Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 13

Mia nipote di nove anni ha scoperto di non avere i due incisivi centrali definitivi

Scritto da lino / Pubblicato il
Salve, mia nipote di nove anni ha scoperto di non avere i due incisivi centrali definitivi, credo si chiami agenesia. Quali sono le soluzioni per questo problema? grazie Lino
Le soluzioni sostanzialmente sono due. O si lascia e mantiene perfezionandolo, lo spazio relativo ai denti mancanti per poi rimpiazzarli in età più adulta, oppure si chiudono gli spazi. Tutto ciò, sia la prima che la seconda, si ottengono tramite trattamento ortodontico. E la decisione viene presa solo rigorosamente dopo una analisi degli spazi ossei (senza la quale si procede letteralmente alla cieca per tentativi a tentoni) che si chiama cefalometria (veda se vuole sul mio sito  che cosa è). Recapitaolando, prima si fa una diagnosi, con analisi degli spazi, per via cefalometrica. Poi si fa un trattamento ortodontiche che può mirare a due obiettivi opposti: richiudere gli spazi tramite apparecchio, o mantenerli aperti al fine di sostituire prima in via provvisoria e piu avanti in via definitiva i denti mancanti. Le agenesie riguardano ben il 10 per cento circa dei bambini..
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Caro Signor Lino, L'amico carissimo Dottor Passaretti le ha spiegato l'essenza della terapia in caso di agenesia degli incisivi in un bimbo, con estrema semplicità e precisione. Ribadisco che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. La Diagnosi Ortodontica e la progettazione terapeutica sono come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta che le può dire solo un Ortodontista dopo le visite suddette. Non posso quindi esprimere giudizi, senza vederla! Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile sig. Lino, quello di cui parla -l'agenesia degli incisivi laterali- è la mancanza dei germi dentari relativi agli incisivi laterali, si tratta di una anomalia molto diffusa, spesso su base familiare. Non ha conseguenze pratiche per la salute generale della persona, si tratta di seguire il paziente mediante l'ortodonzia, in modo da creare lo spazio necessario per la futura protesi, che va eseguita solo ad accrescimento terminato, in pratica verso i venti anni. In questo frattempo, una volta creato lo spazio, si applicano dei mantenitori di spazio. Le protesi che si possono realizzare sono di diverso genere, qui il problema è non toccare gli incisivi centrali e neanche i canini. Per gli impianti sono sempre restia, per il fatto che nel tempo potrebbe scoprirsi il colletto dell'impianto, e quindi determinare un danno estetico che spesso è rilevanti. Non sfugge infatti che la vita della persona comporta delle trasformazioni cui l'ambiente orale è soggetto.Nella pratica le gengive si riassorbono, e quindi nel tempo si vedono i colletti degli impianti in zona anteriore. Peraltro, il riassorbimento dell'osso mascellare è sempre piuttosto pronunciato, e poi bisogna considerare anche la classe di occlusione del paziente, che qui non è citata. Date tutte queste premesse, abbiamo risolto molti casi del genere mediante l'applicazione di protesi adesive eseguite con materiale del genere TARGIS, ponti Maryland che comportano due alette posteriori agli elementi (canino e incisivo centrale) e portano quindi l'elemento mancante permettendo una estetica molto evidente. Non ci si accorge di portare delle protesi. Inoltre, tali protesi sono anche economiche. Una serie di buone caratteristiche che fanno scegliere questi materiali, anche tenendo presente che si rivolgono ad un pubblico di ragazzi, dove non si toccano le strutture e si ridà un sorriso. Non bisogna poi dimenticare la funzione del canino, che è quella della lateralità, il quale, messo al posto dell'incisivo laterale, si trova a delegare la sua propria funzione. Un sorriso senza incisivi laterali non è estetico, perché manca la transizione di forma che proviene dall'incisivo centrale. Spero di averle dato una panoramica esaustiva e chiara dell'argomento. Cordiali saluti
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Maria Grazia Di Palermo
Carini (PA)
Consulente di Dentisti Italia

Rileggendo la sua domanda, mi sono reso conto che lei parla di agenesia degli incisivi centrali. Questa è super-rara. Probabilmente sono i laterali. Bellissime le risposte dei colleghi Petti e Di Palermo. Ora dovrebbe avere un quadro ben completo..

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

La mancanza per agenesia di denti permanenti è un problema più per la gestione dell'osso alveolare che per tutto il resto. Ogni terapia tenga in considerazione questo fattore. Se si sta avvalendo dei servizi di un vero dentista non vi saranno problemi. Cordiali saluti.

Scritto da Dott. Davide Colla
Seregno (MB)
Collaboratore di Dentisti Italia

Egregio Signor Lino, le risposte che ha ricevuto dai Colleghi che mi hanno preceduto, sono state molto chiare e precise. Serve fare terapia ortodontica sia per avvicinare i denti e chiudere gli spazi, che per creare gli spazi adatti all'aggiunta futura dei denti mancanti per agenesia. L'unica raccomandazione che mi sento di farle é di intervenire subito, adesso che sua nipote ha 9 anni, per terminare il trattamento ortodontico entro i prossimi due anni, cioè all'età di fine permuta dentaria. Se la bambina perde quest'occasione di trattamento ortodontico durante l'età di permuta dentaria, sarà tutto molto più difficile e con risultati molto più limitati. Cordiali saluti.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Angelo De Fazio
Casalnuovo di Napoli (NA)
Consulente di Dentisti Italia

Se, come penso, si tratta degli incisivi centrali inferiori, per adesso la bambina dovrà essere seguita da un ortodontista il quale deciderà se chiudere gli spazi o mantenerli. In questa seconda eventualità, quando avrà 16 - 17 anni, si deciderà come procedere per la sostituzione.

Scritto da Dott. Paolo Gaetani
Lecce (LE)

Gentile Sig. Lino, è sicuro che si tratti di agenesia dei due incisivi centrali. Molto probabilmente si tratta dei laterali. In ogni caso bisogna fare una attenta valutazione degli spazi. Se sono i centrali chiudere gli spazi mi sembra difficile ed inestetico. Cosa diversa per i laterali. Altrimenti si tengono aperti ed a fine crescita di valuta una sostituzione protesica. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Lino, i denti decidui sono presenti? Chi ha diagnosticato questa rara agenesia? Per sua nipote occorrono dati certi di un odontoiatra che si assuma tutta responsabilità del caso e non vari pareri telematici, che possono essere solo spiegati a professionisti competenti della materia

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Che sia sua nipote di 9 anni che faccia diagnosi di agenesia è piuttosto strano. Non ci sono dentisti a Napoli? Ad ogni modo l'agenesia dei centrali superiori è piuttosto rara e probabilmente c'è un odontoma che impedisce la loro eruzione. Già il suo dentista con una panoramica farà la diagnosi. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia