Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 15

Sanguinamento gengive

Scritto da Giuliano / Pubblicato il
Salve, ho 33 anni e ho effettuato circa 3 mesi fà la pulizia dei denti, ma continuo ad avere del sanguinamento dalle gengive, qualche volta quando lavo i denti e sempre quando ci passo il filo interdentale. Il dentista mi ha consigliato di effettuare una levigatura dei denti. Volevo sapere se è necessario da subito o se esistono altri metodi per cercare di guarire il sanguinamento. Grazie in anticipo.
Gentile Giuliano, il suggerimento del suo dentista, che conosce la sua situazione, è da seguire insieme ad una corretta igiene domiciliare e i controlli periodici semestrali. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Segua i consigli del suo dentista, che ha avuto la possibilità di visitarla e di diagnosticare la patologia di cui è affetto. Ricordi: per guarire dalle parodontiti non è sufficiente accontentarsi dei miglioramenti temporanei ottenuti con le cure dei sintomi (riduzione dell'infiammmazione e del sanguinamento dopo la detartrasi superficiale e profonda), ma bisogna eliminare le cause (malocclusioni, parafunzioni, edentulie parziali, ecc.) per non ritrovarsi dopo qualche mese punto e d'accapo. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Giuliano, il sanguinamento è sempre il segno di una flogosi cioè di una infiammazione o gengivite. Se ha effettuato l'igiene professionale ed esegue una corretta igiene domiciliare ed ancora sanguinano le gengive è corretto effettuare un sondaggio parodontale poichè potrebbero essersi verificate delle tasche parodontali che rappresentano un ricettacolo di batteri. Una volta stabilita una giusta diagnosi si può eseguire corretta terapia. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Gengivite e curettage e Scaling da casistica del Dr. Gustavo Petti e della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Caro Signor Giuliano, purtroppo non è così semplice, o meglio è semplice, ma bisogna procedere nel modo giusto. Ossia: anzitutto fare una esatta Diagnosi della patologia che porta al sanguinamento, ossia se sia per una Gengivite marginale della gengiva libera o una Gengivite più estesa o addirittura per la presenza di tasche parodontali, volgarmente scollamenti della gengiva dal denti che formano delle "sacche", massima espressione di quella patologia che si chiama Parodontite, volgarmente "piorrea". Per fare questa Diagnosi occorre procedere ad una Prima visita parodontale con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente, in tutta la bocca. Fare e valutare una serie completa di Rx endorali per piccoli gruppi di denti in tutta la bocca, se fossero presenti problemi gnatologici si rilevano le impronte per i modelli di studio, poi si fa una Ablazione del Tartaro professionale, le istruzioni per l'igiene orale domiciliare e finalmente il Curettage e Scaling con il Root Planing (quello che lei chiama levigatura delle radici). Dopo tutto questo si fa una seconda visita parodontale ancora più completa della prima, si rilevano le seconde misure delle tasche eventuali e queste seconde misure saranno quelle vere perchè non alterate dal tessuto di granulazione presente nell tasche e che falsavano la presa delle misure stesse. Solo ora si può fare una diagnosi a seconda della risposta a tutte queste cose e si può emettere una prognosi e impostare una corretta terapia. Legga nel mio profilo:VISITA PARODONTALE, CURETTAGE E SCALING, La 'tasca parodontale.... questa sconosciuta!',GENGIVITE, e troverà altre decine di mie pubblicazioni su questi argomenti. Ovvio che la visita la deve fare un Parodontologo. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Paziente, che le gengive sanguinino in presenza di placca è cosa notoria a tutti, una logica conseguenza è pensare che: tutto ciò che aiuta a trattenere placca o che rende difficile la pulizia è da eliminare. Tanto premesso, sa bene anche lei che una superficie liscia si pulisce bene e prima rispetto ad una superficie ruvida; a questo punto la risposta al suo quesito appare evidente; se le superfici dei sui denti sono in qualche modo ruvide vanno sicuramente levigate. Cordialmente Gustavo De Felice.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

Salve Giuliano. Il suo dentista, in quanto professionista avrà avuto tutti i buoni motivi per consigliarle una levigatura radicolare. In alternativa, può decidere un ulteriore consulto rivolgendosi ad altro professionista che possa decidere cosa fare visualizzando la situazione della sua bocca. Cordialmente, Gianluigi Renda

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Il sanguinamento gengivale è dovuto alla presenza di placca batterica sulle superfici dentali e /o dalla presenza di tartaro sopra o sottogengivale. Si affidi al suo dentista che con un piano di trattamento e di mantenimento saprà risolvere i suoi problemi. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Caro Giuliano, fidati del tuo dentista:la levigatura nel tuo caso è necessaria, anzi, a volte, dopo sondaggio, può darsi che tu debba fare piccoli interventi di paradontologia, se necessario, dopo la levigatura. Cordialmente Dr Angelo Beghini Cassano D'Adda MI e Comazzo LO

Scritto da Dott. Angelo Beghini
Cassano d'Adda (MI)

Indispensabile essere seguiti da un collega parodontologo e le levigature sono la partenza della terapia parodontale, alla fine del trattamento le gengive non dovranno più sanguinare. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Il suo dentista ha perfettamente ragione. La levigatura delle radici è il passo successivo alla classica igiene che a quanto pare ha già fatto. Probabilmente in questo modo il sanguinamento diminuirà e se non ci sono altri problemi (per esempio tasche gengivali) dovrebbe arrestarsi. Per accelerare la guarigione può anche usare un colluttorio a base di clorexidina come il plak-out 0.12%. Ovviamente questi suggerimenti è bene che glieli confermi il suo dentista di fiducia. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Leonardo Resta
Gioia del Colle (BA)

Sullo stesso argomento