Domanda di Otturazioni Conservativa

Risposte pubblicate: 11

E' normale avvertire questa sensibilità per il solo fatto che l'otturazione sia rovinata?

Scritto da tati / Pubblicato il
Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni. Circa due-tre anni fa ho subito un'otturazione ad un molare dell'arcata superiore affetto da una carie profonda...ero ancora in tempo per non devitalizzarlo! Premetto che da quando sono piccola questo molare è stato curato ed otturato varie volte...a volte è stata semplicemente rifatta l'otturazione anche senza carie. L'anno scorso ho notato che il materiale dell'otturazione si è scurito vicino la gengiva e che usando il filo interdentale si sporcava di sangue, cosí sono andata dal mio dentista, ma lui ha detto che il materiale si era semplicemente scurito col tempo e che il sangue era dovuto alla formazione di placca! Ora, a distanza di un anno ho notato che l'otturazione si è scheggiata sopra, come se ci fosse un piccolo buchino e che comincio ad avvertire sensibilità al freddo e al caldo e sento un pó di fastidio nella zona di separazione tra un dente e l'altro (quindi avanti e dietro il dente in questione).Non voglio credere che sia cariato perché ho sempre usato filo interdentale e spazzolino elettrico da quando l'ho curato! Sicuramente andrò dal dentista a far rifare l'otturazione perché ormai è usurata. Volevo solo sapere se è normale avvertire questa sensibilità per il solo fatto che l'otturazione sia rovinata! Vi ringrazio in anticipo
Cara Signora Tati, buongiorno. Che dirle se non che tutto è possibile! Non si può fare una Visita Clinica via Web, la Tecnologia informatica fa passi da gigante ma visitarla informaticamente nel Web non si può :)Per completezza le spiego un po' tutto ciò che posso sulle patologie pulpari (il cosiddetto nervo). Bisogna valutare la Vitalità dei denti e se c'è una iperemia passiva da danno venoso che non è altro che una pulpite, non è reversibile e bisogna procedere alla terapia endodontica, se fosse una iperemia attiva con danno arterioso, la sofferenza pulpare sarebbe reversibile! Le spiego meglio: il dolore è dovuto semplicemente ad un maggior afflusso di sangue nel dente tramite l'arteria che lo porta, dovuto ad un meccanismo di difesa nei confronti dello stimolo irritativo, questo maggior afflusso causa una pressione dentro il dente che è inespandibile e comprime le terminazioni nervose causando dolore esacerbato dallo stringere i denti o dal "picchiettarvi sopra" o dagli stimoli termici in questo caso (che si chiama iperemia attiva) il processo è reversibile, la polpa si abitua ed in qualche giorno o settimana tutto scompare, se invece il danno causato dalle tossine dei microbi continua si ha una alterazione della vena che fa uscire il sangue dal dente e succede che il sangue arriva con l'arteria e non esce più con la vena danneggiata, si ha pressione che può anche scatenare dolori forti formando la cosiddetta pulpite acuta, o essere talmente leggera da non causare dolori in questo caso anche molto lenta, formando una pulpite cronica o meglio cronicizzata e le cellule della polpa del dente, arterie, vene, linfatici e tessuto nervoso, se non curata, muoiono ossia vanno in necrosi, come è successo a Lei e si può formare una zona di osteolisi periapicale (pallina nera alla Rx) intorno all'apice della radice, ossia un granuloma o una cisti e ci può essere un ascesso. Questa Visita deve avvenire nell'ambito di una doppia visita. Ossia, bisogna visitarla clinicamente con due visite intervallate da una preparazione iniziale con curettage e scaling e serie completa di Rx endorali, modelli di studio e tanto altro. Visite con sondaggio parodontale in sei punti di ogni dente di tutti i denti e tanto altro e seconda visita di rivalutazione con risondaggio delle tasche che ora indicheranno la reale profondità delle stesse perché è stato escisso il tessuto di granulazione presente! Si valutano anche le Recessioni Gengivali Presenti che, se sintomatiche e se raggiungessero la linea di giunzione mucogengivale che separa la Gengiva aderente dalla mucosa Alveolare, devono essere curate. Solo così si arriva ad una Diagnosi e ad una pianificazione terapeutica. Tramite la Visita Clinica e le Rx endorali, oltre a valutare visivamente il parodonto profondo, si valuta la eventuale sofferenza periradicolare o periapicale di tutti i denti. Legga nel mio profilo "Visita Parodontale" che poi non è altro che la Visita Odontoiatrica completa che mia Figlia Claudia ed io facciamo sempre per qualsiasi motivo fosse venuto da noi un paziente! :) Legga anche "Gengivite" e "La 'tasca parodontale.... questa sconosciuta!" e quanto altro volesse delle numerose pubblicazioni che troverà, tra cui le numerose pubblicazioni sulle Recessioni Gengivali. Come vede affrontare il suo "problema" è meno semplicistico di quanto apparirebbe ad una superficiale e frettolosa valutazione! In bocca al Lupo e Cari Saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Buongiorno Tatiana, "Solo per il fatto che l'otturazione sia rovinata" fa sorridere. Purtroppo sì, è sufficiente che sia "solo" rovinata per darle sensibilità. Ciò che per lei può essere solo un piccolo difetto può in realtà nascondere una recidiva cariosa che ha coinvolto i tubuli dentinali più prossimi alla polpa. Personalmente non condivido che il materiale "si sia scurito nel tempo" perchè le discromie delle resine raccontano la presenza di qualche difetto nel restauro, non necessariamente dovuto all'imperizia del collega, ma che comunque va eliminato. Io rimuoverei tutta la ricostruzione e in base alla quantità di tessuto dentale residuo valuterei la terapia, che non mi sembra troppo distante da terapia canalare e restauro indiretto. Auguri.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Vanessa Ciaschetti
Marostica (VI)

Gentile Tati, il fatto che lei usi il filo interdentale e lo spazzolino elettrico purtroppo non la mette al riparo da eventuali formazioni cariose. Sicuramente seguendo una corretta igiene orale domiciliare si riduce la eventualità ma sicuramente non si è immuni. Per quanto riguarda la sensibilità termica solo con accurata visita si può determinare l'origine che potrebbe essere anche il dente con la vecchia e profonda otturazione ma potrebbe avere anche altra origine. Si faccia visitare dal suo dentista che con le opportune indagini saprà darle giuste risposte. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

La risposta, come le hanno fatto capire i colleghi, è purtroppo affermativa. Una buona igiene orale è fondamentale ma, sopratutto quando ragioniamo su vecchie otturazioni (che possono infiltrarsi nel tempo in seguito ad una fisiologica perdita del sigillo, scheggiarsi etc etc), non sempre è sufficiente. È necessaria sicuramente una visita dal suo Dentista che valuterà, pulendo a fondo dove è venuto meno il sigillo, se il dente è ancora recuperabile (nel senso non da devitalizzare) oppure no.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, Solo la diagnostica radiologica ed una telecamera endorale con ingrandimento saranno dirimenti. Generalmente trattasi di patologia cariosa. Restiamo a sua disposizione, Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Pietro Leone
Napoli (NA)

Torni dal suo dentista per una valutazione del problema: visita-sondaggio-test termico-rx endorale: diagnosi. Un piccolo buchino, come dice lei, è sufficiente per crearle sensibilità. Il mettere in pratica una scrupolosa igiene orale domiciliare non la preserva dal rischio carie.

Scritto da Dott. Cristoforo Del Deo
Teramo (TE)
Consulente di Dentisti Italia

Lei ha il dovere di essere seria, e come prima cosa non deve mettere all'asta la sua salute al peggiore offerente. Come in tutti i casi della vita, chi sa e sa fare si fa pagare per fare bene le cose giuste. Andando avanti così, a colpi di trapano successivi, il suo povero dente si separerà dal corpo che lo possiede, e bisognerà mettere un impianto, impresa dove tutti i dentisti siamo campionissimi, per almeno mille euro più la capsula a parte. La perdita di un dente non mette in pericolo la sua vita, ma mette in pericolo la qualità della sua vita. Se vuole risparmiare soldi e salute, deve trovare un dentista nuovo e risoluto. Una buona otturazione garantita almeno dieci anni di pace assoluta costa circa 500 euro. Materiale: argento (se trova ancora chi ama e usa questo materiale) oppure la plastica di ultima generazione, molto buona solo se applicata bene. Altro materiale è l'oro zecchino, che costa forse più di mille euro, e deve essere garantito per almeno trenta anni, anche contro il rischio di frattura. (Si chiama onlay.) Non faccia mai la capsula che le consiglieranno, perché allo stesso prezzo avrebbe un costo biologico enorme. La capsula è più popolare perché pretende meno bravura professionale, e tutti i dentisti siamo capaci a farla senza perdite di tempo. Dunque si cerchi questo dentista che sia l'uomo della sua vita, da amare intensamente, ma non da rovinafàmiglie. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Tati, filo e spazzolino non possono ridurre la probabilità di carie a zero. Pertanto è possibile che il dente sia di nuovo cariato. La diagnosi di recidiva cariosa deve essere comunque fatta dal suo dentista dopo accurata visita. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Se l'otturazione è incongrua ( infiltrata) è normale avvertire fastidi o sensibilità come pure avere infiammazione gengivale. Se i margini sono in vicinanza dei tessuti molli se il colore si è modificato in breve tempo sospetterei una possibile infiltrazione cariosa. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Tati, il sanguinamento regredisce spontaneamente dopo la continua rimozione di placca, controlli se chi opera su di lei è iscritto all'ordine dei medici, se lo trova iscritto gli chieda, alle prossime cure, il suo parere sull'utilizzo della diga e dei coni interdentali.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)