Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 7

Il naso quando sorrido si abbassa per accompagnare le labbra che vanno all'indietro per aderire sui denti

Scritto da francesca / Pubblicato il
Ho avuto lussazione della mandibola da un lato, da trauma, ma dovuta anche a diversa lunghezza mandibola. Porto bite da 20 mesi e ora sembra tutto risolto non ho problemi di masticazione. Si sono però accentuati i problemi di postura della testa, e i dolori al collo fino alla spalla, per via del fatto che ora anche la mandibola quando apro la bocca ha l'asse non in linea con il resto della testa. (no scoliosi) ergo si sono inoltre accentuati problemi estetici. il lato lussato è (visto con tac) più piccolo, come da referto, ma nei limiti della norma. per cui tutto il lato non lussato pende verso il lato destro, naso, sorriso.... inoltre ho i denti verso il dentro della bocca, proprio la mascella inclinata, soprattutto posteriormente. Il mio sorriso di profilo è brutto per questo, perchè non emerge e sembro di profilo senza denti e con un mento appuntito. (le foto inviate non rendono giustizia del difetto) posteriormente quando mi tocco i denti a morso stretto, si sentono solo quelli di sopra che ricoprono completamente quelli di sotto. Non manifestando problemi di occlusione elevata (poichè sia i superiori che gli inferiori si spingono dentro la bocca), i dentisti fin'ora consultati non hanno dato peso alla valenza estetica e lo stesso dentista gnatologo presso il quale sono in cura, sottovaluta il mio problema estetico che mi sta portando a non sorridere. anche il naso, quando sorrido si abbassa per accompagnare le labbra che vanno all'indietro per aderire sui denti. mi chiedo cosa possa fare per spingere sia mascella che mandibola verso il fuori, se intervento o apparecchio, meglio invisibile, e se c'è qualche esperto a Bologna. Cordiali saluti.
Gentile Sig.ra Francesca, il suo caso è complicato. Potrebbe effettuare una visita presso un chirurgo maxillo – facciale per avere un parere. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Francesca, sperò si renderà conto che la sua situazione è complessa e coinvolge più specialità Odontoiatriche. Maxillo Facciali. Chirurgiche e Mediche! Per poterle rispondere bisogna arrivare ad una Diagnosi e ad un piano di cura che è conseguenza solo di approfonditi studi Gnatologici in Statica ed in Dinamica, che Articolari anche con Arco Facciale di Trasferimento, ceck up ortodontici e Cefalometrici, Radiografici di ogni tipo etcetcetc! Insomma senza Visitarla non posso dirle nulla di serio e concreto e Professionale!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia, Endodontia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Francesca, per l'estetica occorre uno studio del caso, che tenga in considerazioni le eventuali cure ortodontiche precedenti, probabilmente andava trattata in fase di crescita.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

E' difficile dare una parere così, via internet. Ma credo che ci siano una serie di disfunzioni a livello neuromuscolare. C'è una biretrusione da orbicolari forti (il difetto del naso..) ed anche forse un morso profondo (non si capisce dalle foto) e disfunzione ATM che sarà certamente post traumatica, ma anche da malocclusione di base. Tutto questo mi fa venire in mente una sola classe di apparecchi ortodontici che possono creare dei miglioramenti, non facendo assolutamente danni (come la maggior parte degli altri in un caso come il suo, e di questo bisogna stare molto attenti) ed in grado di riequilibrare anche la funzione neuromuscolare, ovvero gli apparecchi funzionali della scuola Bracco Cervera. Dimentichi completamente l'apparecchio invisibile. Questi sono apparecchi mobili e quindi ci vuole collaborazione a portarli. Ci vorrebbe contemporaneamente il lavoro di osteopata e logopedista. Ma tutto questo andrebbe preceduto, per essere autorizzati a fare il trattamento, da accurate analisi cefalometriche (per sapere cosa è, legga i miei numerosi articoli in proposito su questo sito a sui miei due siti). Infatti il Medico sa che la prima regola è "primum non nocere" e quindi un caso delicatissimo come il suo deve essere diagnosticato a fondo e trattato con maestria somma per non fare DANNI!!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile paziente occorre fare prima una corretta diagnosi, attraverso diversi studi sia cefalometrici che maxillo-facciali che estetici, e poi decidere come intervenire. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Stefano Salaris
Roma (RM)

La descrizione dei suoi problemi non quadra con le immagini fotografiche. Anche lo sbandamento a bocca aperta sembra micrometrico. Il viso è simmetrico e i muscoli che motivano la mandibola non sembrano in sofferenza. Le posso dire che solo da un certo punto di vista non si riesce a identificare il problema. Lei potrebbe avere solo un problema gnatologico, per il quale occorre una mente illuminata. Bisognerebbe incominciare con due modelli della dentatura montati su un compasso, raccogliere altri dati e concludere. Diffidi dalle messa in scena esagerate, i cui responsi sono come una consultazione astrologica, e possono danneggiare molto il portafoglio. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Francesca, anche senza avere tutti i dati, ti posso dire tranquillamente, che la risoluzione " estetica" del tuo caso è solo ed esclusivamente chirurgica, il tuo è un profilo biretruso, quello che si dice un profilo vecchieggiante, cioè quel profilo che assumono gli anziani quando perdono tutti i denti, alla tua età non è più possibile risolverlo altrimenti, però devo avvertirti che il percorso chirurgico è molto impegnativo e che il problema articolare complica le cose.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)