodontale approfondita.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Se la tasca è davvero provocata dalla pressione del 3° molare, basta estrarre il dente in oggetto, nessun pericolo per gli altri denti.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Credo che lei abbia solo bisogno di recarsi in uno studio odontostomatologico in grado di effettuare in tranquillitá e sicurezza l'estrazione dei molari inclusi o seminclusi.

Scritto da Dott. Michele Lasagna
Bereguardo (PV)
Collaboratore di Dentisti Italia

Se la tasca origina dal dente del giudizio sarà necessario e sufficiente estrarlo.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

L'ascesso è fuori campo radiologico, e dunque dobbiamo fare fede solo sulla sua descrizione. La sua storia è semplice, e anche l'estrazione è abbastanza facile, e la guarigione sarebbe rapida è garantita. Nel caso lei avesse delle colpe da espiare, trascuri l'avvertimento e si diverta con la sofferenza. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

I denti del giudizio sono mal posizionati nel 95 per cento della popolazione. Quindi lei fa parte della maggioranza delle persone dove questi denti non hanno spazio e fanno o possono fare vari tipi di danno. Il concetto è forse difficile da digerire: anche in assenza di disturbi specifici sull'ottavo, alle volte bisogna sacrificarlo proprio per salvare il settimo da problemi parodontali, perdita d'osso etc. Si affidi ad un buon dentista preparato in queste estrazioni che alle volte sono complesse, e segua i consigli.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Non si può parlare di piorrea in questo caso. È vero che la lastra non è affatto leggibile. Per valutare la posizione dei denti del giudizio le consiglio di effettuare una radiografia ortopanoramica, così da vedere distintamente anche la posizione e forma delle radici. Poi sarà il suo odontoiatra a saperla consigliare per il da farsi.

Scritto da Dott. Enrico Cauli
Roma (RM)

Sullo stesso argomento