Domanda di Parodontologia

Risposte pubblicate: 4

Seguito alla domanda: Rigenerazione ossea dentale

Scritto da roberta / Pubblicato il

Grazie per le risposte avute in merito alla ricostruzione ossea. Queste mi sono state di grande aiuto specialmente a livello morale. La mia domanda è nata oltre che dal dubbio della notizia (bufala sulle staminali) avuta dal mio collega di lavoro anche dal fatto che mia moglie si lamenta dopo 1 mese dall'innesto dell'osso prelevato dalla mandibola, di sentire come un bozzo all'interno dell'innesto stesso. Per esempio come se avesse del cotone in bocca. Questo la disturba anche a livello psicologico. Chiedo se ci vuole tempo per il riassorbimento dell'osso, se è corretto parlare di riassorbimento e, se si, quanto ci vuole?

 

Precedenti:

http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/parodontologia/1973_rigenerazione-ossea-dentale.html

Cara Signora Roberta...o meglio marito di Roberta...a quanto capisco... sentire "un bozzo" nell'interno della zona dell'innesto...è difficile rispondere senza visitarla clinicamente se sia normale o no..in teoria non dovrebbe esserci nessuna deformazione (dopo un mese)... bisogna vedere se è dura o molle, se di consistenza fibrosa od elastica...e tanto altro...potrebbe essere normale o invece un segno importante che qualcosa potrebbe non andare bene, le consiglio di farsi vedere al più presto dal suo Dentista perchè lui solo può darle una risposta esatta e professionale, avendo fatto lui l'intervento e conoscendola dal punto di vista clinico. odontoiatrico soggettivo...Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologo in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Livio, la sensazione di "bozzo", è ovviamente strettamente legata alla quantità di innesto e quindi al livello di riassorbimento precedente all'intervento. Tenga presente che negli innesti è buona norma essere un pò abbondanti proprio per via di un fisiologico riassobimento successivo ai naturali rimaneggiamenti ossei. Tutto questo è fisiologico, come è fisiologico che nel cavo orale siamo enormemente sensibili a qualsiasi "presenza" in più, e siamo molto più tolleranti per le "assenze"; in altre parole provi a pensare quanto ci è fastidiosa anche una ciglia in bocca, e in quanto poco tempo ci abituiamo all'assenza di un molare estratto, nonostante volumetricamente le cose sono incomparabili; provi a confrontare il sido donatore con quello accettore. Pertanto il fastidio dovrebbe durare al massimo 5/6 settimane, dopo interverranno sia l'abitudine sia un certo riassorbimento con un effetto di normalizzazione del sito chirurgico. Cordialità gustavo de felice sapri (SA)
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo De Felice
Sapri (SA)

I colleghi Petti e De Felice sono stati come sempre esaustivi. Di solito, la mobilizzazione dell'innesto, o la sua infezione, possono causare vari sintomi ma spesso accompagnati da dolore.. se c'è fistolizzazione dalla quale fuoriesce del pus, il dolore spesso si attenua ma comunque sussiste. In linea di massima il suo problema "pare essere" di sola natura "sensoriale". La lingua avverte questa bozza che prima non c'era. Vada dal suo odontoiatra, sicuramente la rassicurerà.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Sig. marito di Roberta, quest’abbondanza è favorevole, si ricordi che eventualmente alla fine si può ridurre chirurgicamente.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Sullo stesso argomento