Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 12

Ho 25 anni e sono sicura di avere la piorrea. Come si pu├▓ curare?

Scritto da sara / Pubblicato il
Buongiorno, ho 25 anni e credo, anzi sono sicura, di avere la piorrea. Dico di esserne sicura perchè ce l'ha avuta mia mamma non meno di due anni fa e quindi so quali siano i sintomi e come si manifesta. Non nego di non essere ancora andata a farmi vedere un pò per motivi economici e un pò perchè ho paura di quello che posso sentirmi dire. Ora la mia domanda è: come si può curare? Solo con gli interventi o ci sono altri metodi? E inoltre, è contagiosa la piorrea? Grazie.
Buongiorno cara Sig.ra Sara! Intanto le dico che.. il fatto di essere come sembra, così motivata verso la sua patologia.. è già un primo importante passo per guarirla. A 25 anni, a meno che non si tratti di una rara forma di parodontite rapidamente progressiva, è improbabile che lei abbia già perdite di osso irreversibili. Le sarebbe accaduto, sicuramente, se avesse ignorato tale malattia per altri 20 anni! Oggi potrebbe avere gengivite, anche grave, con tutti i sintomi legati alla malattia gengivale (sanguinamento allo spazzolamento, ecc ), ma tali sintomi, generalmente non considerati dai pazienti, spariranno con semplici tecniche di igiene professionale e con una attenta pulizia che lei imparerà a fare a casa sua. Si informi a riguardo nella società italiana di Parodontologia, ha delle aree per pazienti decisamente ben fatte. E troverà anche elenchi di colleghi iscritti, quindi sicuramente motivati e preparati in tal campo. In bocca al lupo!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Alessio Bosco
Sanremo (IM)

Prenoti subito una visita, potrebbe non essere ciò che pensa, o comunque la patologia potrebbe essere in uno stato iniziale e quindi curabilissima. Non tergiversi per paura perchè poi è peggio!

Scritto da Dott.ssa Emma Volpe
Siracusa (SR)

Gentile Sara, le consiglio una visita odontoiatrica al più presto, è giusto che sia un collega a fare diagnosi; non disperi perchè la parodontopatia è curabile, fondamentale sarà la sua collaborazione e la sua motivazione all'igiene. Saluti.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Carissima Sara, la piorrea non è ereditaria e come bene dice il collega Bosco che mi ha preceduto, lei è troppo giovane per avere una simile patologia. Le consiglio di leggere i miei articoli "Igiene orale e malattia paradontale e recessioni gengivali" per avere un quadro più preciso della situazione clinica che la pervade. Sono a disposizione per qualsiasi quesito. Cordiali Saluti

Scritto da Dott. Maurizio Serafini
Chieti (CH)

Gentile Sara, ereditaria è la predisposizione non la malattia parodontale (piorrea). Il parodontologo e un'igiene accurata possono certamente guarirla, ma si ricordi di non traumatizzare i suoi denti dormendoci sopra. Per evitare la possibile recidiva Consulti PIORREA O PARODONTITE, ALITOSI dei dentisti italia + LA DEGLUTIZIONE SPONTANEA + BRUXISMO: MITI E VERITA'

Scritto da Dott. Gino Salvatore Galiffa
Teramo (TE)

Sig. Sara, la sua sicurezza non è una diagnosi medica, per cui è consigliata visita odontoiatrica. La malattia parodontale può essere curata dopo un'accurata diagnosi, che definisce il tipo di parodontopatia e la sua gravità. Non trascuri assolutamente il problema.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sara, la Piorrea (termine antico per definire le parodontopatie) non è infettiva. Certo è, però, che la familiarità rappresenta una predisposizione al suo insorgere. Mi dispiace per le sue paure, ma una visita è obbligatoria. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Cristian Romano
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Sara, l'unica maniera per curare il quadro che lei descrive è affidarsi ad un buon dentista che abbia anche una buona igienista e poi seguire a domicilio dei corretti metodi di igiene dentale (veda video di igiene dentale in questo Portale). Sono convinto che la sua "piorrea" sparirà. Cordialità.

Scritto da Dott. Michele Caruso
Treviso (TV)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente, la piorrea è un termine popolare per definire una mobilità dei denti, spesso associata a sanguinamento delle gengive e a dolore, e ad altri sintomi tra i più disparati. In termini scientifici indica la presenza di pus nell'alveolo dentare e nei miei oggi trenta anni di attività ne ho viste pochissime. Solo con una visita (INDISPENSABILE) si può fare una accurata diagnosi e proporre un piano di intervento terapeutico. Vinca la sua paura, anche economica (ci sono le ASL quasi gratuite) e si rivolga al dentista per una diagnosi certa. E' troppo giovane per trascurare un problema che può diventare grave. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giuseppe Scandale
Roseto degli Abruzzi (TE)

Sig.ra Sara, se lei ha la piorrea deve andare subito a curarla. Può darsi che sia solo una forma di gengivite. In questo caso guarirà al cento per cento. E' sicuramente documentata la trasmissibilità al partner dell'infezione se il partner ha una suscettibilità ad ammalarsi:quindi non è sicuro che avvenga ma ci sono delle buone probabilità che succeda. A volte i nostri pazienti con piorrea guariscono momentaneamente e poi il partner li rinfetta ed abbiamo una ricaduta della malattia. Per cui coraggio si vada a farsi curare.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Terrachini
Reggio Emilia (RE)

Sullo stesso argomento