Domanda di Ortognatodonzia

Risposte pubblicate: 10

Quale professionista e' piu' adatto a risolvere il mio problema?

Scritto da Giuly / Pubblicato il
Salve, ho 19 anni e all'eta' di 11 anni mi e stato messo un apparecchio mobile da portare 14 ore al giorno. non so precisamente il nome; il mio dentista lo ha sempre chiamato TEO. e' un apparecchio che ha un filo mettallico da mettere all'interno e poi ai lati altri 2 fili mettallici simili a baffi che rimangono fuori, questi 2 baffi sono tenuti da un elastico che si mette dietro la nuca. poi mi e stato aggiunto un apparecchio di gomma molle(trainer ?) che, oltre ad essere fastidoso, in un anno non ho visto risultati cosi li ho tolti. ora il mio problema e' che ho la parte superiore sporgente mentre la mandibola arretetrata. spesso ho fischi alle orecchie e una capacita' ridotta uditiva (ho fatto le visite e tutto è apposto ma io continuo ad essere "sorda") quale professionista e' piu adatto a risolvere il mio problema ? e piu o meno quale "terapia" dovrei ricevere ? era giusta quella in corso ??
Gentile Giuly, interrompere autonomamente le cure senza alcun elemento di valutazione da parte del professionista che la aveva in cura è stato un gravissimo errore. Avrebbe dovuto consigliarsi ed ascoltare le spiegazioni e le prospettive del medico curante che probabilmente stava facendo il possibile per risolvere il suo problema che sicuramente avrà diagnosticato con accurata visita ed analisi dei tracciati cefalometrici su telecranio. Se non ha più fiducia provi un altro consulto da un collega esperto in ortodonzia magari cercando anche in questo sito un professionista a lei vicino. Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Tersandro Savino
Tivoli (RM)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Giuly, hai fatto malissimo ad interrompere bruscamente la terapia ortodontica in quanto l'età di 11 anni era la migliore per intervenire a risolvere la tua malocclusione. Ti consiglio di rivolgerti ad un collega esperto di ortognatodonzia che potrai trovare facilmente anche su questo portale. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Aldo Santomauro
Palermo (PA)
Collaboratore di Dentisti Italia

Una mandibola arretrata va trattata assolutamente. Fischi ed acufeni ne sono sintomi evidenti ( data la vicinanza dei terminali mandibolari, i "condili", con le strutture dell'orecchio). Da quello che dici mi sembra che il trattamento dovrebbe essere combinato: ortodontico-gnatologico, con un riposizionatore mandibolare da portare 6/9 mesi h 24 con mandibola in avanzamento e successiva correzione ortodontica tesa a stabilizzare il fisiologico riposizionamento mandibolare. Il professionista cui rivolgersi è un ortodontista con salde conoscenze gnatologiche.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Lorenzo Alberti
Roma (RM)
Collaboratore di Dentisti Italia

Esempio di ortodonzia fissa. Da casistica della Dr.ssa Claudia Petti di Cagliari
Cara Signora Giuly, spero che col dire:"non ho visto risultati cosi li ho tolti", intenda dire che l'Ortodontista li ha tolti, perchè altrimenti avrebbe combinato un bel guaio! TEO è l'acronimo di Trazione Extra Orale, ed è un apparecchio ortodontico in parte intraorale e in parte extraorale. Non posso risponderle in modo completo ed appropriato e soprattutto professionale perchè non la vedo clinicamente e quindi non posso studiare il suo caso. L'Ortodonzia, infatti ha bisogno per fare una diagnosi ed impostare una terapia, di un corretto check-up ortodontico studiando teleradiografie, fotografia del profilo e di fronte e modelli di studio e tanto altro e disegnando u tracciato cefalometrico in cui si misurano angoli e segmenti di retta ben precisi che portano ad una diagnopsi, appunto e ad una terapia! Si rivolga al suo Ortodontista e chieda a lui che la conosce bene da anni!Per completezza il Professionista per il suo problema deve essere un Ortodontista!Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Salve, le occorre uno specialista stomatologo che conosca bene la gnatologia e la terapia dei disordini cranio mandibolari. Se vuole visiti il sito www.dentiebenessere.it , vedrà che lì troverà tutte le risposte ai suoi dubbi. cordialmente. La TEO o trazione extraorale non solo non le ha prodotto miglioramenti ma addirittura potrebbe peggiorarle il quadro clinico. Cordialmente

Scritto da Dott.ssa Biancamaria Castellucci
Firenze (FI)

Gentile paziente, letta la sua situazione clinica, trattasi di una Trazione extra Orale, che aiuta lo spostamento del mascellare superiore rispetto la mandibola. Sicuramente le competenze sono di un Ortognatodontista, ossia colui che si occupa di tale branca, che dovrà attentamente analizzare la sua precaria situazione attuale a cui fà riferimento con la presente. Distinti saluti Tommaso Giancane

Scritto da Dott. Tommaso Giancane
Noci (BA)
Consulente di Dentisti Italia

Alla sua età da specialista in ortodonzia sono molto perplesso le venga consigliata questa terapia, si rivolga ad uno specialista o comunque ad un collega molto esperto in ortodonzia che la saprà consigliare al meglio. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Deve rivolgersi ad un odontoiatra ortodontista per rivalutare la sua situazione ma senza prendere iniziative che possano nuocerle. Saluti

Scritto da Dott. Sandro Compagni
Latina (LT)

Sig.Giuly, un semplice odontoiatra che si occupa di ortognatodonzia, in collaborazione con un otorinolaringoiatra e il suo medico di base possono aiutarla.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Giuly le teo servono abbastanza a poco visto che le seconde classi normalmente hanno una retrusione mandibolare piuttosto che una protrusione mascellare. Per quello che riguarda i fischi alle orecchie dovrebbe consultare un otorino, per ciò che riguarda i denti io farei un trattamento ortodontico da un dentista specialista in ortognatodonzia, distinti saluti

Scritto da Dott. Domenico Aiello
Catanzaro (CZ)