Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 5

Secondo voi l'ho tenuto poco tempo? non è che dopo i miei denti si accavallano di nuovo?

Scritto da michela / Pubblicato il
Salve a tutti ho quasi 24 anni e porto l'apparecchio fisso di ferro con le stelline, ho messo l'apparecchio a ottobre 2012 quindi da circa 16 mesi il mio problema era che avevo uno spostamento del dente in avanti accavallato quindi ho dovuto tirare 2 o 3 denti del giudizio non ricordo bene..i denti si sono raddrizzati solo che quando chiudo la bocca ho il palato anteriore più in fuori rispetto a quello di sotto, ora il mio dentista mi sta facendo mettere degli elastici trasparenti che si mantengono sui molari di sotto con un gancetto sull arcata superiore, stiamo un Po affrettando i tempi perché io a luglio 2014 devo sposarmi quindi voglio levarlo solo che la mia paura è che ce la farò in tempo a fa combaciare l'arcata superiore a quella di sotto senza alcun spazio?oppure anche se mi rimane non vuol dir niente? secondo voi l'ho tenuto poco tempo? non è che dopo i miei denti si accavallano di nuovo? grazie a tutti in anticipo aspetto una vostra risposta
La valutazione ortodontica ed il piano terapeutico è soggettivo e dipende da molti parametri impossibile risponderle In un paziente adulto le variabili sono ancora maggiori. Cordiali saluti

Scritto da Prof. Marco Finotti
Padova (PD)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Michela, il suo odontoiatra avrà studiato un piano di trattamento che teneva conto dei risultati, delle tempistiche e delle eventuali recidive, per cui può tranquillamente assicurarsi con lui che tutto sta procedendo per il meglio.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Cara Signora Michela, rispiego per l'ennesima volta che La Diagnosi Ortodontica è un atto Medico molto serio ed importante e che scaturisce solo da un Ceck up Ortodontico completo e da una analisi Cefalometrica che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica già descritta! Per Fare una Diagnosi e Programmare una Terapia, bisognerebbe vederla Clinicamente, questo lunghissimo discorso che spero non l’abbia tediata, è per spiegarle e farle capire che le patologie dell’apparato stomatognatico (La bocca nel suo intero) sono complesse e richiedono Cultura, Intelligenza e Capacità Clinica oltre che Terapeutica! Bisogna valutare il "discorso miofunzionale e di postura della lingua" e sappia che le valutazioni da fare sono molto più complesse di quanto creda. Oggi esistono esami elettromiografici di superficie per l'analisi funzionale e non solo morfologica che misurano le attività elettromiografiche in occlusione centrica con contrazione di gruppi muscolari specifici in particolari e diverse situazioni contrattili e registrando degli indici ben precisi. Ora esistono anche teleradiografie particolari che permettono di sovrapporre lo scheletro e il profilo fotografico per meglio fare queste valutazioni (stereofotografia che sincronizza il viso del paziente con il volume osseo, quindi, volumetrica). Banalmente forse, per lei, le dico che "Senza tutto questo che le ho spiegato, non posso rispondere, in modo professionale, deontologico e corretto"!Poi, il suo Ortodontista ha fatto la fatto la Diagnosi ed impostato la terapia! Accidenti quanto è labile la sua Fiducia e la suo Stima in Lui!!! Si confidi con lui, gli parli, parlatene. Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Estetica Dentale e del Sorriso e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Non si può interrompere un trattamento ortodontico come non si può scendere da un treno in corsa. Il suo problema finale è di ottenere una stabilizzazione che vada bene per il suo assetto osseo, altrimenti restiamo sulle sabbie mobili. Il suo matrimonio. Adesso subentra un problema umano sul quale il dentista non dovrebbe mai farsi negare. Che smonti e rimonti la parte metallica che sparerà sulle fotografie. Chieda e le sarà dato. Auguri e figli maschi. Buona fortuna!
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sebastiano Carpinteri
Torino (TO)
Consulente di Dentisti Italia

I risultati a luglio possono anche non essere perfetti. In tal caso potrebbe farsi togliere l'apparecchio che, con una piccola spesa, si potrà rimettere dopo le fauste nozze. Auguri

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia