Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 5

Mia figlia tredicenne ha un affollamento dentale

Scritto da daniela / Pubblicato il
Buongiorno. Mia figlia tredicenne ha un affollamento dentale superiore ed inferiore e ho consultato 3 diversi ortodonzisti. Due di questi sostengono che mia figlia dovrebbe estrarre i due premolari superiori e inferiori, il terzo sostiene invece che dovrebbe fare una terapia ortopedica per ampliare l'arcata superiore e contenere l'inferiore (secondo lui è una potenziale terza classe) anche perchè fisiologicamente non è ancora sviluppata e quindi dovremmo ancora fare in tempo ad ampliare il palato. Confesso che sono molto confusa e spaventata non so se l'estrazione, che permette di risolvere senz'altro il problema più rapidamente, possa però portare delle conseguenze nel tempo; d'altro canto una terapia ortopedica mirata ad allargare il palato potrebbe portare conseguenze parodontali? Oltretutto mia figlia ha già problemi posturali (scoliosi, dismetria degli arti inf, dislivellamento del bacino) e dislalia (ha fatto un ciclo di logopedia). Non so proprio a chi altro rivolgermi, spero tanto in una vostra risposta. Grazie
Cara Signora Daniela, buongiorno. Immagino che sia la stessa Signora che mi ha contattato per email personalmente, dato che ha stesso nome, stessa città stessa figlia , stessa età, stessi problemi ortodontici. Le ho risposto ma la Mail è stata respinta dal Server con la dicitura "Impossibile trovare l'indirizzo di posta elettronica immesso." Se mi riscrive con l'indirizzo email giusto e personale perché quello dato corrisponde al Ministero della Sanità Uffici interni ed è stato respinto, le do le informazioni richieste". Devo ora ripetere per l'ennesima volta: "la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Come posso risponderle, Professionalmente, quindi? Il suo Dentista invece può? Mi domando e le domando perché questa grande inaccettabile mancanza di Fiducia e Stima in Lui!" Parlo al singolare perché deve seguire solo un Professionista, quello in cui ha Fiducia e Stima, sentirne tanti è sbagliato profondamente. Come guida tenga presente solo chi avesse proposto una terapia solo dopo aver fatto tutto quello che ho scritto sopra, come minimo! Cari saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

La scelta di fare estrazioni per un affollamento va presa molto accuratamente con un esame cefalometrico, come dice il dr. Petti. Solo questo esame che svela un dato altrimenti ignorato, ci dice se può risolversi con o senza estrazioni. Se c'è anche una disfunzione linguale, bisogna assolutamente valutarla perchè sennò il trattamento non riesce oppure poi c'è recidiva fatale.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Deve affidarsi ad un bravo Ortodontista, di fiducia, e che sia uno. Solo chi visita sua figlia, con visita clinica completa - radiografie - fotografie - impronte e modelli di studio etc etc può fare una diagnosi definitiva e definita del problema, e proporle un adeguato piano terapeutico. In alcuni casi le estrazioni sono indicate, in altre no, anche se, a dire il vero, oggi se ne fanno sempre meno e si cercano soluzioni più conservative ogni volta che risulta possibile per risolvere l'affollamento; se sua figlia è ancora in piena fase di sviluppo scheletrico, e ne avesse bisogno, l'espansione palatale è una metodica collaudata senza effetti collaterali particolari se ben impostata (quindi neanche effetti parodontali negativi) e risolutiva. Più di questo non posso dirle, non conoscendo il caso mi devo limitare a queste considerazioni di massima.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Giulio Sbarbaro
Zocca (MO)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Daniela, oggi è possibile con la cefalometria e altri indici, stabilire un corretto piano di cure; questo lo sanno tutti gli odontoiatri, ma tutto questo ha dei costi e spesso i pazienti ricercano la visita gratuita per cui è normale ritrovarci le sue risposte. Affidi la bimba in buone mani, e si ricordi che i soldi della visita e dello studio del caso sono i soldi meglio spesi. Tanti preventivi senza studio sono incerti e con possibili complicanze.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Signora, le hanno gia risposto in modo completo, aggiungo solamente il consiglio di rivolgersi ad uno studio ortodontico specialistico che collabori con logopedista, e posturologo, al fine di fare una diagnosi ed un piano di trattamento a 360 gradi. Nel nostro caso integriamo anche un osteopata che talvolta risulta molto utile.

Scritto da Dott. Gabriele Floria
Monsummano Terme (PT)