Domanda di Ortodonzia

Risposte pubblicate: 9

Tra poco dovrò mettere l'apparecchio fisso sopra per far uscire un incisivo laterale destro

Scritto da Claudia / Pubblicato il
Salve ho 26 anni e tra poco dovrò mettere l'apparecchio fisso, sopra per far uscire un incisivo laterale destro. Sono una terza classe scheletrica ma i miei molari chiudono bene, credo di aver capito in prima classe. Il problema sta sotto, perchè ho l'incisivo laterale destro indietro ed il canino sinistro ruotato quasi di 90 gradi inclinato in avanti. Sono andata in parecchi dentisti, e due sono stati similari nella terapia da attuare. Ovvero non toccare il sotto e fare solo il sopra. Oppure TOGLIERE l'incisivo laterale inferiore per fare spazio, e raddrizzarli cosi, perdendo la linea mediana sotto. Sono nel panico. Perche lasciarli storti sotto, mi da fastidio, ma pensare di togliere un dente davanti.. mi mette i nervi. Cosa ne pensate? Si vedrà esteticamente?? Cosa mi consigliate.. Grazie.
Gentile Paziente, la cosa più importante in qualsiasi atto medico è effettuare prima la diagnosi corretta che in ortognatodonzia richiede modelli di studio della bocca, Rx ortopantomografia, teleradiografia latero-laterale ed eventualmente postero-anteriore, cefalometria ortodontica (esame fondamentale!), fotografie del viso e della bocca. Capisce bene che non è possibile rispondere correttamente alle sue domande (se non per ipotesi) senza questo studio approfondito. Si rivolga ad uno specialista preparato che esegua TUTTI questi esami: sarà sicuramente un buon inizio! Cordialmente
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Paolo De Carli
Majano (UD)

Buongiorno Claudia è difficile dare una risposta esauriente al tuo quesito senza avere una documentazione sufficiente per capire il tuo caso clinico. Quello che ti posso suggerire come mai un incisivo laterale non è sceso in arcata visto che in genere il problema di mancato spazio interessa il canino, al secondo quesito suggerisco di capire quanto spazio abbiamo a disposizione e quanto ne abbiamo bisogno per decidere se estrarre o meno, il canino sicuramente deve lavorare in modo da fare da guida quindi proteggere l'ATM nei movimenti di laterarità. Balducci Isabella Perugia
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott.ssa Isabella Balducci
Perugia (PG)

Salve è difficile rispondere via web alle sue domande perché per fare una corretta diagnosi diagnosi ortodontica occorre una serie di esami modelli della bocca cefalometria foto ecc. ecc. altrimenti si può solo ipotizzare ed andare avanti a tentativi e non penso che lei voglia tentare, rimango a sua disposizione per eventuali chiarimenti, cordiali saluti dott. Angelo Di Mauro

Scritto da Dott. Angelo Di Mauro
Sant'Agata li Battiati (CT)

Cara Signora Claudia per l'ennesima volta e chiedendo scusa ai colleghi e a voi pazienti devo ribadire che la diagnosi Ortodontica è cosa seria e dipende da una infinità di problemi da valutare con accurato check up ortodontico e cefalometria che misura delle semirette che individuano dei piani e degli angoli in base a cui si fa una diagnosi e si prospetta una terapia ortodontica e che è compreso in più visite, rilievi di dati e soprattutto uno studio a "tavolino" dei problemi da correggere; è come una progettazione matematica di una espressione, di un problema che la cui soluzione è in una sequenza di espressioni , numeri e dati e, chiedere quello che chiede lei per l'ortodonzia, sarebbe come chiedere ad un matematico il risultato di un problema senza fargli fare tutti i "passaggi" che lo possano portare alla soluzione richiesta. Vede, siamo entrati in concetti complessi! Poi Modelli di Studio Ortodontici, Fotografie del profilo e di Fronte in rapporto 1:1 e ovviamente una Visita Clinica Gnatologica a completamento di quella Ortodontica!Cosa ne sa di queste problematiche Lei, caro Signor Matteo??Cordialmente Gustavo Petti, Parodontologia, Implantologia, Gnatologia e Riabilitazione Orale Completa in Casi Clinici Complessi ed Ortodonzia e Pedodonzia la figlia Claudia Petti, in Cagliari
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gustavo Petti
Cagliari (CA)
Consulente di Dentisti Italia

Sig. Claudia, concordo con i colleghi in primis una corretta diagnosi, per cui se la faccia scrivere e poi ci riscriva.

Scritto da Dott. Diego Ruffoni
Mozzo (BG)
Consulente di Dentisti Italia
Carnate (MB)

Gentile Sig. ra Claudia, una terapia ortodontica è complessa e per prendere una decisione bisogna fare svariati esami. Posso darle un suggerimento, si fidi di chi per fare il piano di cura chieda panoramica, radiografia laterale, radiografia postero anteriore, modelli di studio, serie di fotografie e cosa più importante tracciato cefalometrico. Cordiali saluti

Scritto da Dott. Massimo Tabasso
Savigliano (CN)
Consulente di Dentisti Italia

Cara Claudia, confermo, che senza elementi diagnostici ( foto, lastre etc.) stiamo facendo un esercizio di pura accademia, però dal tuo racconto posso dedurre, che manchi completamente lo spazio per il laterale inferiore; quindi per riallineare i denti , è necessario fare spazio, e per farlo è necessario espandere l' arcata e sopratutto sventagliare in avanti gli altri incisivi, ma questo farebbe sicuramente scivolare la mandibola in avanti, e portarti addirittura ad un morso inverso, per cui, anche secondo me se li vuoi allineare, la soluzione migliore è l' estrazione, per le problematiche estetiche della non coincidenza delle linee mediane, dipende da quanto scopri gli incisivi inferiori e dalla profondità del morso, di solito non si nota molto, certo che se ti ci fissi, lo potresti , tu, far diventare un problema, comunque ti basta chiedere una ceratura diagnostica, che sicuramente dovrai pagare a parte, ma ti farà vedere direttamente come verrà la tua bocca a caso finito.
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Gianluca Pucci
Roma (RM)

Gentile signorina, senza delle sue foto e panoramica non è possibile risponderle bene. Ce le mandi e le risponderò. Cordialmente

Scritto da Dott. Edmondo Spagnoli
Lecco (LC)
Consulente di Dentisti Italia

Carissima paziente, come hanno ribadito i miei colleghi, prima di fare un piano di trattamento e' necessario eseguire un check-up (Rx panoramica, telecranio laterale e frontale, foto e impronte) che permette di eseguire uno studio cefalometrico. Questo permette di formulare una diagnosi (qual'e' il problema), una prognosi (cosa succederà se non si fa niente) ed un piano di trattamento (cosa bisogna fare per risolvere il problema). Trattare solo l'arcata superiore o l'inferiore non ha molto senso. L'obiettivo e' l'occlusione (il combaciamento dei denti) e ovviamente l'estetica (denti dritti in un profilo armonico). Resto a disposizione per qualsiasi altro chiarimento. Dott. Sergio Sambataro. Direttore COS Centro di Ortodonzia e Gnatologia di Catania
CONTINUA A LEGGERE

Scritto da Dott. Sergio Sambataro
Catania (CT)