Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 6

SEGUITO ALLA DOMANDA: Malocclusione di seconda classe con morso profondo

Scritto da Fabrizio / Pubblicato il
Malocclusione di seconda classe con morso profondo Vorrei integrare la mia precedente domanda, scusandomi se sono stato troppo generico. In una visita odontoiatrica presso il Bambin Gesù di Roma, lo specialista ci aveva consigliato di attendere, per una terapia, fino ai 12 anni in quanto il ragazzo era in ritardo con la crescita. In effetti, mio figlio non ha ancora completato la dentizione permanente. Entrambi gli specialisti citati nel precedente post hanno eseguito l'esame cefalometrico arrivando alla medesima diagnosi. Il punto è che il trattamento proposto è differente e per tale motivo mi sono chiesto quale fosse il più "adatto" come giustamente mi è stato fatto notare. Relativamente alla diagnosi riporto quanto mi è stato rilasciato dalla specialista che intende trattare il bambino con la terapia mobile mio funzionale: - II Classe scheletrica e dentale dovuta alla disto-posizione della mandibola - Morso profondo - Lieve affollamento dentale.

Precedenti:
http://www.dentisti-italia.it/dentista_domande/ortodonzia/7287_ortognatodonzia-malocclusione-di-seconda-classe-co.html
Caro Signor Fabrizio, le ho risposto il perchè non si possa rispondere con Professionalità via Web ad una domanda già il 22-02-2013 ! Lei continua a sottolineare che è stata fatta la cefalometria! Benissimo. Essa serve a chi l'ha fatta per fare diagnosi, non serve a me per risponderle. A me servirebbe la mia Cefalometria e tutto il resto di cui le ho già parlato. In parole povere dovrei visitarla più volte!Questo se vuole una risposta seria. Se poi volesse un elenco inutile di ipotesi, non le troverei assolutamente utili per Lei! Cerchi di capire per favore!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia, Endodontia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Ribadendo fortemente che siamo totalmente fuori tempo perchè nessun ritardo di crescita (a mano di gravi sindromi congenite) giustifica aspettare così tanto per questo tipo di difetto ortodontico, e confermo la mia predilezione per apparecchiature funzionali e non fisse per questi casi. Quindi, anche se sarà molto difficile a questa età, ci vuole che il ragazzo collabori e porti l'apparecchio,che è mobile. Se lo porta si corregge, sennò, col fisso si fanno più danni che altro. Indispensabile verificare la postura e funzione linguale, che determina da sola la maggior parte delle malocclusioni
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Sono daccordo con Passaretti. I problemi scheletrici, e questo pare sia il problema di suo figlio, vanno affrontati il più presto possibile, ed a mio parere con apparecchiature funzionali. Questo ritardo di crescita in questa situazione gioca a nostro favore, perchè ci da ancora tempo per correggere i problemi sceletrici

Scritto da Dott. Salvatore Medaglia
Caserta (CE)

E' universalmente riconosciuto che il TIMING ottimale (ossia il momento della crescita durante il quale intervenire) per la correzione ortopedica delle malocclusioni di II classe è appena prima dell'inizio del picco di crescita puberale. Quindi in linea di massima concordo con chi le ha detto di aspettare. Detto questo dovrei solo visitare suo figlio per essere più preciso, così come già spiegato da altri colleghi. Cordialità

Scritto da Dott. Gabriele Stirpe
Priverno (LT)

L'approccio funzionale consente, con una buona collaborazione del paziente, di guadagnare molto nel rapporto tra mascellare e mandibola limitando nella durata e nella difficoltà la terapia fissa.

Scritto da Dott. Massimiliano Trubiani
Roma (RM)

Sig. Fabrizio, è difficilissimo a distanza senza la minima conoscenza del caso stabilire il trattamento più efficace per suo figlio. Entrambe le proposte sono corrette.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)