Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 8

Ringrazio tutti i dottori che hanno risposto alla mia domanda...

Scritto da stefania / Pubblicato il

Ringrazio tutti i dottori che hanno risposto alla mia domanda. Consulterò sicuramente un parodontologo, ma domani ho l’appuntamento con il mio dentista e dalla fretta/ansia di avere un vostro parere non ho specificato alcune cose: il pus esce in due punti e ho paura che intacchi altri punti. Inoltre, essendo la corona molto scoperta da entrambi i lati, se dovessi guarire dalla sacca grazie alle terapie parodontali, sarà possibile rifare una nuova corona su questa gengiva? Siccome le infiltrazioni provocano appunto sacche gengivali, e avendo io altre 2 corone che sono scoperte (molto meno rispetto a questa, ma sicuramente peggioreranno col tempo), mi domando se è il caso di rifare le corone. Ringrazio ancora per i vostri

 

Precedente:

 

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/parodontologia/8251_sono-quasi-8-mesi-che-ho-pus-dalla-gengiva-sopra-a.html

 

Cara Signora Stefania, grazie per la sua gentile Stima e Fiducia. Apre il cuore e l'anima! Grazie ancora. E' bello constatare che la nostra "fatica" riesca ad essere ascoltata ed apprezzata. Non si preoccupi per i due punti da cui esce il pus, non ha una grande importanza se la terapia verrà iniziata al più presto dopo adeguata visita come già spiegato. A tutte le sua domande, per le quali la prego di stare tranquillissima, risponderà il Dentista che la visiterà, meglio se Parodontologo o che almeno pratichi la Parodontologia che è materia sì specialistica ma che è la base culturale di qualsiasi Odontoiatra! Tuttavia rammenti quanto le ho già detto, ossia che la causa potrebbe essere sì parodontale ma anche non parodontale ma odontoiatrica, endodontica o di altra natura. Solo la visita potrà stabilirlo. In bocca al Lupo e ci faccia sapere se le facesse piacere, a me personalmente, certamente. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Sig.ra Stefania, se la terapia parodontale avrà successo si può benissimo rifare la corona. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Stefania, i suoi ringraziamenti sono graditi, le ricordo che anche il suo odontoiatra ha studiato e pratica molto bene la parodontologia; non creda che chi si fregia del titolo di parodontologo, sia il professionista con la bacchetta magica, in Italia è una figura accademica inesistente, non esiste nemmeno la specialità universitaria.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Buongiorno non si preoccupi per la sua gengiva e pus, ora la cosa più importante e non estrarre il dente!!! per quanto riguarda la gengiva si valuterà in seguito la guarigione della tasca, il riassorbimento osseo il sondaggio della tasca, l' attacco epiteliale, tutti fattori che un bravo medico deve valutare e considerare prima di costruire una corona che sia ottimale anche perché una corona costruita male che non abbia le dovute caratteristiche di anatomia dentale può causare un danno alla sua tasca parodontale, se da come ho capito il suo dentista ha ipotizzato l'estrazione, queste indicazioni non le ha nemmeno pensate ma forse pensa che mettere un impianto sia la soluzione ottimale, senza considerare che gli impianti non sono la panacea ma anche loro possono dare problemi,vedi impiantite, una delle problematiche future nel nostro settore, che segue congressi sa di cosa parlo...,grazie per la sua attenzione e la sua risposta.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Fabio Vaja
Milano (MI)

Solo due osservazioni. Punto primo. "Sarà possibile rifare una nuova corona su questa gengiva?" La risposta è no. Non si parlerà di corona fino a che c'è una infezione. Debellata l'infezione, si potrà parlare di fare spese per corone. Punto secondo. "è il caso di rifare le corone?" Torniamo al punto primo. Aggiungo che le corone, come nel suo caso, possono essere fatte benissimo scollate dal bordo gengivale solo per la salute della sua gengiva. La minorazione estetica è minima, ma la maggiorazione sulla salute della sua bocca è massima. Decida lei. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Non si focalizzi soltanto sui denti che hanno delle corone. Se sono incongrue allora vanno comunque sostituite, Bisogna fare diagnosi certa per decidere il trattamento idoneo alla sua situazione. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Gent.ma Sig.ra Stefania, la ringrazio per la gentile cortesia della sua risposta. I margini delle corone protesiche, se imprecisi, costituiscono un habitat ideale per i batteri che causeranno un'infiammazione delle gengive circostanti e col tempo eventualmente una parodontite che si può manifestare con recessione della gengiva e scopertura della radice oppure con una tasca (quando invece la gengiva rimane più o meno allo stesso livello ma l'osso intorno alla radice si riassorbe)oppure ancora con entrambe. Se vi sono corone con questo tipo di problematiche bisognerà valutarne un rifacimento, sempre nell'ambito di una terapia parodontale che miri al debellamento della parodontite. Perciò si dovranno effettuare prima le cure delle tasche ed eventualmente sostituire le corone con manufatti temporanei ma con margini molto precisi in attesa della definitiva guarigione dei tessuti. Solo alla fine si procederà all'applicazione delle corone definitive. Valuti con il suo dentista la situazione e segua i suoi consigli. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Marco Gabriele Longheu
Milano (MI)

Non è chiaro se per corona lei intenda una "capsula" oppure la parte "maticante" del dente. Comunque tendenzialmente gli ascessi recidivanti sono spesso sintomo di un problema endodontico: la polpa dentale (il "nervo per capirci") è verosimilmente morto (nel caso si trattasse di un dente integro) oppure la devitalizzazione precedente non è più idonea alla nuova situazione clinica: i batteri hanno conquistato lo spazio occupato dai materiali usati per sigillare i canali dentali. Solitamente le tasche parodontali ("sacche") cosi insistentemente produttive di pus, malgrado cure parodontali, sono legate a problemi endodontici. Spero esserle stato di aiuto
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Rigano
PAVIA (PV)

Sullo stesso argomento