Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 11

Ho 36 anni e da un po' di tempo volevo mettere a posto i denti...

Scritto da caterina / Pubblicato il
Buongiorno a tutti, ho 36 anni e da un po' di tempo volevo mettere a posto i denti (malocclusione II classe scheletrica, ipodivergente, II classe molare dx e sx, II classe canina dx e sx, OJ=1 mm, OB=1 mm). Pero' ho tanti dubbi sulla proposta del mio odontoiatra: una prevede un'intervento maxillo-facciale su mandibola e non penso di farlo, l'altra l'allineamento superiore ed inferiore delle arcate senza miglioramento occlusale (ma allora che senso ha pagare una somma non esigua e non risolvere nulla tranne il fattore estetico?) Alcuni vostri articoli mi confermano che l'odontoiatria non'e una scienza esatta e spero che ci siano i metodi non aggressivi ma che possono risolvere anche il mio caso a fondo. Grazie
Per poterle dare un parere sensato occorrerebbe sottoporla ad un esame clinico accurato corredato da indagini radiografiche mirate. A livello generale si può affermare che in età adulta è impossibile correggere squilibri scheletrici se non con la terapia ortodontico-chirurgica o, in alternativa, possiamo compensare dentalmente la malocclusione lasciando inalterata la struttura scheletrica. Capire cosa fare nel suo caso non può prescindere da quanto le ho detto in precedenza. Cari saluti, Dr.Roberto Del Rosso, Specialista in Ortognatodonzia, Terni
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Roberto Del Rosso
Terni (TR)

Gentile sig.ra Caterina, è impossibile darle un suggerimento senza visitarle perché non si tratta solo di scegliere come modificare la posizione dei suoi denti, ma anche di valutare quale sarà l'impatto sul suo profilo del trattamento che si andrà a fare. Se ha piacere dopo una visita sarò lieto di darle il mio parere. Cordialmente

Scritto da Dott. Alvise Cappello
Padova (PD)

Caterina, ascolti queste parole: c'è una grande differenza tra il possibile e il plausibile. Ascolti diversi pareri! Nel dubbio, lasci perdere il dentista più bravo, e si affidi al dentista più saggio. Buona fortuna!

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile signora, i dati che ci invia possono essere compatibili con un buon rapporto dentale. Vorrei vederla a Verona dove mi trovo spesso, oppure ci faccia avere le sue fotografie ( del profilo e dei denti). Cordiali saluti E.Spagnoli

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

La scienza in quanto tale è esatta perché supportatati e confortata da esperimenti che la rendono tale; mentre la tecnica può non essere esatta in quanto spesso soggettiva. Tradotto in italiano: vada da un dentista che le sembra bravo e si affidi a lui

Scritto da Dott. Giovanni Vergiati
Fornovo di Taro (PR)

Troppo difficile dare consigli con questi dati a disposizione. E' vero che ci sono spesso opinioni diverse, talora altrettanto valide. Ci sono casi come il suo che sono solo chirurgici, altri invece che possono essere sistemati con il trattamento ortodontico.. L'importante è che sia stata eseguita una cefalometria per fare la diagnosi corretta, altrimenti si va ad occhio.. Veda cos'è la cefalometria nei miei articoli in questo sito e nei miei siti.

Scritto da Dott. Paolo Passaretti
Civitanova Marche (MC)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Signora Caterina, rispiego ancora ed ancora che La Diagnosi Ortodontica è un atto Medico molto serio ed importante e che scaturisce solo da un Ceck up Ortodontico completo e da una analisi Cefalometrica che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere. Per Fare una Diagnosi e Programmare una Terapia, bisognerebbe vederla Clinicamente, questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediata, è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico sono complesse Bisogna valutare il "discorso miofunzionale e di postura della lingua" e sappia che le valutazioni da fare sono molto più complesse di quanto creda. Oggi esistono esami elettromiografici di superficie per l'analisi funzionale e non solo morfologica che misurano le attività elettromiografiche in occlusione centrica con contrazione di gruppi muscolari specifici in particolari e diverse situazioni contrattili e registrando degli indici ben precisi. Ora esistono anche teleradiografie particolari che permettono di sovrapporre lo scheletro e il profilo fotografico per meglio fare queste valutazioni (stereofotografia che sincronizza il viso del paziente con il volume osseo, quindi, volumetrica).Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Sig.ra Caterina, senza una visita non si può dire nulla. Sarebbero solo supposizioni senza nessun fondamento. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Gentile Signora Caterina, se la sua problematica che le è stata diagnosticata è di natura scheletrica(II classe ipodivergente) l'unico trattamento utile ed efficace è quello ortodontico-chirurgico. Diffidi da chi le propone un trattamento di compromesso solo ortodontico, questo sarà inevitabilmente destinato ad una recidiva. Si rivolga ad un Ortognatodontista che si occupi di Ortodonzia pre-chirurgica e non abbia timore di un intervento maxillo-facciale che oggi si effettuano in sicurezza e precisione. Cordiali saluti Prof. Alessandro Silvestri Roma
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Prof. Alessandro Silvestri
Roma (RM)

Sig. Caterina, lei ha già perso tempo prezioso le cure andavano fatte in fase di crescita, ora vuole fare ancora di testa sua non sottoponendosi alla chirurgia maxillo-facciale e pretende scorciatoie economiche che sistemano tutto! Quando un paziente non da carta libera all'odontoiatra, non può pretendere e il rischio di complicanze senza responsabile è dietro l'angolo.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)