Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 7

Che cosa mi devo aspettare o che cosa mi potrebbe proporre per risolvere la situazione?

Scritto da FEDERICA / Pubblicato il
Buonasera, ho 38 anni e dopo la scoperta di due denti dondolanti sono andata dalla dentista che mi ha fatto fare una ortopanoramica. Il risulta del referto è il seguente: discreta paradentosi diffusa con abbassamento in prevalenza orizzontale delle creste senza evidenti granulomi apicali fine periodontite apicale a carico del 17. La mia dentista in fase di visita (fatta prima dell'ortopanoramica) mi ha parlato di un intervento di innesto osseo. Mi ha già fissato un appuntamento per la prossima settimana per decidere cosa fare e come intervenire ma visto che passerà qualche giorno volevo sapere che cosa mi devo aspettare o che cosa mi potrebbe proporre per risolvere la situazione. Ringrazio molto!
Gentile Paziente, la malattia parodontale non è una condanna nè una patologia ineluttabile che lei deve subire senza fare nulla perchè "incurabile"... La malattia parodontale (piorrea) è un'infezione dei tessuti di sostegno (gengiva, osso, legamento) dei denti che, se non diagnosticata tempestivamente e correttamente trattata, può portare alla loro perdita. La diagnosi si effettua con una visita clinica accurata, un sondaggio parodontale su sei punti su ciascun dente ed con l'ausilio di Rx endorali. La terapia deve inizialmente prevedere sedute professionali in studio di ablazione del tartaro e di rimozione della placca batterica sottogengivale (curettage). Queste sedute vanno ripetute, inizialmente, con una frequenza variabile (lo decide lo specialista), anche ogni due-tre mesi. Con una successiva rivalutazione della situazione clinica, si dovrà decidere se mantenere sotto controllo la situazione con ulteriori sedute di igiene in studio oppure eseguire interventi di chirurgia ossea resettiva o rigenerativa parodontale o muco-gengivale (a seconda del quadro clinico). Imprescindibile è la collaborazione del paziente nel mantenere un'igiene orale ottimale (per tutta la vita!) e l'abolizione di eventuali abitudini come il fumo, pena il possibile aggravamento della malattia. Ipotizzare "interventi di innesto osseo" senza aver diagnosticato correttamente la patologia, le cause e rimosso i fattori di rischio vuol dire, con tutta probabilità, un insuccesso sicuro. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Si rivolga ad un parodontologo il quale prendera in carico la sua situazione. Non si effettuano interventi di chirurgia sia essa resettiva che rigenerativa senza un'adeguata diagnosi fatta con sondaggio e radiografie endorali (piccole), dopodiché si passa per la prima fase che è di pulizia sopra e sotto gengivale e solo dopo un certo periodo di rivalutazione si può prendere in considerazione la terapia chirurgica ne siti in cui permane la problematica di tasche profonde e sanguinanti. Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Non capisco i suo testo, almeno io. La prima cosa da fare è una fisioterapia, liberando la bocca dal tartaro antico e dalla patina molle di putrefazione in modo tale che la situazione risultante sia al di sopra di ogni sospetto. Al di sopra di ogni sospetto significa non bocca pulita, "ma immacolata". A seguire, si dovrà sparare ai granulomi: cure canalari al sopra di ogni sospetto, in modo che madre natura si liberi dei granulomi alla svelta. Poi si dovrebbe rivalutare il tutto e fare molte altre cose che sono noiose da raccontare. Alla fine, ad amicizia molto consolidata, la sua cara dentista potrebbe tirare fuori dal cassetto l'osso che manca e se manca e se è giusto applicare al suo caso particolare. Si tratta di osso finto, come prodotto chimico oppure vero da cadavere di bestia o anche di cristiano. Potrebbe essere anche osso suo, donato da prelievo fatto sul suo stesso corpo. Dovendo fare due interventi separati, oggi è fuori moda. Idee chiare e distinte: rendono la cura dei denti semplice. Non si fidi mai delle cose che non si capiscono subito, perché il broglio e l'imbroglio sono in agguato. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig. ra Federica, come sottolineato dai miei colleghi con una panoramica non si fa nessuna diagnosi. Bisogna fare un sondaggio e uno status radiologico con le lastrine piccole. Dopo si esegue una profonda pulizia e si risolve il problema del 1.7. Solo allora si può decidere se passare alla chirurgia che può essere ricostruttiva o resettiva (si eliminano le tasche rimodellando l’osso). Sottolineo se, a volte una buona preparazione iniziale risolve il caso. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gent. sig. Federica, quello che hanno detto i miei colleghi è esatto, io avrei ripetuto esattamente quello detto dal dott. De Carli, aggiungendo solo una ulteriore possibilità quella del trattamento con il Laser nel caso se ne riscontri l'indicazione. Cordiali saluti Dr. Erminio Casalini Medico Chirurgo specialista in Odontostomatologia Modena - Bazzano (Bo)

Scritto da Dott. Erminio Casalini
Modena (MO)
Valsamoggia (BO)

Parodontiti con difetti ossei complessi a più pareti e loro terapia chirurgica ossea parodontale ricostruttiva e rigenerativa. Da casistica del Dr.Gustavo Petti Parodontologo di Cagliari
Cara Signora Federica, la invito e la prego di leggere la mia risposta data il 2 luglio alla signora Valentina, proprio dopo la presente, per non ripetermi ed "annoiare tutti", in particolare riguardo alla doppia visita parodontale ed alla preparazione parodontale iniziale con curettage e scaling ed Rx endorali, modelli di studio, igiene orale professionale, valutazioni gnatologiche e tanto altro. Le segnalo inoltre che il termine paradentosi contiene un doppio errore: il primo è la desinenza iniziale para-, che è invece paro-. La seconda è la desinenza finale -osi che invece è -ite. Infatti si dice Parodontite e non paradentosi! Un medico dovrebbe avere almeno questo minimo di cultura base e non dire simili "castronerie", scusi il termine!!!Allego una foto di alcune parodontiti con difetti ossei complessi a più pareti e loro terapia chirurgica ossea parodontale ricostruttiva e rigenerativa a seconda della situazione clinica, programmata dopo avere fatto la diagnosi corretta con le due Visite, sondaggi parodontali e preparazione iniziale! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Federica, controlli se chi opera su di lei è iscritta all'ordine dei medici, se così fosse non esiti a chiedere un appuntamento, per essere informata sulle cure. Le consiglio di scaricare le nostre risposte e poi discuterle con la sua odontoiatra, in modo da giustificare la sua richiesta della RX panoramica. Se non la ritrova iscritta, ci riscriva che sicuramente troveremo una valida soluzione per il suo caso.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento