Domanda di Otturazioni Conservativa

Risposte pubblicate: 14

E' normale che i denti curati e otturati provochino ancora dei leggeri fastidi?

Scritto da cristina / Pubblicato il
Da poco ho fatto delle otturazioni per via di carie superficiali, ma che davano dei problemi ai denti perchè erano sensibili e delle volte facevano anche un pò male, ma questo dolore poi passava nel giro di qualche ora e rimaneva il fastidio!quello che è sicuro è che le carie erano superficiali e non c'era nessuna infezione...ora non mi danno problemi come prima, ma noto che delle volte sono ancora sensibili al freddo, oppure quando respiro forte! questo fastidio scomparirà con i giorni? è normale? uno di questi denti l'ho fatto da qualche settimana, mentre l'altro da pochi giorni...cordiali saluti!
Cara Cristina, la sensibilità agli stimoli termici del dente a seguito di otturazioni è una cosa normale e transitoria per lo skoc pulpare che il dente subisce e generalmente tale sensibilità decresce con il passare dei giorni; se, invece, dovesse perdurare e/o andare in crescendo parlane con il tuo dentista. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Gentile Cristina, una piccola sensibilità transitoria può essere del tutto normale ma non conoscendo il suo caso e non avendo alcun dato oggettivo non posso far altro che consigliarla di parlare e farsi spiegare meglio dal suo dentista. Cordialmente

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Qualche settimana di questi sintomi potrebbe essere un po' troppo.. Io protesterei col dentista. Qualche giorno lo può fare, ma dopo, se si prolunga così, è segno che forse qualcosa non va.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Cristina, per dire se è normale o no, bisogna visitarla. Dipende dalla qualità e durata dello stimolo , se è spontaneo o solo provocato. Basta fare una buona visita. Lei dice che durava e che dura qualche ora, se fosse così indicherebbe una pulpite ed il dente andrebbe devitalizzato. Nella pulpite, il dolore è dovuto semplicemente ad un maggior afflusso di sangue nel dente tramite l'arteria che lo porta, dovuto ad un meccanismo di difesa nei confronti dello stimolo irritativo, questo maggior afflusso causa una pressione dentro il dente che è inespandibile e comprime le terminazioni nervose causando dolore esacerbato dallo stringere i denti...o dal "picchiettarvi sopra"...o dagli stimoli termici...in questo caso (che si chiama iperemia attiva) il processo è reversibile...la polpa si abitua ed in qualche giorno o settimana tutto scompare!......se invece il danno causato dalle tossine dei microbi continua si ha una alterazione della vena che fa uscire il sangue dal dente e succede che il sangue arriva con l'arteria e non esce più con la vena danneggiata...si ha pressione che può anche scatenare dolori forti...o essere talmente leggera da non causare dolori in questo caso anche molto lenta..le cellule della polpa del dente, arterie, vene, linfatici e tessuto nervoso, muoiono= necrosi...e si può formare una zona di osteolisi periapicale (pallina nera alla Rx) intorno all'apice della radice = granuloma, cisti...IL DOLORE DA NECROSI O DA FRATTURA MICROSCOPICA DI UN DENTE DEVITALIZZATO è invece sordo profondo e non pulsante. potrebbe avere delle sinalgie.....esistono dei sintomi, detti sinalgie, che praticamente, per incapacità del nucleo caudato del cervello a cui arrivano tutti gli stimoli dolorosi di una metà della bocca, possono provenire non dal dente in causa ma da denti o parodonto anche lontano. Quindi bisogna fare una accurata visita Odontoiatrica completa ed accurata Poi una visita Gnatologica e conservativo-endodontica accurata ed una visita Parodontale e stia certo che si arriva ad una diagnosi. Per fare DIAGNOSI si procede così:basta fare una visita...percussioni trasversali ed assiali , una Rx endorale e prove termiche per fare la diagnosi.....:...le prove termiche si fanno con il caldo e con il freddo...esistono liquidi che spruzzati su un batuffolino di cotone con cui toccare il dente abbassano la temperatura improvvisamente da 37° a -4° e le garantisco che se c'è patologia pulpare...la si scopre....il dente risponde con un dolore immediato: 1- se dura qualche secondo...il processo è reversibile e si aspetta, 2- se dura molti minuti, il dente è in Pulpite e bisogna devitalizzarlo subito. 3- Se non risponde al dolore vuol dire che il dente è in necrosi, è morto per infezione e bisogna devitalizzarlo in un modo particolare subito sotto protezione antibiotica! 4- Se non risponde al freddo ma risponde allo stimolo con "guttaperca" molto calda, allora significa che il dente è in necrosi, ma non completa..qualche zona di polpa vicino all'apice è ancora vitale (si chiama sintomatologia radicolare della polpa) e il dente va devitalizzato.Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Torni dal suo dentista e si faccia dire da lui se c'è qualcosa che non va.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Salve cristina.. a meno che non si tratti di sensibilità dentinale, da recessione gengivale, il fastidio dovrebbe passare..anzi forse non doveva proprio ritornare. cordialmente, gianluigi renda.

Scritto da Dott. Gianluigi Renda
Castrovillari (CS)

Potrebbe essere normale dal momento che ha fatto le otturazioni da poco ma per poter essere più precisi bisognerebbe visitarla o vedere almeno una radiografia... Se il fastidio dovesse non passare nel giro di un paio di settimane o se dovesse addirittura aumentare, allora il collega dovrà rioperare di nuovo per vedere se è il caso di devitalizzare il dente o i denti in questione. Comunque il dottor Petti ha spiegato molto bene le procedure da mettere in atto in caso di problemi come questo. Ad ogni modo basta procedere con cautela e pazienza per non fare nulla in meno (o anche in più!) rispetto a quello che deve essere effettivamente fatto. Ci faccia sapere. Cordialmente.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Emma Volpe
Siracusa (SR)

Cara Cristina, credo che un ciclo di spugnature di fluoro da fare in Studio ti aiuterebbe, globalmente; inoltre, non parli dello stato dell'igiene orale e delle gengive; d'altra parte questa sensibilità diffusa può riferirsi ad un indice di placca da controllare. Cari saluti dr. Maria Grazia Di Palermo Via Gesù e MAria, 4 Carini PA

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Se trattasi di carie superficiali, come lei asserisce, generalmente sono asintomatiche. Dopo la terapia in qualche caso può comparire una piccolissima sensibilità che scompare in poco tempo. Dal tipo di sensibilità agli stimoli freddi da lei descritta è più probabile che si tratti di zone radicolari scoperte poco a che vedere con le otturazioni. Comunque vada ad esporre il problema al suo dentista che provvederà. Saluti

Scritto da Dott. Piero Puppo
Imperia (IM)

Hanno già ampiamente risp i colleghi in modo rapido e trasparente. Ma le risp che + mi intrigano sono quelle del Dr Pretti. SONO così ....... Eloquenti!!!!!!!!!!!!!

Scritto da Dott. Antonio Pescatore
Ariano Irpino (AV)